Anniversari e Ricorrenze

La bottega della famiglia Jaggard e il First Folio di Shakespeare

Illustrazione digitale di Ginevra Sacchi, 2023

Illustrazione digitale di Ginevra Sacchi, 2023

Questo non è un anniversario che passa attraverso la nascita o la morte di una figura che ha lasciato un segno nella storia, né si tratta di una di quelle date-gong che rimbombano come allarmanti moniti nella memoria scolastica (753 a.C., 1492, 1789 e via così): questa, di cui ci occupiamo qui, è una data-svolta che tale appare solo se illuminata da una luce accesa dentro le pieghe della storia, e, nella fattispecie, della storia della letteratura occidentale.

Milleseicentoventitré. Il 1623 è l’anno in cui, dopo molto disquisire e molto collezionare e collazionare documenti, esce il primo in-folio delle opere drammatiche di William Shakespeare. Trentasei opere che di lì a poco diventeranno trentasette.

Editorialmente parlando, l’opera di Shakespeare comincia lì.

Dopo l’epica del manoscritto vergato e magari corretto mentre gli attori sono già pronti a comparire sulla scena e di episodiche stampe in-quarto, Henry Condell e John Heminges, entrambi legati a Shakespeare dall’appartenenza prima alla compagnia dei Lord Chamberlain’s Men e poi a quella dei King’s Men, mettono mano alla redazione delle opere. L’in-folio, ovvero la stampa su fogli di stampa piegati una volta sola, dava forma a libri pesanti e voluminosi – veri e propri forzieri di scritture, e non v’è dubbio che quello di Condell e Heminges fu forziere per eccellenza.

Condell era stato un attore di valore, Heminges si era meglio distinto come impresario e direttore di compagnia. Essendo Shakespeare morto il 23 aprile del 1616, va da sé che si sia manifestata presto l’esigenza di raccogliere, ordinare e sistemare un materiale drammaturgico che sia l’uno sia l’altro conoscevano bene e di cui temevano, chissà: la dispersione? l’alterazione? Ci sono ipotesi in proposito ma è verosimile che Condell e Heminges fossero fra i pochi a possedere se non i manoscritti originali almeno delle attendibili copie di questi.

Al di là della redazione conservativa – va da sé che siamo lontani da un’edizione filologica – quello che Condell e Heminges fecero con il primo in-folio fu conferire istituzionalità e autorevolezza a un corpus di opere destinato a travalicare il confine della contemporaneità, raccogliendo dei testi (nell’in-folio mancano solo il Pericles e Two Noble Kinsmen) che erano stati spettacoli di successo ma ai quali mancava una trasmissibilità sicura, una solida compattezza, nonché una promessa di affidabilità e, in questo caso, l’opinione degli studiosi ha dovuto infine riconoscere al primo in-folio una attendibilità superiore a quella che a più riprese fu messa in discussione. Non solo: il primo in-folio è anche, consapevolmente o meno, l’attestato di identità con cui William Shakespeare arriva a noi come autore, malgrado l’oggettiva incertezza documentale della sua biografia, come poeta consegnato alla sua identità attraverso il “monumento” della sua opera.

L’esistenza di copioni circolanti era senza dubbio un dato di fatto, e la continuità delle opere di Shakespeare dal punto di vista performativo sarebbe comunque stata garantita. Che quei copioni fossero copie, rimaneggiamenti, o addirittura stenografie di teatranti intesi a rubare le battute durante le rappresentazioni non è leggenda; è soltanto – e per fortuna – un segno della popolarità e dell’efficacia delle opere. Secondo il decreto del 1557 della regina Maria I, il diritto d’autore passava attraverso la stampa degli stationers, i cartolai. In caso contrario (e il teatro era ancora una sorta di terra di conquista), la proprietà passava necessariamente attraverso la “chiara fama”: l’associazione di un’opera molto rappresentata a un nome produceva appartenenza e accresceva la statura (leggi pure: il valore commerciale) dell’autore.

Shakespeare ha comunque rischiato la leggenda e l’omerizzazione. Ci sono ancora bizzarri studiosi che ne moltiplicano l’identità, o ne vogliono una tutt’affatto diversa, che fosse magari una donna o un italiano – o magari Francis Bacon.

Per fortuna in quel 1623, mentre Giacomo I si avviava verso la sua demenza senile, Condell e Heminges lavoravano, insieme ai librai Edward Blount e William e Isaac Jaggard, nonché ai cartolai William Aspley e John Smethwick (che avevano pubblicato l’in-quarto di alcune opere del Bardo), per assicurarci la trasmissione dell’opera di William Shakespeare: Mr. William Shakespeares Comedies, Histories, & Tragedies, così il titolo. È il loro un lavoro che dura almeno tre anni, e non possiamo fare a meno di correre con l’immaginazione nella bottega della famiglia Jaggard e vedere il procedere di compositori, correttori e stampatori. Per una volta, l’adagio «tutto il mondo è un palcoscenico» suonava non in bocca al buon Jaques di As You Like It ma nelle inchiostranti officine di un’editoria ancora artigianale, dove i cosiddetti foul papers (le stesure manoscritte con inserti e note) salivano sulla scena della pagina a stampa. Più tardi e per tutto il Settecento, l’edizione dell’in-folio fu guida alle redazioni dei più agili in-quarto, che aprirono l’opera shakespeariana alla possibilità di un vero e proprio mercato editoriale.

Quattrocento anni dopo, rendiamo grazie a Condell e Heminges, fratelli in Shakespeare.

Shakespeare e le sue opere

Shakespeare. Una vita nel teatro

Di Stephen Greenblatt | Garzanti, 2016

Shakespeare. Una biografia

Di Peter Ackroyd | BEAT, 2016

Amleto

Di William Shakespeare | Feltrinelli, 2013

Romeo e Giulietta. Testo inglese a fronte

Di William Shakespeare | Feltrinelli, 2014

Macbeth. Testo inglese a fronte

Di William Shakespeare | Feltrinelli, 2013

Otello. Testo inglese a fronte

Di William Shakespeare | Feltrinelli, 2013

Sogno di una notte di mezza estate-Romeo e Giulietta

Di William Shakespeare | Rizzoli, 2016

I sonetti. Testo inglese a fronte

Di William Shakespeare | Einaudi, 2021

Gli altri approfondimenti

La posta della redazione

La posta della redazione

Hai domande, dubbi, proposte? Vuoi uno spiegone?
Scrivi alla redazione!

Conosci l'autore

Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton: "Venere e Adone" e "Lucrezia violata". In questi anni iniziò anche la stesura dei sonetti, che durò, tranne qualche componimento più tardo, fino al 1597. È il periodo della grande fioritura teatrale di Londra. I teatri sono numerosissimi: sia pubblici, scoperti, in cui si recita alla luce del giorno; sia privati, coperti, in cui la scena è fissa. Gli attori sono organizzati in compagnie che godono della protezione di qualche esponente della corte e hanno tra loro scrittori che forniscono testi con incredibile rapidità. Shakespeare, autore e attore, con l’appoggio del duca di Southampton, diventa anche comproprietario del celeberrimo Globe Theatre e poi del Blackfriars, e accumula così una piccola fortuna. Ciò gli permette di acquistare delle proprietà a Stratford e di far concedere al padre uno stemma gentilizio. Le notizie su di lui sono legate soltanto a rappresentazioni o edizioni di sue opere e a documenti familiari o legali: le nozze delle figlie, la testimonianza in un processo (1612), l’acquisto di proprietà (1613). Nel 1610, pur continuando la collaborazione con la compagnia dei King’s Men, si era ritirato a Stratford.Nel marzo del 1616 fece testamento, il 23 aprile dello stesso anno morì e fu sepolto nel coro della chiesa della Old Town.Fra le sue tragedie più celebri, ricordiamo "Romeo e Giulietta", "Macbeth", "Re Lear", "Amleto e Otello". Fra le commedie, continuano ad essere rappresentate in tutto il mondo "Sogno di una notte di mezza estate", "Molto rumore per nulla", "La tempesta", "La bisbetica domata" e "Come vi piace".Tra i drammi storici: "Riccardo III" ed "Enrico IV".Fonte: parzialmente tratta dall'Enciclopedia Garzanti della letteratura

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente