Dazeroasei> Alla scoperta della tristezza

Alla scoperta della tristezza

illustrazione di Giusy Gallizia, 2022

illustrazione di Giusy Gallizia, 2022

Osservare i bambini mentre giocano, le loro espressioni di gioia, stupore e meraviglia è un’esperienza che strappa un sorriso a quasi tutti gli adulti. Capita di vedere ragazzini con lo sguardo coraggioso di un pirata o di un’esploratrice, con la determinazione di chi si prepara a vivere chissà quali grandi avventure, con occhi sognanti e scintillanti. Attraversano quell’epoca della vita in cui tutto si tinge facilmente di rosa, verde e arancione, i colori che associamo maggiormente alle sensazioni positive. I bambini sono creature dell’assoluto, le cui emozioni difficilmente conoscono vie di mezzo, sia nel bene che nel male: quando si arrabbiano, per esempio, diventano piccole furie e tanti saluti alla moderazione. Tra tutte le emozioni che ci capita di osservare, però, ce n’è una che spiazza più di altre, che quasi spaventa e che non vorremmo mai associare ai bambini: la tristezza, quella sensazione fatta di grigi, blu e viola, colori spenti e cupi. Non è un caso che da qualche anno a questa parte si senta parlare sempre più spesso del “Blue Monday”, il giorno più triste dell’anno. Non è un caso nemmeno che uno dei personaggi del famoso Inside Out, proprio Tristezza, sia tutta blu, trincerata dietro il suo magione, sempre blu, a collo alto, chiusa in sé stessa.

Anche la tristezza fa parte delle emozioni che ci rendono unici, ognuno la percepisce e la sperimenta a modo suo e per ogni persona è causata da esperienze diverse: può essere venata di malinconia quando manca qualcuno o qualcosa, può essere mescolata all’invidia e all’ira quando ci si sente esclusi o emarginati oppure può essere condita da un pizzico di smarrimento e confusione quando non si capisce il perché di un gesto o una parola scortese. Insomma, sono tutte quelle situazioni che capitano anche agli adulti e che per i bambini sono più difficili da affrontare. C’è poi quella tristezza che ci rende tristi e basta, senza spiegazioni o motivi: è così dal risveglio e ce la teniamo tutto il giorno appiccicata addosso.

Spesso abbiamo paura che un bambino o una bambina siano tristi, come se fosse un’esperienza del tutto negativa, da superare e archiviare il più in fretta possibile. Fa paura perché spesso non sappiamo come affrontarla, questa emozione, e invece di viverla cerchiamo tutti i modi possibili per sfuggirle. La tristezza, invece, va rispettata, compresa e accolta: solo in questo modo può diventare un momento di crescita, di maturazione a arricchimento molto importante. 

Illustrazione tratta dal libro "Sono triste. Le emozioni di Banù", Giunti Editore, 2020

Il problema, spesso, è tutto qui: i bambini non sanno comunicare la loro tristezza e non sempre sanno riconoscere una causa precisa che la provoca. Sedersi al fianco di un piccolo, fargli una carezza e dirgli semplicemente che capita a tutti di essere tristi è il primo passo per creare un rapporto di fiducia e condivisione, senza pretendere soluzioni frettolose o che rischiano di essere superficiali

La tristezza arriva quando meno ce lo aspettiamo e non è né positiva né negativa, ma sicuramente necessaria. Non c’è arcobaleno senza pioggia e la tristezza ci permette di godere maggiormente della felicità e della serenità che vengono dopo. Attraversando quest’emozione si impara molto su se stessi, sulle capacità che abbiamo per superare i momenti difficili. Lasciare che un bambino attraversi un momento di tristezza senza sentirsi giudicato o senza doversi vergognare lo aiuterà a maturare moltissimo.

Tristezza e felicità sono due facce della stessa medaglia, insomma, una fa posto all’altra in un soffio. Questa è l’idea che ci suggerisce una saggia tartaruga alla fine dell’albo “Un mare di tristezza”, storia di un pesciolino triste che cerca in una bella nuotata l’occasione per tirarsi su di morale. Ahimè, tutti i pesci che incontra sono tristi, affranti, abbattuti, mogi, abbacchiati o mesti. Quante parole per le mille sfumature della tristezza! Alla fine del libro, una tartaruga sta a testa in giù e suggerirà a pesciolino che, forse, non tutti sono tristi se li si guarda da un'altra prospettiva. Basta capovolgere il libro e le bocche tristi si trasformano in sorrisi. Non credo sia un caso che questo mare lo si debba attraversare tutto fino in fondo e che all’ultima pagina, girando il libro e andando indietro, ci si ritrovi a nuotare in un mare di felicità.

Ci sono tanti altri libri che possiamo leggere con i nostri bambini per capire cosa sentiamo, per imparare a riconoscere le nostre emozioni più complesse e far sì che non ci mandino in crisi. Una bella storia, a volte, sa suggerire le parole che ci mancano.

Ci conosciamo? Sentimenti, emozioni e altre creature. Ediz. a colori

La pazienza ha un bel giardino. La nostalgia annusa una vecchia sciarpa. La vergogna si nasconde in una buca. La curiosità sale sui tetti per vedere un po' più in là. Le emozioni sono come strane creature, grandi e piccole, dolci o spaventose: ciascuna ha una sua personalità, e tutte abitano dentro di noi!

Un mare di tristezza
Un mare di tristezza Di Anna Iudica;Chiara Vignocchi;Silvia Borando;

Un giorno in fondo al mare un pesciolino si sentiva triste e sconsolato. Decise allora di fare una bella nuotata per tirarsi su il morale.

Sono triste. Le emozioni di Banù
Sono triste. Le emozioni di Banù Di Aurélie Chien Chow Chine;

Banù è un unicorno come tutti gli altri, o quasi... perché lui ha qualcosa di veramente magico: la sua criniera cambia colore in base alle emozioni che prova. Felicità, gelosia, rabbia, senso di colpa, timidezza, paura, astio, tristezza... Come si sente oggi Banù? Cosa è successo? E come può sentirsi meglio?

Pimpa. Tristezza vai via!

Pimpa è da sola... che tristezza! Come fare a scacciarla? Un libro con materiali da toccare e grandi illustrazioni dai colori vivaci, per conoscere le emozioni ed esplorarle insieme.

Lacrime che volano via. Ediz. illustrata

Oh, guarda, guarda! Vedete anche voi quello che vedo io? Quel bambino piange forte forte. Per fortuna io so cosa bisogna fare di così tante lacrime. Prima di tutto vanno messe al caldo, poi vanno cullate dolcemente... Una tenera storia splendidamente illustrata per i più piccini.

Sono triste... sono felice! Ediz. illustrata

Questo titolo esplora il mondo dei sentimenti, rispondendo a molti degli interrogativi del bambino su questi temi. Perché a volte siamo tristi, che cosa ci fa arrabbiare o ci fa paura, come esprimiamo i nostri sentimenti, cosa ci rende felici? Tante situazioni illustrate e spiegate con parole semplici aiutano genitori e bambini a parlare insieme di questi argomenti.

Felicità ne avete? Ediz. a colori
Felicità ne avete? Ediz. a colori Di Lisa Biggi;Monica Barengo;

In tempi in cui la domanda di felicità è molta, ma l'offerta è poca, una strega può escogitare un maleficio per rubarla a chi ne ha, intrecciandosela tra i capelli. Un furto del genere però è davvero il più vile, chi lo subisce deve cercare di riappropriarsi a tutti i costi ciò che più conta nella vita. Una storia sulle dinamiche di relazione di chi prende e chi dà, e sulla capacità di ribaltarle con empatia e successo.

L' alfabeto delle emozioni. Ediz. a colori
L' alfabeto delle emozioni. Ediz. a colori Di Rita Poggioli;Elena Pensiero;

Le parole di Rita Poggioli e le illustrazioni di Elena Pensiero indagano, scoperchiano, enfatizzano, mostrano il vulcanico mondo interiore nelle sue svariate manifestazioni.

Il buco. Ediz. illustrata
Il buco. Ediz. illustrata Di Anna Llenas;

La vita è piena di incontri. E anche di perdite. Alcune insignificanti, come quando si perde una matita o un foglietto. Ma alcune sono importanti, come la perdita di qualcosa a cui si tiene, della salute o di qualcuno che si ama. Questa storia ci parla della nostra capacità di resistere e di superare le avversità, di trovare il senso della vita.

Le sei storie delle emozioni. Ediz. illustrata

Storie illustrate a colori per aiutare i bambini a conoscere e a gestire le loro emozioni. Una fifa blu, Rosso di vergogna, Giallo di gelosia, Verde di invidia, Arancione di gioia e Grigio di tristezza: tanti racconti da leggere per esplorare i sentimenti.

Umori del cuore

Sono contento, di buonumore,
sette risate mi ballano in cuore.
Sono felice, voglio scoppiare.
Come un vulcano che scende nel mare!
Son come un cielo normale, sereno:
non son felice, ma triste nemmeno.
Uffa che noia, ma come sarà? 
Vorrei far tutto, ma niente mi va.
Io sono triste, però non piango:
vorrei andarmene, però rimango.
Che mondo nero, che brutta giornata!
Ho il cuore come una spugna strizzata!


Roberto Piumini, Bruno Tognolini

Altri consigli di lettura 

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente