Dazeroasei

6 gennaio 1907: Maria Montessori apre la sua prima scuola

illustrazione di Giusy Gallizia, 2022

illustrazione di Giusy Gallizia, 2022

A chi è stato bambino o ragazzino negli anni ‘90, il volto di Maria Montessori è noto da sempre. Era la signora sorridente sulle banconote da mille lire, che li guardava bonariamente e li accompagnava nei primi acquisti. Allora non sapevano esattamente chi fosse, ma oggi, che molti di loro sono i genitori di piccoli frugoletti curiosi, lo sanno benissimo.

Una pioniera, coraggiosa e dalla mente brillante, Maria Montessori ha ideato il metodo educativo che porta il suo nome, il cui valore è universalmente riconosciuto. Il 6 gennaio 1907 apriva a Roma la sua prima “casa dei bambini”, una struttura per piccoli da 3 a 6 anni completamente diversa dalle scuole precedenti.  Superata la visione adultocentrica che fino a quegli anni aveva regolato l’educazione dei bambini, Maria Montessori pose proprio questi ultimi al centro del processo educativo. Dall’arredamento a misura di bambino, che diventava parte attiva nell’apprendimento, ai giochi educativi da lei stessa ideati che promuovevano la concentrazione e l’autonomia, la spinta innovativa del suo pensiero educativo rinnovava nel complesso il sistema vigente.

Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente

Maria Montessori

Con il suo metodo educativo la scuola si trasforma in un mondo di scoperta e formazione dove i bambini sono liberi di seguire i propri interessi, di scegliere, di cogliere gli stimoli senza che la loro innata creatività venga limitata. Il ruolo degli insegnanti in questo processo di apprendimento resta fondamentale, perché l’entusiasmo va indirizzato, i bambini hanno bisogno di guide e adulti che gli parlino con chiarezza, sappiano ascoltarli, cogliere le loro potenzialità e stimolarne la curiosità.

La forza di questo metodo e delle sue idee si è rivelata tale da avere nel tempo travalicato le mura delle scuole montessoriane per entrare nelle case di tantissimi genitori, che hanno voluto provare ad applicarle nell’educazione quotidiana dei propri figli e alla vita di tutti i giorni.

Se siete tra coloro che sono rimasti affascinati dal progetto educativo di Maria Montessori e che vogliono saperne di più per poter crescere i vostri figli o nipoti seguendone i principi, vi proponiamo libri e giochi che possano creare un ambiente adatto e fornire le giuste indicazioni per un’applicazione efficace del metodo.

Per partire col piede giusto, può essere d’aiuto leggere una guida o un manuale di ampio respiro, che dia una visione d’insieme sulle idee montessoriane e permetta di strutturare un percorso di attività e giochi da proporre nel tempo ai bambini in crescita.

Maria Montessori considerava il periodo da 0 a 6 anni preziosissimo nello sviluppo dei bambini. Un momento irripetibile, in cui la loro “mente assorbente” apprende senza sforzo, semplicemente tramite l’esperienza e l’imitazione.  

Sin da piccolissimi, quindi, i bambini possono essere stimolati secondo i principi montessoriani e inseriti in un ambiente che li accompagni in questo percorso. Di seguito alcune letture per progettare uno spazio a loro misura e per scoprire attività adatte ai bambini da 0 a 3 anni.

Il periodo successivo dai 3 ai 6 anni è un momento privilegiato, in cui i bambini sono al massimo della loro ricettività. Proponiamo loro attività all’aperto che li mettano a contatto con il mondo che li circonda e glielo facciano conoscere in tutte le sue sfumature di bellezza e meraviglia. Una volta a casa, poi, ci sono tantissime attività di rinforzo in cui coinvolgerli. Questo svilupperà in loro interesse verso l’apprendimento, il senso artistico, la consapevolezza di sé, la concentrazione e una maggiore autonomia. Di seguito alcuni libri che possono aiutare in questa fase esperienziale.

Sempre in questa fascia di età è possibile coinvolgere i bambini in attività che sviluppino i presupposti per la lettoscrittura e la conoscenza dei numeri e di prime embrionali forme di matematica, come sempre sfruttando la loro innata curiosità. Questo li aiuterà in vista del percorso scolastico che intraprenderanno in seguito. Famose sono le lettere smerigliate ideate da Maria Montessori, che attraverso il tatto insegnano al bambino l’alfabeto: toccare le lettere seguendo il percorso della scrittura in corsivo aiuta a favorire la memorizzazione della forma e ad associare l'immagine al suono.

Infine, ci sono moltissimi giochi ispirati alle idee di Maria Montessori che costituiscono un valido aiuto nel proporre attività ai bambini e coinvolgerli in modi sempre nuovi. Sono giochi educativi concepiti sul modello di quelli che si possono trovare nelle scuole montessoriane o che sono direttamente modulati per raggiungere obiettivi di autonomia e apprendimento ispirati al metodo.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente