La redazione segnala

The pale blue eye. I delitti di West Point: Edgar Allan Poe diventa detective

© MyMovies

© MyMovies

Un uomo farebbe di tutto per ingannare la morte

Il 6 gennaio è uscito su Netflix il thriller The pale blue eye. I delitti di West Point, diretto da Scott Cooper e tratto dal libro di Louis Bayard, pubblicato in contemporanea al lancio del film dalla Nave di Teseo. Tra i protagonisti non manca, come ormai di consueto nei film di Cooper, Christian Bale nei panni del detective solitario – un po’ cowboy: boscaiolo dopo una vita segnata dalla tragedia e dal mistero – e Harry Melling, già Dudley Dursley in Harry Potter, nei panni di Edgar Allan Poe. Proprio lui, proprio lo scrittore, che nel 1830 si trovava davvero a West Point come cadetto dell’accademia.

Quasi a metà del secolo, infatti, in una delle scuole militari più famose degli Stati Uniti, uno dei cadetti è trovato impiccato e sembra essersi suicidato. Non ci sarebbe nulla su cui indagare, se non fosse che dopo poche ore qualcuno trafuga dal cadavere il cuore del poverino, e l’unico che sembra qualificato è il detective cinico, burbero, isolato e renitente di nome Augustus Landor.

Durante le indagini, però, mentre i suicidi, o omicidi, o riti satanici, o chissà che altro, si susseguono, l’ex poliziotto fa inaspettatamente amicizia con un giovane cadetto dalla sensibilità più poetica che militare: Edgar Allan Poe. Un Poe fuori posto, che ci sembra tutto fuorché un aspirante soldato, ma che è capace di instaurare un legame profondo con Landor e di aiutarlo nell’indagine. Dimostrando, tra l’altro, una sua predisposizione ai temi che affronterà nei suoi racconti di lì a qualche tempo.

E se la critica ne ha già parlato come un film inusuale per Netflix, uno dei pregi di The pale blue eye risiede nella sua atmosfera: un autunno gelido che buca lo schermo e arriva potente al pubblico, un clima ovattato ma crudele che rende la narrazione lenta e inquietante a ogni scena. Nella sua costruzione si percepisce la firma di Cooper, che con una trama classica, da poliziesco storico, abbassa la tensione e la temperatura emotiva per mettere in risalto tranquillità snervante di un luogo dove le cose che accadono sono assorbite da un mondo violento e ostile di per sé stesso.

Del resto, nei suoi lavori precedenti quest’atmosfera non è mai mancata, in spazi e tempi diversi: in Hostiles i temi della guerra e degli ambienti estremi sono portati nelle praterie del Far West, mentre nel Fuoco della vendetta arrivano sino ai giorni nostri, tra la guerra in Iraq e le organizzazioni criminali dell’America contemporanea.

The pale blue eye è un film di Scott Cooper a tutti gli effetti, dove le pulsioni, i vizi e i misteri dell’uomo si aggirano tra boschi gelidi e stanze illuminate dalle fiammelle tremule delle candele. Una storia in cui Edgar Allan Poe è preso a prestito come personaggio, ma che calza a pennello con le atmosfere che creerà da scrittore e da poeta.  

I delitti di West Point. The pale blue eye

L'accademia di West Point è sconvolta dalla morte di uno dei suoi cadetti: dal cadavere, infatti, è stato asportato il cuore, come se si trattasse di un rito. Per risolvere il caso sarà chiamato Augustus Landor, detective solitario e burbero, che farà amicizia con uno dei personaggi più noti della letteratura, all'epoca studente, Edgar Allan Poe.

© MyMovies

Ti potrebbero interessare

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente