Passato di letture

Siamo nati da soli. Punk, rock e politica in Italia e in Gran Bretagna (1977-1984)

Illustrazione digitale di Elisa Ceccoli, 2022, studentessa del Triennio in Pittura e Arti Visive, NABA, Nuova Accademia di Belle Arti

Illustrazione digitale di Elisa Ceccoli, 2022, studentessa del Triennio in Pittura e Arti Visive, NABA, Nuova Accademia di Belle Arti

Bella storia, quella del punk! E importante. 

Un tipo di musica innanzitutto, una forma d’arte ma anche un movimento culturale e una realtà che per anni ha costruito un ponte ideale tra i giovani di mezzo mondo. Simbolo di ribellione, il punk è stato per poco meno di un decennio una delle correnti più influenti della controcultura giovanile in uno dei momenti cruciali del Novecento, vale a dire il tortuoso passaggio che sta tra la nascita dei movimenti giovanili degli anni Sessanta e il disimpegno liberista degli anni Ottanta. Una storia i cui influssi possono essere ancora oggi ritrovati all’interno degli ambienti della cultura alternativa occidentale e che ha segnato un nuovo rapporto tra musica, cultura di massa e impegno politico. 

Siamo nati da soli. Punk, rock e politica in Italia e in Gran Bretagna (1977-1984)

Fondato su un ampio ventaglio di fonti, il libro analizza origini e sviluppi del punk e lo colloca nelle sue reti transnazionali di produzione e mobilitazione: quell'esperienza diventa un osservatorio capace di restituire in modo originale le più ampie trasformazioni culturali e politiche del tempo, con particolare attenzione al caso dell'Italia e della Gran Bretagna.

Alessia Masini, brava storica della politica e delle istituzioni che “sogna di fondare una band”, ha ricostruito in Siamo nati da soli. Punk, Rock e politica in Italia e in Gran Bretagna (1977-1984)  (Pacini editore) l’evoluzione del fenomeno punk e il suo impatto sulla scena sociale e politica del vecchio continente. Attraverso l’analisi di una consistente mole di fonti documentarie e testimonianze il saggio ricostruisce con attenzione non solo le linee fondamentali di una vera e propria cultura che a fine anni Settanta esonda dalla sua culla londinese per andare a contaminare la scena continentale, ma ne ricostruisce l’impatto sul mondo giovanile italiano alle prese nel periodo anni Settanta-Ottanta con una delle più grandi trasformazioni culturali mai vissute dal paese. Dagli anni dell’impegno a quelli del disimpegno, il punk rappresenta anche in Italia un tentativo di incanalare la ribellione fatto di sonori “No” urlati in faccia non solo alla cultura dominante, ma anche a quegli spezzoni di pensiero critico che apparivano troppo ingessati e “organici” al mantenimento del sistema. 

Bologna è, in quegli anni, il centro di un fenomeno che cerca di ritagliarsi uno spazio di contrasto e rottura, cercando al contempo di tracciare nuove vie di espressione e manifestazione del dissenso. 

Un’epopea tutto sommato breve, ma intensa nella propria produttività culturale e che lascia grandi strascichi negli ambienti delle subculture urbane, rimanendo un punto di riferimento per chi, negli anni, ha cercato di contrastare alla cultura dominante e alle sue imposizioni. Perché essere punk è stato e continua a essere soprattutto opporsi, dire “NO”. E opporsi è un ottimo modo per entrare nella storia, e anche per farla. 

NON LEGGETELO se pensate che siano solo canzonette: non ci capireste nulla. 

NON LEGGETELO se credete che il ‘68 abbia già detto tutto: ci sono altre generazioni che hanno continuato a urlare i propri no. 

NON LEGGETELO se pensate che ci voglia la cresta per fare il ribelle. Anche se in affetti a volte aiuta. 

Gli altri passati di letture

Libri per approfondire

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente