Diario di bordo

La lunga vita del Generale Maletti

9 giugno 2021. Johannesburg, Sudafrica. È morto a quasi cent’anni uno degli ultimi protagonisti-testimoni della strage di piazza Fontana, il 12 dicembre 1969. Si chiamava GianAdelio Maletti, generale, ex capo del SID, che si adoperò per proteggere e far espatriare gli assassini, ovvero il nucleo padovano dell’organizzazione nazifascista “Ordine Nuovo”. Condannato per depistaggio, disse di aver agito per “senso dello Stato”; poi emigrò in Sudafrica dove ha vissuto dal 1981 sino alla morte, praticamente indisturbato.
Nel 2018 Maletti è stato intervistato a lungo da due tenaci giornalisti investigativi, Alberto Nerazzini e Andrea Sceresini, ai quali ha, per la prima volta, “vuotato il sacco”.  

Agghiacciante il suo racconto della morte di Pino Pinelli: “Pinelli si rifiuta di rispondere alle domande. Gli interroganti ricorrono quindi a mezzi più forti e minacciano di buttarlo dalla finestra. Lo strattonano e lo costringono a sedere sul davanzale. A ogni risposta negativa, Pinelli viene spinto un po’ più verso il vuoto. Infine, perde l’equilibrio e cade. La morte dell’anarchico non era voluta. Tutti i presenti furono colti da sgomento e apprensione. La verità non li avrebbe sottratti da gravi sanzioni penali. Perciò si impegnarono ad avallare, per il bene proprio e delle istituzioni, la tesi del suicidio”.

Il generale aggiunse che questa ricostruzione era nota a tutti i vertici dei servizi segreti.

Ricordando Piazza Fontana: i libri

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente