Scelti per voi

Il miniaturista di Jessie Burton

Qualcuno ha destabilizzato Nella scrutando nella sua vita. Se i pezzi non le sono stati mandati per errore, allora la culla è un riferimento beffardo al talamo nuziale disertato e a quella che parrebbe avviarsi a diventare un’eterna verginità. Chi mai potrebbe avere una simile impertinenza? I cani, così ricchi di particolari, le poltrone, così precise, la culla, così evocativa: è come se il miniaturista avesse una visione perfetta della sua vita privata.

1686. Petronella Oortman arriva ad Amsterdam dalla piccola città di campagna dove ha lasciato la madre vedova, un fratello e una sorella.
Ha diciotto anni, e per unica compagnia il pappagallo Peebo su una spalla.

Fra poco non dovrebbe più essere sola: bussa alla porta del mercante Johannes Brandt che l’ha sposata con una cerimonia semplice e riservata una quindicina di giorni prima. Petronella (o Nella come la chiamano tutti) non ha fatto in tempo a conoscere il marito che ha una ventina d’anni più di lei. Ha visto che è un bell’uomo, la mamma le ha detto che l’amore verrà di certo, che il suo corpo è la chiave per quell’amore. Che delusione. Non c’è il marito ad accoglierla, ma la sorella di lui, l’acida Marin che, a quanto pare, non ha nessuna intenzione di cederle il posto di padrona di casa.

Il miniaturista
Il miniaturista Di Jessie Burton;

In un giorno d'autunno del 1686, la diciottenne Petronella Oortman Nella-fra-le-nuvole è il soprannome datole da sua mamma - bussa alla porta di una casa nel quartiere più benestante di Amsterdam. È arrivata dalla campagna con il suo pappagallo Peebo, per iniziare una nuova vita come moglie dell'illustre mercante Johannes Brandt. Ma l'accoglienza è tutt'altra da quella che Nella si attendeva

Una ragazzina come lei non sa nulla di certo di come si conduca una casa, di come si gestiscano i commerci di cui si occupa Johannes. Insieme a Marin, Nella incontra pure la domestica Cornelia e il servitore Otto, un uomo di colore che fa spalancare gli occhi a Nella, non ne aveva mai visto uno.

Povera Nella con le sue fantasie di amore. Il marito non busserà mai alla porta della stanza che è stata preparata solo per lei. Si presenterà con uno strano regalo di nozze: una casa in miniatura. No, più precisamente: la loro casa in miniatura. Perfetta, preziosa, deliziosa. Ma Nella non sa che farsene: che cos'è? un giocattolo? lei non ha più l’età per giocare, lei voleva una casa vera, un marito vero, una vita vera e non una riduzione in scala di tutto questo.

È un singolare romanzo di crescita, quello di Jessie Burton.
Un romanzo che segue la crescita di una ragazza di fronte a una realtà a cui niente l’ha preparata, anche perché è una realtà ignorata e messa al bando.

Che cosa può saperne lei, che sa a malapena che cosa succede tra un uomo e una donna per avere osservato gli animali accoppiarsi in campagna, di altre tendenze? Non sa neppure nulla del commercio dello zucchero da cui dipende al momento la ricchezza dei Brandt, le piacevano i dolci e il marzapane, ma non aveva mai visto i coni di zucchero che arrivano dall’altra parte del mondo e che rischiano di andare a male per l’umidità nei magazzini.

La vita intorno a lei sembra scorrere su tre piani diversi.

C’è la vita più in vista, quella con la cena a cui va con il marito che la mette in mostra, ed è quella regolata dalle severe leggi calviniste dell’Amsterdam secentesca.

C’è poi la vita tra le mura di casa che sembrano bisbigliare segreti dietro porte chiuse e rumore di passi furtivi, stanze che non si addicono a chi le abita (quella dell’ascetica Marin è una sorpresa), con lettere d’amore incandescenti che scivolano da pagine dei libri, severi abiti neri che però sono foderati di pelliccia e nascondono quello che nessuno deve vedere.

E c’è, infine la vita nella casa di bambola.

Sì, la vita, perché la casa in miniatura si anima, si popola a poco a poco di piccoli personaggi. Nella fa le prime ordinazioni ad una misteriosa ed elusiva miniaturista che poi continua a farle pervenire pacchettini con un contenuto stupefacente: l’artista sconosciuta non solo sembra conoscere perfettamente gli abitanti di casa Brandt ma sembra anche prevedere il loro futuro, o lanciare avvertimenti su quello che sta per accadere, in una maniera inquietante e un poco sinistra.

Il romanzo è come una partitura musicale in tonalità diverse per il liuto che dapprima Marin proibisce e poi incoraggia Nella ad usare, con un finale dalle note profonde e drammatiche.

A volte abbiamo l’impressione che i tre protagonisti, Johannes, Nella, Marin, siano in anticipo sui tempi, che, nel loro desiderio di libertà dalle costrizioni, vivrebbero meglio tre secoli dopo, e tuttavia questo primo romanzo di Jessie Burton ci trascina nella lettura, sorprendendoci con il graduale cambiamento dei personaggi che ci obbliga a rivedere la prima idea che avevamo avuto di loro, stuzzicandoci con un processo degno di un legal thriller, deliziandoci con i dettagli di quel piccolo capolavoro d’arte che è la casa di bambole, dandoci l’impressione di osservare l’intera Amsterdam in miniatura.

Dal libro la serie Il Miniaturista

Recensione di Marilia Piccone per Wuz

Le recensioni della settimana

Conosci l'autrice

Jessica Kathryn Burton, meglio conosciuta come Jessie Burton, è un'autrice inglese. Ha studiato all’Università di Oxford e alla Central School of Speech and Drama, dove ha interpretato ruoli in classici del teatro come Othello e Macbeth. Il Miniaturista (Bompiani 2015) è stato il suo primo romanzo e anche un primo successo. Tra gli altri titoli ricordiamo: La musa (La Nave di Teseo 2017), Ragazze scatenate (La Nave di Teseo 2018), La confessione (La Nave di Teseo 2020).

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente