Dasetteadodici

Ridi, Romeo! di Otto Gabos 

Romeo non è un bambino come tutti gli altri e, sapete cosa vi dico, proprio qui sta il bello di tutta la sua storia e di tutte le avventure bizzarre che troverete in questo libro. Un libro speciale, con parti illustrate che lo animano e che potete leggere anche separatamente, se vi va. Il bello del tratto di un grande fumettista è senza dubbio quello di farti soffermare sulle illustrazioni.

Romeo è introverso, non ride quasi mai, anzi, proprio mai, e non se ne vergogna; ha due genitori davvero eccentrici che, con tentativi disperati e spesso grotteschi, cercano di rendere il loro adorato pargolo uno come tutti gli altri. Iperprotettivi al punto da assomigliare a delle tenere macchiette, terrorizzati dalle correnti e dai colpi d’aria, nella loro sincera apprensione data dall’affetto, non sono sempre capaci di comprendere i sentimenti e desideri del figlio, influenzati dalla loro visione ordinata e scontata del mondo.

Ma Romeo non lo è, un tipo scontato. Non ha voglia di raccontarsi, adora i fumetti e i libri, non si diverte alle feste, ha un solo amico con cui torna da scuola, l’unico che lo comprende. Per il resto, Romeo gioca da solo, è inappetente da sempre, spesso malaticcio, coperto di maglie della salute (che probabilmente lo fanno ammalare), ha un’adorazione speciale per la sua tata Clio: ottima cuoca, donna verace e vivace, con la quale invece mangia come un lupetto.

La vicenda comincia nella stanza di Romeo, dalle sue strane abitudini di gioco; è vero, a volte la troppa immaginazione tira brutti scherzi, ma quando sulla propria testa e nei nostri riccioli scomposti, criticati dai grandi di passaggio, abitano degli esserini speciali, che non sono pidocchi, allora davvero la vita di un bambino cambia. E si complica non poco.

Aveva un’immaginazione instancabile, con un cervello in movimento perenne, e se la mamma fosse entrata in camera in quel momento avrebbe visto che anche i suoi capelli erano in forte movimento, molle animate di vita propria che si scatenavano in un campo di battaglia

Ridi, Romeo!
Ridi, Romeo! Di Otto Gabos;

Una storia ricca di fantasia, un po' racconto e un po' fumetto, allo stesso tempo divertente e profonda, sull'amicizia, sulla bellezza della diversità e su quella straordinaria avventura che è crescere.

Illustrazione tratta dal libro "Ridi, Romeo!", di Otto Gabos, Einaudi Ragazzi 2022

Con uno stile divertente e assolutamente vicino ai ragionamenti autentici dei bambini, il libro utilizza due linguaggi, scrittura e illustrazioni, che viaggiano paralleli e in sintonia; le immagini sono come chiavi che svelano continuamente qualcosa che il testo tralascia volutamente, con un tratto che solo un grande fumettista può regalare.

Tutti gli adulti sono eccessivi e dipinti volutamente come inadeguati al loro ruolo, quasi delle scoppiettanti caricature di sé stessi, alquanto perdonabili, proprio perché totalmente incapaci, ciechi e un tantino superficiali.

All’estetica, ai desideri di suo figlio e alle inevitabili reazioni di presa in giro dei suoi compagni non sembrava affatto interessata. O peggio non se ne rendeva conto. Era convinta che i bambini fossero tutti buoni in quanto bambini

Illustrazione tratta dal libro "Ridi, Romeo!", di Otto Gabos, Einaudi Ragazzi 2022

I genitori di Romeo sono i primi a capirci poco o nulla, forse vorrebbero solo un libretto di istruzioni, e dunque si affidano a specialisti a dir poco improbabili: la pediatra, la Dottoressa Baumann, sembra uscita da un libro di Dahl.

In fondo, però, è colei che meglio capisce i bisogni veri di un bambino che vuole essere ascoltato e accettato per ciò che è, non solo dagli amici che vivono nei suoi capelli - gli unici indisciplinati abitanti che tifano per lui sempre e gli raccontano la verità. I maestri restano in ombra assoluta e la scuola anche, sono solo uno sfondo sfuocato dove si resta, si esce, si passa e si prende sempre 10 e lode (Romeo è bravissimo a scuola, ovviamente…)

Romeo è un bambino che vorrebbe solo poter scegliere i vestiti da indossare, non giocare a calcio, non arrampicarsi sugli alberi, cadere dalla bicicletta, non aver paura degli spifferi, e non essere costretto e vedere alla tv i film che si pensano dovrebbero far ridere proprio chiunque, quelli di cui si dice “impossibile resistere alla risata”; e invece Romeo resiste. E non ride.

Finché un giorno, dopo aver provato una cura ricostituente di punture, Romeo si ritrova trascinato nella sala d’aspetto di uno strizzacervelli, il Dottor Crumoni, ed è lì che inaspettatamente la sua vita ha una svolta, perché incontra colei che gliela cambierà in meglio, che lo capirà, con cui parlerà fino farsi seccare la lingua: una bambina con gli occhiali. No, non posso proprio dirvi che cosa si diranno girando per le sale di un museo. E non vi dirò che finalmente Romeo prenderà un brutto voto nella verifica perché stava pensando ad altro.

La Biondina con gli Occhiali conosceva Spider-Man e aveva letto e riletto tutti i suoi albi, ma non solo. Erano tantissimi i libri che avevano letto entrambi. Uno diceva un titolo e l’altro rispondeva con la trama. Parlarono fitto fitto fino a quando il dottor Crumoni si affacciò sulla porta per fare entrare la Biondina con gli Occhiali che riprese a grattarsi le braccia con ancora più vigore

Illustrazione tratta dal libro "Ridi, Romeo!", di Otto Gabos, Einaudi Ragazzi 2022

Ma quando ci si incontra, ci si riconosce all’istante e almeno una cosa buona gli adulti di questa storia l’hanno fatta: lasciare che Romeo regali il suo sorriso in maniera assolutamente gratuita e inaspettata a chi se lo merita. 

Altri consigli di lettura 

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente