Quello che i librai non dicono

Libri che salvano

Illustrazione di Gaetano Di Riso, 2021

Illustrazione di Gaetano Di Riso, 2021

Due anni fa lasciavamo il decennio sciorinando speranze. Ci aspettavamo grandi cose da questo passaggio.

Una cliente deliziosa sentenziò smagliante: «Cristiana, questo è un anno magico. 2020, tutto può succedere». E in un certo senso, aveva ragione. Anche se spero che non si sostenti facendo l’indovina.

Comunque mi ricordo il suo sorriso: deragliante, proteso oltre la bocca.

Perché allora un viso lo si leggeva per intero.

Poco dopo in effetti è successo di tutto; e non certo quella pozione di miracoli agognata da parecchi.

È iniziata una storia che non avremmo voluto ascoltare, a meno che non amassimo le distopie, figuriamoci vivere. Siamo stati tramortiti, colti alla sprovvista. Poi atterriti, poi isolati. E mentre ci isolavamo, ci atterrivamo ancora di più. Perché la paura è un virus anaerobico, senza ossigeno prolifera.

La parola pandemia ci è grandinata addosso. Al cielo non importava molto, ci sbeffeggiava col suo azzurro migliore. Difficile dimenticare quel rettangolo schietto incorniciato dal balcone.

E in una primavera di umani deserti, ci siamo avvinghiati ai soli piaceri concessi. Cucinare, sfornare focacce di lievito madre da pubblicare senza sosta come Premi Nobel. Per molti scrivere, immortalare quella cattività così assurda e così infida. Per molti di più leggere. Io, che non potevo consigliare libri dal vivo, ho cominciato a girare dei video, per sentirmi meno amputata e sempre un po’ operativa.

L’unica certezza è che tutti navigavamo a vista. Debitamente distanti, ma sulla stessa scialuppa.

E abbiamo presunto, forse perché per un breve periodo è stato realmente così, che questa tragedia subdola e sapiente ci potesse riconnettere al senso ultimo del nostro esistere. Al riconoscerci uguali nel nostro essere fragili. Ma l’auspicio si è infranto con poco. E abbiamo dimostrato a noi stessi per primi quanto sia più facile scontrarci sulle soluzioni che sentirci accomunati dal problema. Quanto le nostre piccole zolle di sopravvivenza finiscano per venire difese e non condivise, recintate con cura e sorvegliate con diffidenza.

Ecco, anche in questo caso, ringrazio ciò che faccio. Cioè leggere e vendere libri, ovvero ritrovarmi ad annegare nella sostanza che mi tiene a galla: la narrazione.

Se c’è una grande lezione che ci impartiscono i libri, semplicemente esistendo, è che ogni storia, esorbitando dal tempo e dal ritaglio di mondo che inquadra, entra al contempo a far parte di noi, delle eterne vicende del nostro sangue. Del bisogno e del desiderio di sentirsi amati e riconosciuti. Di scommettere sui limiti e averne timore. Di aggrapparsi alla bellezza per non appassire.

Sprofondare in un romanzo o in qualunque forma di racconto ci fa riemergere con nuovi paesaggi nel cuore. Innaffia la biodiversità. È questo, al di là dei nostri gusti e delle nostre private posizioni, che dovremmo tesaurizzare, lasciarci insegnare e poi trasmettere.

Proprio per questo, un po’ come regalo di inizio anno, un po’ come incoraggiamento e un po’ più forse come mania incoercibile di suggerire libri, quasi fossimo a bordo scaffale, vi propongo questi cinque esempi nobili, per tutte le età: libri che sarebbe bello scambiarsi, come una formula propiziatoria, appoggiare sul comodino perché custodiscano il nostro sonno e ravvivino il nostro risveglio.

Continua a camminare
Continua a camminare Di Gabriele Clima;

Nella follia sterminante dell’autoproclamato Stato Islamico, due ragazzini snodano le loro voci. Hanno percorsi differenti, ma comunque seminati di dolore. Salim ha perso un fratello, spolpato dalle bombe mentre cercava libri. Fatma invece vuole farsi esplodere, perché crede solo in quella estrema salvezza. Due creature apparentemente inconciliabili, eppure in viaggio sulla stessa strada.

Quando abbiamo smesso di capire il mondo

In un frangente in cui la scienza sembra essere la sola incaricata a dettarci risposte, questo brillante intarsio di scoperte e rivoluzioni, con spunti ricostruiti ed altri aggiunti dall’autore, ci affascina senza la pretesa di fornire verità assolute. Resta un testo difficilmente classificabile, come ciò che siamo e che ci accade. Ma non rinuncia a incantarci con le repentine illuminazioni che hanno sancito i grandi cambiamenti della nostra evoluzione.

Luce d'estate ed è subito notte
Luce d'estate ed è subito notte Di Jón Kalman Stefánsson;

Un paese di quattrocento anime si fa caleidoscopio di un universo pieno. In quest’angolo d’Islanda avido di sole si consumano sogni e drammi dei suoi abitanti, abbarbicati a labili certezze e molto più bravi a tremare che a sentirsi invincibili. Un affresco di volti che impariamo ad amare come diversamente puri e ugualmente deboli.

La simmetria dei desideri
La simmetria dei desideri Di Eshkol Nevo;

Uno dei libri che più adoro e raccomando. Non c’è quasi cliente a cui non abbia sperticato i meriti di questo romanzo, che ormai risiede a casa di molti di loro. Questo perché ci troviamo di fronte a un’opera con un immane pregio. Quello di essere totalmente trasversale, di poter davvero riguardare chiunque. È la trama di quattro ragazzi e della loro amicizia. Di ciò che solca le loro vite mentre crescono e combattono. Un libro che ci conferma quanto sia difficile passeggiare sul filo dei rapporti umani, quanto ci si ferisca con le migliori intenzioni e ci si ripari senza più essere gli stessi.

Storia di un signore piccolo piccolo. Ediz. a colori

Una favola poetica sul pianeta delle solitudini. Un anziano senza compagnia brama qualcuno che si preoccupi per lui e finalmente incontra un cane che fiuta il suo bisogno. Ma poi spunta una bimba e il cane ne sembra così attratto da allontanarsi dal suo primo amico. Cosa ne è di noi, quanto diventiamo piccoli senza l’altro che ci rispecchia?

Quindi, ancora una volta, non ci resta che leggere, perché, come credeva il fratello di Salim, «se salvi i libri, salvi la tua anima e il Paese». E davvero, non preferirei nessun altro augurio.

Altre leggende librarie

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente