10 libri sul comò

Le fascette che non ti ho letto

Ricordo e conservo ancora gelosamente la fascetta del Libro della polvere, di Philip Pullman, scritta da Michela Murgia: “Ci sono voluti quindici anni di attesa perché Philip Pullman mantenesse la sua promessa.” Ed era vero: quella sottile striscia di carta posta attorno al libro rappresentava in modo credibile e geniale l’attesa dei tanti ed entusiasti lettori del mondo delle oscure materie per il ritorno di un autore e della sua epopea.

Ricercati orpelli o mera strategia commerciale? Alcuni lettori le srotolano subito dopo aver acquistato il libro, altri le utilizzano come sgargianti segnalibri: le fascette non sono delle semplici minuzie editoriali, ma una componente distintiva e originale del paratesto di un libro, risalente sì a logiche di mercato, ma anche espressione di un lavoro editoriale sofisticato e creativo.

A testimoniarlo, anche due titoli pubblicati tra il 2019 e il 2020 e incentrati proprio sugli apparati del libro:

Con il termine paratesto il critico letterario francese Gérard Genette, nella sua opera Seuils (Soglie) del 1987, indicava tutti gli elementi presenti fisicamente nel volume (introduzione, colophon, copertina, fascette) e intendeva l’apparato qualificante e fondamentale dell’oggetto libro, frutto di scelte editoriali consapevoli e inquadrate in un particolare contesto storico e socioculturale.

Tanti tipi di fascette, come tante sono le funzioni che assolvono: indispensabili nel suscitare la curiosità del lettore più ritroso, talvolta portatrici di un valore aggiunto rispetto alla stessa copia senza fascetta ed estremamente preziose per i collezionisti appassionati.

Fascette emozionali ed evocative scritte da grandi autori e critici si affiancano a fascette più algide e impersonali ma connotate da un’eccezionale forza comunicativa su cui campeggiano le esorbitanti cifre delle copie vendute, un importante premio letterario ricevuto o il lancio cinematografico di quel libro, strumento di un iter promozionale efficace e mediatico.

Stravaganti e divertenti, ironiche e ardite, caratterizzate da discorsi elogiativi o claim persuasivi, da frasi a effetto e in alcuni casi ritenute ingannevoli, alcune fascette sono considerate indimenticabili, rarissime e introvabili, basti pensare alla fascetta bizzarra e provocatoria scritta da Alessandro Baricco per il libro di Tito Faraci e Sio, Il pesce di lana e altre storie abbastanza belle (alcune anche molto belle, non tante, solo alcune) di Maryjane J. Jayne (Feltrinelli, 2018).

Alcune fascette sono state il risultato di vere e proprie operazioni social che hanno coinvolto gli stessi scrittori, come per l’iniziativa di Mario Calabresi per il romanzo La mattina dopo (Mondadori, 2019),  che ha voluto utilizzare come fascette per il suo libro i giudizi brillanti e personali dei lettori.

 Tra le ultime proposte editoriali, abbiamo selezionato le 10 fascette più belle e interessanti che, come vesti colorate e riconoscibili, avvolgono e donano ai libri particolari che attirano e conquistano i lettori e, spesso e volentieri, sono in grado di determinare la fortuna dell’opera stessa.

Il canto di Calliope
Il canto di Calliope Di Natalie Haynes;

“Con passione, intelligenza e fiero femminismo. Natalie Haynes restituisce la voce alle donne, rimaste finora in silenzio, della guerra di Troia.” MADELINE MILLER, autrice di Circe e La canzone di Achille

Le balene mangiano da sole
Le balene mangiano da sole Di Rosario Pellecchia;

“Un libro pieno di grazia, che ci permette di fare pace con il bambino che siamo stati e da qualche parte sempre saremo.” CHIARA GAMBERALE

Per strada è la felicità
Per strada è la felicità Di Ritanna Armeni;

“Rosa, la protagonista di questo romanzo, è tutte noi: ama, lotta, studia, ride, piange, attraversa la nostra Storia con passo sicuro di donna, diretta verso la sua rivoluzione.” VIOLA ARDONE

Una famiglia straordinaria
Una famiglia straordinaria Di Andrea Albertini;

Il più importante direttore del “Corriere della sera”, il drammaturgo che ha scritto la Tosca e Madama Butterfly e un’affascinante attrice nipote di Tolstoj. Per la prima volta un romanzo racconta una famiglia unica nella storia italiana.

Un esperimento d'amore
Un esperimento d'amore Di Hilary Mantel;

“Con la sua genialità, il suo acume, l’umorismo sagace, Un esperimento d’amore è un libro che mi ossessiona.” MARGARET ATWOOD, “THE NEW YORK TIMES BOOK REVIEW”

Stone fruit
Stone fruit Di Lee Lai;

“Lee Lai confida al lettore la leggenda minima di una storia d’amore che non sopravvive a sé stessa e lo fa – qui l’invenzione poetica più magnetica – attraverso il rapporto con una bambina.” DALL’INTRODUZIONE DI JONATHAN BAZZI, AUTORE DI FEBBRE

L' arte di legare le persone
L' arte di legare le persone Di Paolo Milone;

Ci sono libri diversi da tutti gli altri. Quarant’anni a farsi domande in mezzo a quelli che chiamiamo matti.

Per lei volano gli eroi
Per lei volano gli eroi Di Amir Gutfreund;

“Un romanzo monumentale. Una storia d’amore e di amicizia in una miscela di umorismo e compassione che ha reso Gutfreund uno scrittore veramente grande.” ESHKOL NEVO

Apeirogon
Apeirogon Di Colum McCann;

“Un libro meraviglioso. Mi dà speranza, è un regalo.” ELIZABETH STROUT

Viola e il Blu
Viola e il Blu Di Matteo Bussola;

“Un inno alla bellezza e all’autodeterminazione. Una storia per far crescere le bambine e i bambini liberi dalle etichette.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente