Dasetteadodici

Storie del terrore da un minuto: racconti di Connelly, Atwood, Patterson e molti altri

“Era una notte buia e tempestosa…” – No, così lo sanno fare tutti. Allora, riproviamo: “Il raschiare dei rami sul vetro nella notte senza luna…”. Nemmeno! Alla fine, amici cari, parliamoci chiaro: far ridere è facile, ma far paura è proprio un’altra cosa. Ognuno di noi ha paura di qualcosa di diverso, bestie striscianti, mostri del buio, fantasmi e altri orrori, ciò che spaventa me non spaventa voi e viceversa.

Tra poco sarà la notte di Halloween, tutti pronti e mascherati per fare il giro di dolcetto o scherzetto, e per tornare felici a casa nostra, al sicuro, con un carico di caramelle e dolcetti – certo, se sarete fortunati! Comunque, visto che sono certa che lo sarete, seguite il mio consiglio. Sedetevi attorno al tavolo, o su un comodo divano, dividetevi i dolcetti e prendete questo libro. A turno leggete un racconto per ogni caramella o per ogni cioccolatino che verrà scartato: giusto il tempo di masticarla e vi scapperà un urlo di terrore!

Storie del terrore da un minuto

Quanta paura puoi avere in sessanta secondi? Tanta, tantissima. Soprattutto se le storie sono le più brevi, terribili e inquietanti che siano mai state scritte. Settantadue grandi autori per adulti e ragazzi si sfidano per farti provare un brivido lungo non più di tre pagine. Settantadue storie brevi, dallo humour nero all'horror puro, dopo le quali non potrai più guardare allo stesso modo il gatto in fondo al vicolo, l'armadio dall'anta che cigola e neppure la tua immagine riflessa allo specchio.

Troverete i racconti di 72 autori, tra i migliori del momento, storie brevissime, durano circa 60 secondi! Alcune sono fumetti, altre silent story con sole immagini, ci sono haiku – anzi horroraku, limerick e filastrocche da far rizzare i peli sulle braccia, racconti di poche righe e altri di un paio di pagine.

Nell’ultimo periodo ho la netta sensazione che i miei genitori non siano i miei genitori. Non so spiegarlo esattamente. Ma sono convinto che siano degli alieni venuti dallo spazio che hanno le sembianze e i modi dei miei genitori e hanno preso il loro posto. Ho fatto loro delle domande trabocchetto per metterli alla prova. — Papà, com’è che si chiamava il mio primo cucciolo? — Eh… Fido? — Si chiamava Ernesto — dico.

Holly Black, Neil Gaiman, Lemony Snicket, Margaret Atwood, Jerry Spinelli, Erin Hunter, Pseudomymus Bosch, Brian Selznick e James Patterson sono solo alcuni degli scrittori che hanno partecipato alla raccolta, nomi famosi per i loro romanzi o racconti più lunghi. Eppure, sono stati capaci di condensare in poche battute una storia horror, come quando per fare un dolce si usa l’essenza di vaniglia concentrata e al primo morso il sapore esplode nella nostra bocca. 

Senza neppure il tempo di capire cosa accadeva, Ava si ritrovò scagliata per aria come una bambola di pezza. Cadde sul pavimento ma non sentì alcun dolore. Nella penombra vide una creatura balzare giù dal letto, una specie di bambina con i capelli biondi e splendenti, i suoi capelli, e una collana con un ciondolo, la sua collana… una bambina che, però, si muoveva come un topo, guizzando su quattro zampe, di soppiatto. Ava urlò: non un suono. Si dimenò: non un movimento.

Ci sono storie ricche di humor nero, storie di terrore puro, storie che quasi commuovono, sicuramente tutte emozionano. La carrellata di paure che tirano fuori dal nostro cassetto è davvero incredibile, e sono sicura che alla fine della lettura avrete il vostro racconto preferito, quello che vi resterà nel cuore e che… sarà meglio non leggere prima di andare a dormire!

Buon Halloween a tutti: trick or treat?

Altre paurosissime storie 

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente