Dazeroasei

Io parlo come un fiume di Jordan Scott

Io parlo come un fiume è più di un libro, è una storia poetica che tocca il cuore, una vera e propria opera d’arte. Un libro emozionante, dove le paure e i sentimenti vibrano come i colori e le immagini. Smith, attraverso i suoi acquarelli e le sue gouache, è un vero maestro nel catturare le vibrazioni delle emozioni, contrapponendole poi al potere lenitivo e alla bellezza della natura.

Questo meraviglioso albo, scritto dal poeta Jordan Scott e illustrato da Sydney Smith, è una storia vera, autobiografica, che ci racconta e svela le emozioni di un bambino che soffre a causa di una difficoltà, la balbuzie. La storia, delicata ed emozionante, insegna a guardarci dentro e accettare i nostri difetti, a capire che non si è soli.

Io parlo come un fiume
Io parlo come un fiume Di Jordan Scott;

Ogni mattina al suo risveglio, la sua bocca prova parole facili e parole difficili, ma solo le iniziali si affacciano sulle labbra. Il resto delle parole si aggroviglia in gola. E quello che il bambino sa per certo è che sarà un nuovo giorno di silenzio a scuola. In fondo alla classe, spera sempre di non essere chiamato a rispondere, ma quando il maestro lo chiama a parlare, ecco che di nuovo tutto s'intreccia e la sua bocca si storce e gli occhi dei compagni che sogghignano puntati sulla sua balbuzie. E poi ecco un posto tranquillo: il corso del fiume scelto dal padre per far passare la rabbia e le lacrime.

Io parlo come un fiume racconta la giornata di un bambino balbuziente e il suo disagio dovuto a questa sua condizione; ogni giorno deve confrontarsi con questa sua difficoltà che non gli permette di usare le parole come vorrebbe e i compagni di classe lo deridono, prendono le distanze, sogghignano davanti ai suoni sconnessi che la sua bocca emette. A scuola, il maestro chiede al bambino di raccontare il posto al mondo che gli piace di più...ma le parole sono difficili, si bloccano, si aggrovigliano nella sua gola, riesce solo a farfugliare. Il piccolo protagonista è triste, si sente solo e incompreso.

Ecco allora che il padre lo viene a prendere a scuola (così come faceva realmente il padre dell’autore) e capisce subito che è stata una di “quelle brutte giornate di difficoltà di parole” e lo porta con sé al fiume. Il fiume è per entrambi un’oasi di pace, un luogo silenzioso dove tutto è in armonia, è il loro rifugio, un posto speciale per entrambi. Osservando il movimento del fiume, il padre dice al figlio una cosa speciale, che gli cambierà la vita: “Vedi come si muove quell’acqua, figliolo? È così che parli tu”. Questa profonda connessione con un elemento naturale che gorgoglia, che è vorticoso, tumultuoso, dirompente come i suoi suoni, lo aiuterà a smettere di piangere.
Questo padre cosi gentile lo ha aiutato a trovare la sua voce. Del resto, qualche volta è necessario un cambio di prospettiva per accettarsi.
Io parlo come un fiume è un libro che regala emozioni fortissime, il modo in cui l’autore scrive la sua storia insegna a capire come si possa essere impauriti e spaventati quando si ha una diversità, e stimola alla gentilezza e all’empatia. Un incredibile albo illustrato che ci invita alla comprensione più che alla soluzione dei problemi.

Altri consigli di lettura 

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente