Scelti per voi

Solo è il coraggio. Giovanni Falcone, il romanzo di Roberto Saviano

Il 23 maggio 1992, sull’autostrada A29, nei pressi di Capaci, il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro rimangono vittime di un attentato organizzato da Cosa Nostra; questa parte di storia, possiamo dire che è decisamente nota. Così come è nota la storia di Giovanni Falcone, perlomeno nei suoi eventi principali: l’impegno in prima linea nel pool antimafia, la collaborazione con Buscetta, il Maxiprocesso, l’amicizia con i colleghi che via via venivano assassinati, e poi l’isolamento, i media che lo accusavano di protagonismo, gli ambienti della magistratura ostili al suo operato. 

Solo è il coraggio. Giovanni Falcone, il romanzo

È il coraggio, quello che sorregge l'ingegno e l'intraprendenza, che sopperisce ai mezzi spesso insufficienti: il coraggio che scorre in Giovanni Falcone, negli uomini e nelle donne che insieme a lui sono pronti a lanciarsi in una battaglia furiosa dove la vita vale il prezzo di una pallottola. La storia di un magistrato che insieme a pochi altri intuisce la complessità di un'organizzazione criminale pervasiva, ne segue le piste finanziarie, ne penetra la psicologia e ne scardina la proverbiale omertà, è narrata in queste pagine con l'essenzialità di un dramma antico: sul proscenio, un uomo determinato a ottenere giustizia, assediato dai presagi più cupi, circondato dal coro dei colleghi che prima di lui sono caduti sotto il fuoco mafioso.

A trent’anni dalla morte del magistrato, quello che Saviano vuole narrare in Solo è il coraggio, dunque, non è una cronaca degli eventi che tutti conoscono.  Saviano vuole raccontarci Falcone uomo, non un eroe, non un martire, non il simbolo, quasi il fenomeno dell’antimafia che è diventato negli anni. Roberto Saviano vuole andare più nel profondo, negli eventi quotidiani della vita di uomo che aveva paura, dubbi, difficoltà e tormento, ma che al contempo resisteva, in nome di un ideale che lo animava. Giovanni Falcone è un uomo che ha fatto delle scelte, scelte molto difficili, e che le ha portate avanti con coraggio. Non è l’unico: in questo libro non c’è solo Falcone. Ci sono Cesare Terranova, Rocco Chinnici, Gaetano Costa (un uomo “di cui si poteva comprare solo la morte”), Boris Giuliano, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa, l’agente Ninni Cassarà, Paolo Borsellino e molti, moltissimi altri che hanno lavorato conoscendo il prezzo delle loro idee e azioni, uomini che spesso questo prezzo l’hanno pagato. Sono tutti pilastri fondamentali nella storia di Falcone, che ben ne riconosceva l’importanza; difatti, lavorare contro la mafia è come una staffetta, dove “ognuno fa un po’ di strada, passa le carte al prossimo e se ne va al Creatore”. E di questo erano tutti consapevoli: Rocco Chinnici, per esempio, indiceva una riunione del pool tutte le settimane, per far sì che lo stato delle indagini di ciascuno venisse condiviso con gli altri. Lo faceva per un motivo preciso: evitare che, alla morte di uno dei componenti, i risultati raggiunti venissero smarriti. Era ed è una vera e propria guerra, quella contro con la mafia.

Al momento di accettare un posto di lavoro, c’è chi fa il calcolo dei chilometri fra la casa e l’ufficio, e chi il calcolo dei morti che l’hanno preceduto. Su alcune poltrone si siede solo chi è abbastanza paziente e scrupoloso da scostare tutti i cadaveri che vi si sono accasciati prima di lui

Attraverso la suddivisione in brevi capitoli, Saviano ripercorre e tesse il filo degli avvenimenti: ogni capitolo è corredato da una nutrita dose di fonti ufficiali e testimonianze, che rendono la ricostruzione, seppur romanzata, altamente fedele. Leggendo, ci si ritrova immersi nel clima di quegli anni. Seguiamo le vicende dei legami tra le famiglie criminali, i rapporti oltreoceano, le piste finanziarie, i prestanome, gli alleati, i nemici, gli omicidi, i legami con la politica, i riti, la psicologia, la legge mafiosa: tutto questo viene, documento dopo documento, informatore dopo informatore, indagine dopo indagine, portato alla luce da Falcone e dagli uomini intorno a lui.

Questo è infatti, forse, il più grande risultato raggiunto da Falcone: aver dimostrato che la mafia esiste ed è un sistema altamente organizzato. Prima si riteneva che la mafia fosse “un’accozzaglia di cellule slegate fra loro”, ora sappiamo che non è così, che la mafia è un sistema imprenditoriale e criminale, verticistico e ben collegato. E anche che la mafia ha un nome: Cosa Nostra. Grazie alla collaborazione di Buscetta e Contorno e al lavoro investigativo di tutti quegli uomini, vivi e morti, nel 1985 si giunge all’apertura del Maxiprocesso, un enorme evento giudiziario con 475 imputati. Falcone e coloro che con lui hanno lavorato nella lotta alla mafia sono riusciti a strapparla, almeno in parte, all’omertà e alla segretezza che la caratterizzava.

In Solo il coraggio non c’è però solo Giovanni Falcone magistrato, c’è anche l’uomo, il marito, l’amico, il fratello. C’è la vita a Trapani con la prima moglie Rita, che lo lascia per Cristoforo Genna, provocandone il trasferimento a Palermo. C’è l’incontro con Francesca Morvillo che decide, consapevole delle ombre all’orizzonte, di rimanergli accanto, anche quando lui vorrebbe sollevarla da tutto quel peso che si porta sulle spalle. Ci sono i colleghi che diventano amici, su tutti Rocco Chinnici, Antonino Caponnetto e Paolo Borsellino, ma c’è anche la difficoltà della vita sotto scorta, l’insofferenza dei vicini di casa che si lamentano del rumore delle sirene spiegate quando va e torna, le persone che se ne vanno dal ristorante quando lui arriva, la solitudine sua, di Francesca e della famiglia Borsellino all’Asinara (per il cui soggiorno obbligato gli verrà anche presentato un conto), l’invidia di coloro che lo definiscono un accentratore, le luci puntate dei media che tentano di infangarlo (come quando, per esempio, insinuano che Falcone si sia piazzato da solo il pacco bomba all’Addaura), le minacce di morte ricevute dalla mafia. È una vita tormentata, quella del giudice Falcone, la vita di un uomo spesso messo all’angolo, minacciato, non sostenuto, malvisto anche da molti colleghi che, per citare una vicenda su tutte, alla direzione dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo gli preferirono Antonino Meli. È anche una vita segnata dal dolore, per le numerose persone che fanno un tratto di strada con lui per poi abbandonarlo per sempre: è un dolore per loro e per sé stesso, conscio che ad attenderlo non c’è una fine diversa:

Ora Giovanni si rende conto che perfino il dolore non è quello che dovrebbe essere. Perfino le ferite non sono più vere ferite, profonde, sanguinanti, che squarciano la pelle e che poi, però, un poco alla volta si rimarginano. Sono piuttosto piccole e fastidiose piaghe purulente appena sotto la pelle, lesioni non mortali ma che durano e si perpetuano per l’eternità

È anche la vita, però, di un uomo con un ideale preciso, un uomo che resiste a oltranza, un uomo che incarna, anche dal punto di vista del “boss dei due mondi” Tommaso Buscetta, la forza tranquilla della giustizia. Un uomo che non fa quel che fa per il successo, i soldi, la popolarità: non si rischia la vita per tutto questo. Un uomo che va avanti perché crede nella necessità del suo lavoro. Un uomo che, al culmine della carriera, sarà anche al culmine della solitudine, dell’isolamento: perché solo è il coraggio.

Per me l'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, ma è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo. Altrimenti perde il suo significato e diventa incoscienza

Giovanni Falcone

Invita l'autore a scuola

Prima Effe. Feltrinelli per la scuola propone l’incontro con gli scrittori per trasformare la lettura in un’esperienza indimenticabile, per avvicinare gli studenti ai grandi temi dell’attualità offrendo la possibilità di confrontarsi con chi quelle storie le ha scritte. Un viaggio straordinario e a portata di mano, nel mondo e in se stessi. Per organizzare un incontro scrivi a mailto:info@primaeffe.it

Le recensioni della settimana

Conosci l'autore

Scrittore e giornalista italiano. Nei suoi scritti, articoli e nel suo libro usa la letteratura e il reportage per raccontare la realtà economica, di territorio e d'impresa della camorra e della criminalità organizzata in genere. Si è laureato in Filosofia all'Università degli Studi di Napoli Federico II, dove è stato allievo dello storico meridionalista Francesco Barbagallo. Collabora con «L'espresso» e «La Repubblica». Nel 2006 in seguito al successo del romanzo Gomorra, fortemente accusatorio nei confronti delle attività camorristiche, ha subito pesanti minacce (confemate da dichiarazioni di collaboratori di giustizia) dopo le indagini dei Carabinieri di Napoli il ministro dell'interno in carica Giuliano Amato gli ha conferito una scorta e lo ha cautelativamente trasferito lontano da Napoli. Roberto Saviano con Gomorra ha vinto: il Premio Viareggio-Repaci Opera Prima, il Premio Giancarlo Siani, il Premio Dedalus, il Premio Lo Straniero, Il Premio Edoardo Kihlgren. Ha inoltre ricevuto nel 2016 il prestigioso Raymond Chandler Award, premio letterario istituito da Irene Bignardi nel 1996 in collaborazione con il Raymond Chandler Estate dedicato alla scrittura noir. Ad ottobre 2008 il libro ha venduto oltre 1,8 milioni di copie nella sola Italia ed è stato tradotto in 43 paesi.Da Gomorra sono stati tratti uno spettacolo teatrale, che è valso a Saviano gli Olimpici del Teatro 2008 come miglior autore di novità italiana, e l'omonimo film (uscito nelle sale italiane il 16 maggio 2008) candidato al premio Oscar come miglior film straniero e premiato a Cannes nel 2008 con il Gran Prix du Jury.Del 2009 è la raccolta di saggi La bellezza e l'inferno (Mondadori); del 2010 il libro con DVD La parola contro la camorra (Mondadori).Dopo il successo del programma Vieni via con me, condotto da Saviano e Fabio Fazio a fine 2010, esce la raccolta dei monologhi di Saviano in occasione del programma, Vieni via con me (Feltrinelli 2011).Per Feltrinelli ha scritto ZeroZeroZero (2013), La paranza dei bambini (2016), Bacio feroce (2017). Altre pubblicazioni sono: In mare non esistono taxi (Contrasto 2019) e Gridalo (Bompiani 2020). Nel 2021 esce con Bao Publishing il graphic novel illustrato da Asaf Hanuka Sono ancora vivo. Del 2022 Solo è il coraggio. Giovanni Falcone, il romanzo, edito da Bompiani.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente