Le interviste di Wuz.it

Monica Guerritore: Clarissa Pinkola Estés mi ha dato la forza di camminare sola

Attrice straordinaria, regista raffinata e colta, Monica Guerritore è protagonista assoluta del panorama teatrale (e cinematografico) italiano.
Nel 2010 ha anche pubblicato un libro autobiografico, La forza del cuore, edito da Mondadori.
L'abbiamo incontrata a Milano, in occasione della presentazione della pièce Mariti e Mogli (in scena al Teatro Manzoni), e le abbiamo chiesto qualche consiglio di lettura.

.
Quali libri consiglierebbe per una formazione drammaturgica? E, in particolare, quali sono stati formativi per lei?

Per il mio mestiere sicuramente Hillman, quindi Il codice dell’anima, la Re-visione della psicologia, come attraversare la lettura e i personaggi trovando in loro il mito, al di là del racconto e della superficie.
Quindi Carl Gustav Jung.
Un altro molto, molto importante è sicuramente Donne che corrono coi lupi di Clarissa Pinkola Estés.
Quest’autrice mi ha dato la forza di camminare sola e quindi di intraprendere anche il mestiere da sola.
Interprete, regista, lei è una contadora, una narratrice di favole.

Cosa sta leggendo adesso, al di là del copione... ovviamente?

Adesso sto lavorando su La donna che visse due volte [di Pierre Boileau e Thomas Narcejac, edito in Italia da Adelphi, ndr.] perché ho scritto una sceneggiatura e forse, se mi co-produrranno, ne farò uno spettacolo teatrale.
È un thriller.
Ha un incipit da Hitchcock (che del resto ne ha tratto un film) ed è il mito della donna che ritorna, quindi della donna vendicativa, in versione noir.


di Carlotta de Lorenzo


Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente