Anniversari e Ricorrenze

Colette la ribelle

Illustrazione digitale di Cecilia Viganò, 2023

Illustrazione digitale di Cecilia Viganò, 2023

Tra fine Ottocento e inizio Novecento una donna è scrittrice, attrice, critica teatrale, giornalista e proprietaria di un centro di bellezza. Ha tre mariti (con separazioni annesse) e diversi amori omosessuali. È amata dal popolo e consacrata della critica. Conosce D’Annunzio e ha la stima di Proust. Anticonformista ma non femminista. Si esibisce al Moulen Rouge e scandalizza per la sua audacia.

Tutto questo e molto altro è la camaleontica Sidonie-Gabrielle Colette, detta semplicemente Colette, di cui ripercorriamo per tappe la sua vita, affascinante anche a 150 anni di distanza.

Nel 1883 una ragazza spensierata di dieci anni corre nelle campagne della Borgogna e ama sentire il vento tra i capelli, una sensazione di libertà che custodirà gelosamente per tutta la sua vita. L’esempio migliore che possa avere è l’amata mamma Sidonie, atea e anticonformista.
La piccola Colette è una bambina avida di arte, assecondata dai genitori che soddisfano sempre la sua curiosità, cresce tra musica e libri e può vantarsi di aver letto Honoré de Balzac, Alphonse Daudet, Prosper Mérimée e William Shakespeare.

La rivoluzionaria scrittrice

È il 1893. Tra i boulevard riccamente illuminati, brulicanti di vita e possibilità Colette passeggia con il neosposo Willy (pseudonimo di Henry Gauthier-Villars), giornalista, scrittore e aggressivo critico musicale che per diversi anni plasma e dirige la sua vita professionale, soffocandone l’intraprendenza.

A capo di un club letterario Willy introduce sua moglie al giornalismo cofirmandone gli articoli e in un secondo momento la spinge alla stesura del suo primo romanzo, Claudine a scuola, un memoir che raccolga le buffe avventure da bambina che era solita raccontargli. Per il pretenzioso Willy non merita di essere pubblicato, almeno per il momento. Lo riscopre quattro anni dopo, nel 1899, e chiede a Colette di approfondire quei temi piccanti che nella prima versione sono appena accennati:

Dovreste buttar giù i vostri ricordi di scuola. Non abbiate paura di dettagli piccanti, potrei forse ricavarne qualcosa… I fondi sono scarsi...

Henry Gauthier-Villars

Da vero lupo dedito al denaro Willy firma a suo nome il romanzo, così come i seguenti. Il successo clamoroso spinge Colette a scrivere Claudine a Parigi, poi Claudine si sposa e infine Claudine se ne va nel 1903.
La serie, che ripercorre il suo itinerario biografico nonostante Colette abbia sempre smentito la corrispondenza tra lei e Claudine, ha rivoluzionato la Francia del tempo. A decretarne il successo popolare non solo l’umorismo con cui sono descritti gli scandali della provincia ma soprattutto la nuova tipologia di protagonista che inaugura, una adolescente sveglia e vivace che è stata definita «la prima teenager del secolo». Claudine diventa ben presto un marchio e tutto sembra parlare di lei: si può mangiare un “gelato alla Claudine”, spruzzarsi un “profumo alla Claudine” o ancora indossare un “grembiule alla Claudine”. Non solo, è la prima donna del canone letterario che rivendica il diritto femminile di provare piacere sessuale da un uomo e non solo di esserne la sua artefice.

Colette è oramai una donna consapevole delle sue potenzialità e pronta a riscattare la sua libertà. Dopo il successo di Dialogues de bêtes in cui compare per la prima volta il suo nome di fianco a quello di Willy Colette è stanca della sottomissione alle esigenze lavorative del marito. Dopo Minne, con una Claudine volutamente audace, segue Les egarements de Minne che pone subito fine alla neo-serie con la morte della protagonista, e con lei la vita coniugale dei due.

L’audace attrice

Con la separazione da Willy Colette torna libera, e si riscopre. Inizia così la carriera da attrice di music-hall e nel 1906 conosce l’audace Mathilde de Morny, detta “Missy”, marchesa a tutti nota per i suoi capelli corti e gli ambiti maschili che è solita indossare. Complici nella vita, lo sono anche sul palco e iconico è l’appassionato bacio tra loro durante la rappresentazione del Rêve d'Égypte al Moulin Rouge, così intenso da spingere il prefetto a vietare una terza replica. Prende così avvio la carriera teatrale di Colette che la impegna in tour per tutta la Francia, una vita sempre in movimento e sotto i riflettori che racconta in opere come La vagabonda e I retroscena dei music-hall.

È anche il tempo della rivincita tanto attesa. Grazie a una serie di azioni legali Colette apporta il suo nome sulla serie di Claudine e di Minne, che rielabora e assembla per il romanzo L’ingenua libertina.

La tagliente giornalista

La frenetica attività di redattrice si intensifica negli anni della Prima guerra mondiale che la portano anche in Italia tra Cernobbio e Roma dove incontra Gabriele D’Annunzio.

In patria Colette scrive per importanti testate come Le Matin che ospita quattordici puntate del romanzo Il grano in erba, pubblicazione interrotta perché considerata troppo scandalosa per i temi trattati e le loro descrizioni dettagliate (come la scoperta del proprio corpo e le prime pulsioni sessuali). È chiamata poi dal quotidiano Le Figaro con cui collabora stabilmente mentre porta avanti l'attività di romanziera.

Tra il 1919 e il 1920 ottiene la consacrazione della critica con Chéri, in cui racconta l’amore tra una donna e un ragazzo più piccolo di 24 anni (ribaltamento del primo matrimonio e anticipazione del terzo), e con Mitsou ovvero come le fanciulle diventano sagge che commuove profondamente Proust:

Ho un po' pianto stasera, per la prima volta dopo molto tempo, eppure da un pezzo sono oppresso da dispiaceri, da sofferenze, e da seccature. Ma se ho pianto non è per tutto questo, è leggendo la lettera di Mitsou… Le due lettere finali sono il capolavoro del libro

Marcel Proust

Impossibile riassumere una vita piena e fuori dagli schemi come quella di Colette. Mirabili le personalità che ha incontrato nella sua vita, come Audrey Hepburn (la ricordiamo qui) che ingaggia per la commedia Gigi.
Donna rivoluzionaria, ha però sempre disprezzato le suffragette per i loro atteggiamenti aggressivi ma Colette a suo personalissimo modo è stata un simbolo di emancipazione femminile, lottando per la firma sulle sue opere e disinteressandosi dei buoni costumi e della moralità.
I testi, tutti scritti in prima persona, rivendicano la conoscenza sensoriale del mondo e i piaceri (sessuali e non) che ne posso derivare per assecondare una natura che non conosce rigidi confini tra femminile e maschile, tra umano e non umano. A 150 anni di distanza una sua frase ha ancora molto da farci riflettere:

Maurice, c’è un solo animale

Colette

La voce di Colette

Camera d'albergo

Di Colette | Passigli, 2003

La donna celata

Di Colette | Baldini + Castoldi, 2015

Il kepì

Di Colette | Adelphi, 1996

Ma chérie. Lettere con la figlia 1916-1953

Di Colette | Donzelli, 2005

Il mio noviziato

Di Colette | Adelphi, 2007

La nascita del giorno

Di Colette | Adelphi, 1986

Le ore lunghe 1914-1917

Di Colette | Del Vecchio Editore, 2013

Il puro e l'impuro

Di Colette | Adelphi, 1996

Sido

Di Colette | Adelphi, 1989

Libri su Collette

Colette. Il genio femminile. Nuova ediz.

Di Julia Kristeva | Donzelli, 2018

Sarah Bernhardt, Colette e l'arte del travestimento

Di Laura Mariani | Cue Press, 2016

Colette. Un sogno audace

Di Nicoletta Sipos | Morellini, 2021

Luci e ombre di Colette

Di Ornella Minelli | SBC Edizioni, 2020

Ti potrebbero interessare

La posta della redazione

La posta della redazione

Hai domande, dubbi, proposte? Vuoi uno spiegone?
Scrivi alla redazione!

Conosci l'autrice

Scrittrice francese. Sposò a vent'anni il romanziere Willy (Henry Gauthier-Villars) e si trasferì con lui a Parigi. Ottenuto successo già con i suoi primi scritti, divorziò e dopo varie esperienze di vita bohèmienne divenne corrispondente al Matin. Venne eletta all'Accademia Goncourt nel 1949.Colette occupa una posizione peculiare nella storia letteraria francese. La sua narrativa si distingue per un'intuizione della vita così com'è, resa attraverso uno stile non retorico e sempre evocativo.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente