Al Pordenonelegge 2022 ci sono 3 Pulitzer, 600 ospiti ed eventi per tutti i gusti… letterari

Diffondere cultura a tutti i livelli e promuovere il territorio per contribuire alla crescita sociale e al benessere di chi qui vive e opera

Un qui un po’ dislocato, quello cui si riferisce la mission della Fondazione Pordenonelegge.it, perché di qui, se non nel nome, a questo festival se ne vede poco. Gli autori, ormai, nella cittadina al confine tra Friuli e Veneto, arrivano da ogni parte del mondo, qui, là, ancora più in là e poi di nuovo qui. Ed è questo il bello della crescita di un festival letterario: attirare il meglio del panorama culturale internazionale, facendoci dimenticare della città e della regione in cui siamo. Grazie alla sua iniziativa, Pordenone è diventata, negli anni, un punto di riferimento per la meglio letteratura, luogo di scambio di idee e di consigli di lettura, di confronto e, soprattutto, di grande cultura.

Ripartenza, resistenza, reazione: con quante parole vogliamo esprimere quella speranza di riuscire a intrecciare coraggio e volontà, intelligenza e buona sorte sufficienti per rinnovare la vita, che in questi ultimi mesi ci è apparsa minacciata e fragile più di sempre? E pordenonelegge, per una volta ancora, non si sottrae, cerca un motivo che leghi la sua più semplice vocazione – parlare di libri con i loro autori – a quel valore di condivisione che nel corso degli anni ha costruito con i lettori e, si permetta, i cittadini.

Una spiga di grano dorata su sfondo nero. Nel 2020, con tutti i dovuti scongiuri, la locandina mostrava un guanto di gomma gialle il cui indice e mignolo erano sollevati nel gesto apotropaico più famoso d’Italia. Ne avevamo bisogno, come quest’anno abbiamo bisogno di credere in una rigenerazione possibile, la parola cui è dedicata l’edizione. Tra gli ospiti avremo tre Premi Pulitzer: Joshua Cohen a presentare il suo I Netanyahu, Jericho Brown con The tradition, una raccolta poetica edita da Donzelli, e Jhumpa Lahiri con i nuovissimi Racconti romani.

Ma al centro ci sarà la storia, quella viva, vicina a noi: non mancheranno riflessioni sulla crisi che stiamo vivendo e sul conflitto cui stiamo assistendo in Ucraina. Ci saranno incontri con Nicolai Lilin, Federico Rampini, Lorenzo Cremonesi, Aldo Schiavone, Alan Friedman, e poi la presentazione del volume Poeti d’Ucraina, edito da Mondadori, e il collegamento con lo scrittore Aleksej Nikitin. Una rassegna dal respiro ampio e che dà l’idea di rappresentare una sorta di Stati generali della cultura: dove stiamo andando, cosa sta succedendo ora, dove abbiamo sbagliato? L’incontro tra lettori, autori e idee sarà l’occasione per una rigenerazione e per splendere come quella spiga di grano. Forse, se ancora questi festival esistono, lo sfondo non è poi così nero come sembra.

Ti potrebbero interessare

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente