Scelti per voi

Rifkin's Festival di Woody Allen

Ho visto Rifkin’s Festival di Woody Allen.

Trama: un professore di cinema in là con gli anni segue la moglie, più giovane e avvenente, al festival di San Sebastian, subodorando un possibile tradimento.

Allen scrive una commedia che dieci anni fa avrebbe interpretato in prima persona, deve pertanto scegliere con cura il suo alter ego e lo fa puntando su un caratterista a lui ben noto, a sua volta ebreo: Wallace Shawn. Il suo volto, riconoscibile, è stato visto in “Manhattan”, “Radio Days”, “Ombre e nebbia” e “Melinda e Melinda”.

Il cineasta mette sul tavolo alcuni temi ricorrenti a lui cari (l’ineffabilità dei rapporti di coppia e la loro inevitabile imperfezione, il potere sorprendente della vita di mettere sul nostro cammino persone che ribaltano le nostre aspettative o ne creano di nuove, la vacuità di facciata del mondo a cui lui stesso appartiene, l’importanza della parola a fronte dell’azione etc.) e sembra denudarsi sempre più davanti al suo pubblico, esplicitando alcune fonti di ispirazione incontrate nel corso degli anni. Per compiere ciò, si affida a un escamotage delizioso, quasi certamente il motivo per il quale anche quest’ultimo lungometraggio – non memorabile benché al 100% alleniano – avrà avuto motivo di essere: i sogni in bianco e nero nei quali gli omaggi a film e registi cari si innestano sulle vicende sentimentali del buffo protagonista.

Se la vicenda delle due coppie si muove sui binari classici dell’autore, gli intermezzi onirici e citazionisti danno un battito d’ali all’opera: si va da Quarto potere di Welles a Fellini, dal trittico francese Un uomo, una donna di Lelouch, Jules e Jim di Truffaut e Fino all’ultimo respiro di Godard a Buñuel, avendo i picchi più belli nei due riferimenti a Ingmar Bergman (Il silenzio e Il settimo sigillo) che già lo aveva ispirato per il suo Interiors. Se nel secondo l’aver scelto Christoph Waltz per il ruolo della morta incappucciata che gioca a scacchi dà un inevitabile tocco di sardonico umorismo nero, nel primo l’idea di far parlare la protagonista per un breve passaggio direttamente in svedese è un vero e proprio colpo di genio. Accanto a Shawn recitano Gina Gershon (qui al suo meglio), Louis Garrel, Steve Guttenberg, Sergi Lopez, Elena Anaya e il celebre volto de La casa di carta Enrique Arce. Luci sempre calde di Vittorio Storaro e consueto jazz in sottofondo.

In sostanza: possiamo serenamente definire Rifkin’s Festival un’opera minore, ma per minore che sia, la densità intellettuale e cinefila che permea la solita ora e mezza di montato è rigenerante per le nostre cellule grigie. Soprattutto, la riflessione amara e sincera sull’impossibilità di avere seconde possibilità col procedere dell’età, l’effimera speranza che illude mentre si affronta la china discendente dell’esistenza e il tema del recupero della memoria e dell’elaborazione di essa, obbligano a meditare e ricordano che la commedia umana ha sempre una nota di amarezza in filigrana.

I film di Woody Allen

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente