Diario di bordo

L'urna trasparente e la vergogna

Martedì 19 ottobre 

Nel lunedì che era cominciato con un portuale di Trieste che davanti alla polizia si inginocchia, piange e tiene alto il rosario, il pomeriggio ha portato cifre da vero psicodramma politico, come raramente si erano viste.
I risultati dei ballottaggi sono andati oltre le previsioni, con la vittoria del centrosinistra a valanga a Roma e Torino, ma anche in luoghi inaspettati come la Varese proto-leghista, la Latina di Durigon e la misteriosa Cosenza. Il fenomeno più appariscente è stato naturalmente quello della bassissima affluenza, che ha colpito a morte i candidati del centrodestra che, peraltro, erano i primi a supplicare che la loro agonia non si prolungasse. Gli analisti dei flussi elettorali sapranno essere molto precisi sulla geografia della solitudine e indicheranno delusione, stanchezza, scarsa fiducia nei propri leader come cause e concause della disaffezione al voto; spero che si esercitino anche sul versante opposto, ovvero perché gli elettori di centrosinistra sono andati a votare.

In attesa di conoscere i risultati dello sconquasso – c’è un futuro per il fascismo in Italia?
Apparentemente sembra di no e questa è davvero una bella notizia - io vorrei proporre, da politologo dilettante, un’altra possibile causa di questo massiccio rifiuto degli elettori di destra di andare a votare per i propri candidati. Secondo me, si è trattato di “vergogna”. Vergogna di esporsi (mi chiedo quanti, fra quelli che ai tempi d’oro avevano postato i loro selfie con Salvini, li abbiano mantenuti sulle loro pagine Facebook), vergogna per l’incapacità di difendere le proprie opinioni – e questo non certo perché qualcuno gli ha gridato di “tornare nelle fogne” - una vergogna silenziosa per sé stessi che li ha portati a stare a casa.
Se fosse così, sarebbe un caso piuttosto unico di rivolta morale, o di pentimento.
Comunque, un buon segno.        

I populismi alla prova del voto: i libri

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente