Il verso giusto

Teoria della memoria di Louise Glück

Illustrazione digitale di Jacopo Lambiase, 2022, studente del Liceo artistico Volta di Pavia

Illustrazione digitale di Jacopo Lambiase, 2022, studente del Liceo artistico Volta di Pavia

Teoria della memoria

Tanto tanto tempo fa, prima che fossi un’artista tormentata, afflitta da desideri eppure incapace di stabilire relazioni durature, tanto tempo prima di allora, fui una splendida sovrana che riunificava tutta una nazione divisa – così mi raccontò la chiromante che studiava il palmo della mia mano. Grandi cose, disse, ti stanno davanti, o forse dietro; è difficile essere certi. Eppure, aggiunse, che differenza c’è? Adesso sei una bambina che tiene per mano una chiromante. Tutto il resto è ipotesi e sogno.

(da Louise Glück, Notte fedele e virtuosa, traduzione di Massimo Bacigalupo, Il Saggiatore, Milano 2021)
Notte fedele e virtuosa
Notte fedele e virtuosa Di Louise Glück;

Siamo di nuovo bambini, sogniamo i sogni dell’infanzia. Che colore hanno oggi? Li ha scoloriti l’età, la vita? E la nostra fiaba preferita: cavalca ancora il cavaliere indomito, delle cui imprese leggevamo a letto? Oggi sappiamo che al mondo non esistono eroi; che cosa resta allora di quelle avventure? Forse la vita le spazza via tutte. O forse invece gli enigmi lasciati irrisolti dal giorno vengono ritessuti dalla notte.

Premiata con il Nobel per la letteratura nel 2020, Louise Glück (nata nel 1943) è autrice che convoca e sfida l’interpretazione del lettore, tanto la sua arte è enigmatica e risolta, chiusa in se stessa.

Nel libro Notte fedele e virtuosa (uscito in edizione originale nel 2014: Faithful and Virtuous Night) si trova, con alcune altre prose poetiche, quella intitolata Teoria della memoria.
Essa sottopone alla nostra attenzione, fin dal titolo che è un complemento essenziale del testo, una «teoria», cioè un’idea, una concezione.
Per farlo, però, racconta un minimo apologo: cala dunque l’astratto nel concreto, attraverso un episodio personale, ma in qualche modo esemplare. Una chiromante legge la mano dell’ “io” poetico. La mano dovrebbe rivelare, alla lettura, soprattutto il tracciato del futuro, la sorte ancora sconosciuta. Ma, con un gesto e un’intuizione che sta al centro di questo testo, con un rovesciamento dunque, il futuro è confuso con il passato, la preveggenza con la memoria. Così ogni calcolo è revocato in dubbio, reso fluttuante e incerto. Quelle grandi cose che sono incise nel palmo della mano appartengono allo ieri o al domani? E, dunque, questi due orizzonti, questi domini, sono comunicanti, incrociati, permeabili l’uno all’altro?

È forte la tentazione di accostare questo breve testo, con la sua carica interrogativa, con la sua meraviglia per il tempo avuto in dono, al discorso di Sant’Agostino sulla temporalità, nel libro undicesimo delle Confessioni (da cui cito, nella traduzione di Carlo Vitali): «Risulta dunque chiaro che futuro e passato non esistono, e che impropriamente si dice: “Tre sono i tempi: il passato, il presente e il futuro”. Più esatto, sarebbe dire: “Tre sono i tempi: il presente del passato, il presente del presente, il presente del futuro”. Queste ultime tre forme esistono nell’anima, né vedo possibilità altrove […]». E più avanti: «Di qui mi parve che il tempo non sia altro se non estensione: di che cosa, poi, non lo so, se non forse proprio dell’animo».

Che la poetessa americana, con il curioso apologo sulla chiromante, stia ritessendo il discorso di Agostino sulla temporalità, sul suo segreto, sul mare dei tempi che convergono misteriosamente in noi e nel nostro animo? Quanto alla memoria, Agostino ne parla diffusamente nel libro decimo delle Confessioni: la sua estensione miracolosa, come quella del tempo, confina con il significato del creato, si spiega in Dio. Ma questo la poetessa non lo dice. Suggerisce però domande, ipotesi, sogni

Scopri altri poeti

Conosci l'autore

Premio Nobel per la Letteratura 2020. Nata a New York nel 1943, Louise Glück è una poetessa statunitense. La sua poesia evoca schegge memoriali rielaborando temi come l’isolamento e la solitudine, in un tono insieme colloquiale e meditativo. Vincitrice del premio Pulitzer con L’iris selvatico (The Wild Iris, 1993), ha convinto i critici per lo stile controllato ed elegante con cui assorbe lunghe sequenze narrative di tratto confessionale che ricordano la poesia di R. Lowell, S. Plath e A. Sexton. In Meadowlands (1997) rievoca figure mitiche come Ulisse e Penelope all’interno di una scrittura molto moderna, che racconta di un matrimonio che sta per finire. Nel 2020 vince il Nobel per la letteratura per "la sua incofondibile voce poetica che con austera bellezza rende l'esistenza individuale esperienza universale". Nel 2020 per il Saggiatore vengono pubblicati: Averno e L'Iris Selvatico. A queste segue Ararat (2021).Immagine dalla copertina di On Louise Gluck: Change What You See, edizioni The University of Michigan Press.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente