Consiglio d'autore

Titti Marrone consiglia Stalingrado di Vasilij Grossman

Vi consiglio tutta la letteratura riscoperta in quest'ultimo periodo sulla violenza della Seconda Guerra Mondiale e le sue conseguenze, come per esempio , lo straordinario libro di Vassilij Grossman

Giornalista e scrittore sovietico di origine ebraica, Vassilij Grossman è stato a buon diritto definito “il Tolstoj dell’Unione Sovietica” e Stalingrado – il monumentale romanzo protagonista di questo Consiglio d’autore – non è che il suo Guerra e pace. Come il padre del romanzo russo aveva raccontato i tragici sviluppi dell’invasione napoleonica, così Grossman pone al centro della narrazione un altro conflitto bellico: la Seconda Guerra Mondiale.

Le pagine di Stalingrado diventano l’occasione per lo scrittore di porci di fronte a tutte le contraddizioni e gli ossimori della guerra, quella bilancia invisibile che rende possibile la coesistenza di diplomazia e disperazione, fango e fanfare. Nel romanzo di Vassilij Grossman il fiume della Storia con la s maiuscola scorre impetuoso, travolgendo senza appiglio la famiglia del contadino russo Vavilov.

Stalingrado
Stalingrado Di Vasilij Grossman;

Quando Pëtr Vavilov, un giorno del 1942, vede la giovane postina attraversare la strada con un foglio in mano, puntando dritto verso casa sua, sente una stretta al cuore. Sa che l’esercito sta richiamando i riservisti. Il 29 aprile, a Salisburgo, nel loro ennesimo incontro Hitler e Mussolini lo hanno stabilito: il colpo da infliggere alla Russia dev’essere «immane, tremendo e definitivo».

Quello delineato in Stalingrado più che un affresco pare un arazzo, perché Vassilij Grossman intreccia i destini di diversi personaggi, piccoli e grandi protagonisti di una delle pagine più sanguinose del Novecento in modo non troppo dissimile da quanto aveva fatto anche in Vita e destino.

Eppure sarebbe limitante e ingiusto incasellare un’opera come Stalingrado nell’angusta gabbia del mero romanzo storico, perché come sottolinea la scrittrice Titti Marrone la straordinaria rilevanza del libro risiede nell’attualità del suo messaggio di fondo:

Nel romanzo c'è una notazione sulla guerra che mi sembra molto importante da riconsiderare.
Nelle prime pagine c'è una dottoressa che dice: "Se io devo amputare una gamba, o la amputo, o non la amputo, non ci sono due verità. La verità, quando si tratta di agire, è sempre soltanto una".
Credo che questa sia una considerazione su cui oggi sia molto importante riflettere, pur nella complessità della situazione che viviamo

L’imperativo morale di scegliere da che parte stare è quanto mai pressante in queste settimane e lo dimostra anche l’implicito accenno che Titti Marrone fa al recente conflitto ucraino.
Del resto la scrittrice non è estranea al tentativo di analizzare con lucidità gli scampoli di umanità rimasti all’indomani di uno scontro bellico di grande portata, come dimostra in Se solo il mio cuore fosse pietra, libro nel quale racconta la difficoltà di tornare alla vita dopo l’orrore dei campi di concentramento.

Altri consigli d'autore

I libri di Vasilij Grossman

Vasilij Semënovic Grossman è stato un giornalista e scrittore sovietico di origine ebraica.Diventò ingegnere e dopo essere cresciuto a Ginevra e aver studiato a Kiev, all'epoca dei piani quinquennali credette talmente nella costruzione dell' "uomo nuovo" da abbandonare i cantieri minerari del Donbuss, dove lavorava, per mettersi a raccontare l'epopea dell'Unione Sovietica. Fu corrispondente di guerra per il quotidiano dell'esercito "Stella rossa" e seguì il fronte fino alla Germania. In quel periodo cominciò a comporre una grande opera sulla guerra, incentrata sulla Battaglia di Stalingrado, e diede alle stampe "Il popolo è immortale" (1943), esaltazione dei sacrifici sofferti dai popoli dell'Unione Sovietica durante l'invasione tedesca del 1941. Tra il 1944 e il 1945 lavorò a un'opera che documentava i crimini di guerra nazisti nei territori sovietici contro gli ebrei ("Il libro nero"). Grossman, ebreo sovietico, scrittore e giornalista, conobbe perciò direttamente le devastazioni della seconda guerra mondiale, la lotta contro i nazisti, la sconfitta di Hitler quindi l’ascesa di Stalin. Dopo aver assistito alla campagna antisemita (fra il 1949 e il 1953) si trovò in dissidio con il regime e cadde in disgrazia. Così la stesura finale della sua grande opera, Vita e Destino, venne sequestrata e non avrebbe mai visto la luce se qualcuno non avesse conservato e fatto pervenire clandestinamente una o due copie a Losanna, dove fu stampato nel 1980.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente