Torna Welcome to Socotra: il festival estivo di musica, danza e teatro

ll corpo non è esploso. / Esploderà / questa notte / improvvisamente / ad ora incerta

Antonin Artaud

Socotra è corpo rigoglioso, ma a rischio di aggressione. Socotra – come ogni corpo – è esempio di convivenza. Socotra – come ogni corpo – è esposta alla corruzione.

I corpi non sono congegni meccanici. Sono luoghi di alterazione, di disfacimento, di offesa. I corpi sanno essere però anche desiderio incarnato, esplosione ed energia in potenza, sforzo fisico come veicolo di esistenza e frenesia di felicità.

I corpi possono essere feriti, sporchi, denutriti, dilaniati dalla guerra. Il corpo è incontro e comunità: corpo comune di una comune umanità. Il corpo è politico: corpo anarchico, indocile, gioioso, ribelle.

Ai corpi degli artisti, dispositivi di presenza e consapevolezza, casse di risonanza capaci di farci vibrare e di rompere l’isolamento.

Ai corpi dei giovani, delle donne, delle comunità divergenti che riempiono le piazze, chiedono diritti, trovano voce e nuovo protagonismo. Ma anche alle suole consumate degli intellettuali sul campo, di chi produce cultura partecipando, sentendosi – fino al collo – parte del mondo. Di un mondo che palpita e scalpita, più grande del piccolo pianerottolo europeo, più vario dei canoni con cui l’Occidente bianco ha a lungo definito l’umano.

Al corpo è dedicata l'edizione di quest'anno del Festival estivo Welcome to Socotra, rassegna di incontri, anteprime nazionali, workshop con artisti e performance di danza, musica e teatro.
Socotra è un’isola, uno dei luoghi più ricchi di biodiversità al mondo, dove convivono pacificamente vite, culture, diversità, comunità e forme di vita naturali: se quello che stiamo vivendo è un “nuovo inizio”, Socotra è anche un viaggio, che ci auguriamo di fare insieme. Approdare a Socotra sarà un tuffo, un’immersione nella vita che trabocca.

E sarà un piacere farlo sul nuovo palcoscenico negli spazi esterni lungo viale Boris Pasternak che offrirà nuove occasioni di prossimità e di relazione.

Si parte venerdì 24 giugno alle 21.00 con il concerto di Teho Teardo e il suo disco in tour in tutta Italia Ellipses dans l’harmonie, produzione originale di Fondazione G. Feltrinelli. Si prosegue ogni venerdì e sabato, fino al 23 luglio, con un ricco programma di eventi, molti a ingresso gratuito, con la partecipazione di artisti italiani e internazionali.

All'interno della rassegna Welcome to Socotra un'attenzione speciale è riservata anche ai più piccoli e alle loro famiglie: si terranno laboratori e attività per bambini nel palinsesto del Festival l'isolachenonc'è, il programma di letture e creatività pensato per bambine e bambini da 0 a 11 anni, che si svolgerà sia presso la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, sia in alcuni spazi diffusi in città.

 

Sarà per tutti un'opportunità di scoperta reciproca a partire dal corpo, per nutrire la mente, gettare sguardi nuovi al mondo e confrontarsi con modi diversi di vivere il movimento e l'espressione di sé.

Tra gli eventi da segnalare:

 

- Venerdì 1 luglio ore 18.00 (ingresso gratuito): Timpani, un laboratorio di ascolto musicale collettivo con Vittorio Campanella e Daria Anna Sitek.

I partecipanti propongono e scelgono un album, lo ascoltano per intero e si confrontano dialogando a partire dalle proprie impressioni.

Venerdì 1 luglio ore 19.30 (ingresso gratuito): Strehler politico. Il teatro come critica sociale: con Alberto Saibene saggista e storico e Lucia Calamaro drammaturga. Modera Maurizio Porro critico teatrale e cinematografico.

Il secondo appuntamento di un ciclo di incontri dedicati ad approfondire il profilo più politico di Giorgio Strehler.  In collaborazione con Piccolo Teatro Milano nell’ambito del palinsesto Strehler100.

Venerdì 1 luglio ore 21.00 (biglietti in promozione speciale a 3€): Alessandro. Un canto per la vita e le opere di Alessandro Leogrande di Cantieri Teatrali Koreja, Fabrizio Saccomanno e Gianluigi Gherzi.

Il racconto di un giovane che sceglie di tenere gli occhi aperti sulla realtà che lo circonda, di dedicare la propria vita a donare luce a quello che rimane oscuro e nascosto nei luoghi più terribili, di stare sempre e comunque dalla parte degli “Ultimi”.

Sabato 2 luglio ore 15.00: Instant Kepler, un workshop di teatro con Nicola Borghesi e Riccardo Tabilio. 

I partecipanti affronteranno una piccola spedizione urbana di osservazione, e al loro ritorno saranno chiamati a restituire ciò che i loro sguardi hanno colto attraverso un instant podcast. 

 

Per essere aggiornato su tutti gli eventi consulta questa pagina: https://fondazionefeltrinelli.it/socotra2022/

Le altre news

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente