Bassa marea

Il crepuscolo degli Dei del tennis

Forse il torneo newyorchese segna il passaggio del testimone da una generazione a un’altra

Lo US Open di questi giorni, che chiude la stagione del grande tennis venendo nel calendario dopo l’Open di Australia, il Roland Garros e Wimbledon, verrà anche ricordato come la fine di un’era? Serena Williams, a meno di ripensamenti, ha giocato a New York la sua ultima partita, annunciando il ritiro dopo la sconfitta al terzo turno. Rafa Nadal è stato eliminato agli ottavi da un 24enne. Novak Djokovic era assente perché in base alle regole americane chi non è vaccinato contro il Covid non può giocare – e lui continua ostinatamente a rifiutare il vaccino.
E Roger Federer deve ancora riprendersi da un’operazione al ginocchio nell’agosto 2021 che da allora lo ha tenuto lontano dai campi da gioco: per la prima volta dal 2000 si trova adesso fuori dalla graduatoria dei primi 50 giocatori del mondo.
Federer ha 41 anni, Serena 40, Nadal 36, Djokovic 35: l’età suggerisce che siamo arrivati al crepuscolo degli dei della racchetta?

A contendersi il titolo dello US Open, uno dei quattro del Grande Slam, ora ci sono tennisti come il nostro Sinner, 21 anni, e lo spagnolo Alcaraz, 19 anni, neanche nati quando già i magnifici tre del tennis maschile e le sorelle Williams facevano meraviglie sulla terra e sull’erba.

È presto per dire loro del tutto addio: nel 2022 Rafa ha vinto in Australia e in Francia, Novak ha vinto a Wimbledon, sentiremo ancora parlare di loro. Ma forse il torneo newyorchese segna il passaggio del testimone da una generazione a un’altra. Ognuno di noi ha un ricordo delle epiche sfide che ci hanno mostrato per due decenni. E pure qualche rammarico: il mio rammarico, ad esempio, sono i due servizi match-point sprecati da Federer al tie-break nel quinto set della finale poi vinta da Djokovic a Wimbledon nel 2019.

Come dice un amico, anche lui tifoso del campione svizzero: “È stata la più grande delusione sportiva della mia vita”.   

 

Roger Federer è esistito davvero
Roger Federer è esistito davvero Di Emanuele Atturo;

Dai primi anni difficili e stranamente indisciplinati, a quelli del suo dominio incontrastato, per poi arrivare alle rivalità infinite, prima con Rafael Nadal e poi con Novak Djoković, che col loro confronto di stili hanno fatto brillare ancora più intensamente l'unicità del tennis di Federer.

Altre riflessioni di Enrico Franceschini

Ascolta il podcast (02'32")
Ascolta il podcast (02'18")
Ascolta il podcast (02'00")
Ascolta il podcast (02'15")
Ascolta il podcast (02'02")
Ascolta il podcast (01'45")
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente