Scelti per voi

2034 di Elliot Ackerman

Nonostante il freddo, nemmeno Lin Bao portava il cappotto. Indossava soltanto l’uniforme, con la sua parete di medaglie, le spalline ricamate d’oro splendente, e il cappello a punta da ufficiale di Marina stretto sotto il braccio. Stava tranquillamente mangiando un pacchetto di M&M’s; li tirava fuori a uno a uno, stringendoli tra il pollice e l’indice.

È così che Sandy Chodhury vede per la prima volta Lin Bao; impegnato a mangiare come se nulla fosse un pacchetto di M&M’s, in attesa davanti alla Casa Bianca che qualcuno del governo americano ascoltasse e rispondesse alla sua richiesta. A leggere queste poche righe sembrerebbe un incontro tranquillo e rilassato, se non fosse per la situazione. L’ufficiale cinese si trova lì, davanti ai cancelli della Casa Bianca, in quello che è un momento di grave crisi per Washington, con uno scopo ben preciso. Presentare una richiesta impossibile agli Stati Uniti che è stata volutamente disegnata perché diventi un ultimatum.

2034
2034 Di Elliot Ackerman;James Admiral Stavridis;

Il romanzo della prossima guerra mondiale. A volte serve un grande romanzo per lanciare il più terribile degli avvertimenti: il 2034 è fin troppo vicino, e questo racconto ammonitore presenta al lettore un futuro oscuro ma possibile, da evitare in ogni modo.

Gli Stati Uniti non avrebbero mai capito, o forse ci sarebbero arrivati solo quando ormai era troppo tardi, che il governo di Lin Bao puntava alla crisi pura e semplice.

Elliot Ackerman e James Stavridis partono da qualcosa di incredibilmente solido e reale. Favoriscono questa concretezza con la presenza di elementi che rimandano agli eventi di anni recenti, stando ben attendi a non ricamarci eccessivamente. Il Covid, per esempio, viene citato ma non elaborato. Compiono una scelta analoga anche nel linguaggio, che risulta privo di tecnicismi e dettagli inessenziali.

Una batteria ausiliaria, incastrata dietro il poggiatesta, emetteva un ronzio talmente forte da sovrastare persino il motore a turboventola dell’F-35. Grande circa quanto una scatola da scarpe, alimentava l’ultima versione della tecnologia stealth in dotazione al fighter. A Wedge non era stato detto molto sulla novità; gli avevano spiegato soltanto che si trattava di un disgregatore elettromagnetico

Questo libro farà tornare alla mente le opere di un altro autore, un maestro del cosiddetto “techno-thriller”, Tom Clancy. Innegabilmente, porterà il lettore che lo ha conosciuto a fare dei confronti interessanti, per quanto riguarda forma e sostanza; non si può evitare, dato che anche Clancy si è cimentato nell’immaginare una terza guerra mondiale.

Il risultato raggiunto da Ackerman e Stavridis è diverso. Il libro scorre leggero e veloce. Non produce quella necessità tipica del thriller di voltare pagina per scoprire cosa succede che tiene il lettore sveglio tutta la notte, ma porta a maturità quel quesito che nasce fin da quando si incontra il titolo in copertina.

Cosa accadrà quando il mondo arriverà al 2034?

Le recensioni della settimana

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente