Quello che i librai non dicono

Il bambino della pioggia

Illustrazione di Gaetano Di Riso, 2021

Illustrazione di Gaetano Di Riso, 2021

Lo si trovava immerso tra i libri per bambini, sorridente ed estremamente curioso. Un ragazzino cinese che, saltuariamente, veniva da solo in libreria.

Spesso sedeva a disegnare e passava un paio d’ore tranquillo e sereno chino sui tavolini dedicati ai lettori più giovani. In poco tempo conquistò la nostra simpatia, poiché, anche se parlava poco l’italiano, si faceva facilmente capire e la sua vivacità era contagiosa.

Incuriositi, ma anche un poco preoccupati, abbiamo cominciato a chiedergli come mai venisse da solo; ci rispondeva che la mamma sarebbe ritornata a prenderlo più tardi.

Ci siamo poi resi conto che veniva in libreria soltanto nelle giornate di pioggia. E un giorno, quando era in procinto di andarsene, lo abbiamo seguito all’uscita e abbiamo finalmente capito: la sua giovane mamma vendeva ombrelli ai turisti sotto i portici di piazza Duomo e, esaurite le piccole scorte che portava con sé, scendeva i primi gradini dell’ingresso della libreria e lo chiamava.

É bello pensare che negli occhi di qualcuno la libreria sia anche un nido colorato e sicuro dove un ragazzino possa sentirsi felice, e trascorrere un poco di tempo prezioso.

Non ricordo più il suo nome, sono passati anni, ma per molti di noi è ancora il felice e simpatico “bambino della pioggia” che ci ha omaggiato dei suoi disegni e dei suoi sorrisi.

Altre leggende librarie

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente