Scelti per voi

Leggere possedere vendere bruciare di Antonio Franchini

Possiedo undici libri che non ho ancora letto. Alcuni li ho comprati usati per pochi euro, altri li ho cercati. Li ho comprati tutti d’impulso. Il protagonista del primo racconto di Antonio Franchini possiede i libri del padre. Suo padre non poteva rinunciare ai libri. Non possedeva soldi ma libri, e questa era la sua più grande ricchezza.

Leggere possedere vendere bruciare
Leggere possedere vendere bruciare Di Antonio Franchini;

I protagonisti di questi racconti sono i libri. O meglio, le cose che si possono fare con i libri, oltre a leggerli: venderli, sbarazzarsene, persino bruciarli. In queste pagine, personaggi unici e originali fanno i conti con le loro piccole ossessioni e con i modi per superarle.

Senza più soldi, solo ai libri non potevi rinunciare; e hai continuato a ordinarli a me. Ci siamo scambiati i ruoli, ho pagato io per i tuoi ultimi acquisti

Una delle mie insegnanti in Accademia possiede un sacco di libri. Il motivo è molto semplice, è un’editor. Lavora in editoria. Come fa la seconda figura del libro. È un lettore di dattiloscritti. Un personaggio tormentato, perché tutti intorno a lui sentono il bisogno di raccontargli i propri libri. La lettura accompagna la sua vita e il possedere un manoscritto lo rende un uomo ben diverso dal protagonista del primo racconto. I libri per lui non hanno un ricordo felice o triste, non sono oggetti accumulati nel tempo ma pagine e pagine di persone che cercano la frase perfetta.

Ogni tanto penso che se tutto il tempo trascorso a leggere dattiloscritti di narrativa mediocre o infima, ma qualche volta anche buona e, più raramente, molto buona, l’avessi impiegato a leggere classici, oggi, a quarant’anni, non dominerei la letteratura universale, ma la tratterei con assai più confidenza di quanta non ne abbia

Terminata l’opera del consulente editoriale entra in gioco la terza figura di Franchini, quella che i libri li deve vendere.

Ce ne stava uno a Belvedere Marittimo, che si chiamava Nicastro Aristodemo, e un altro, a Lauria Superiore, che si chiamava Astuto Ciro, che ancora hanno conservato le sedie da barbiere del vecchio locale. E quando facevano le rese, restituivano i libri con i capelli e i peli in mezzo alle pagine

Le memorie di Proloco Falanga e del Dottor Beretta sono tra le pagine più complesse del libro. Non solo perché contengono molte parti in dialetto, ma perché raccontano un’Italia antica.

Non tutti i libri sono belli, non tutti i libri ci piacciono, anzi alcuni li vorremmo buttare appena ce li regalano. Negli anni sono nati molti modi per sbarazzarsi di un libro. Si possono lasciare ai mercatini, nelle librerie dell’usato, in biblioteca. Esiste anche un altro modo, bruciarli. L’ultima parte è dedicata ai libri brutti, a quelli belli, a tutti i libri del mondo. La voce narrante è quella dello stesso Franchini, che qui si fa alta. Parla del tormento che i libri possono generare a chi li possiede, a chi li legge, a chi li vende e anche a chi li scrive.

Capisco, pur nutrendo qualche dubbio, che si possa arrivare a voler bruciare la propria opera e, senza alcun dubbio, i propri libri, anche se io le rare volte in cui non ho bruciato ma gettato qualche libro l’ho fatto sempre di nascosto e con la vergogna di chi abbandona il cane in autostrada. Il fuoco distrugge, ma mai completamente, e purifica, se uno ci crede

Io possiedo undici libri mai aperti, ho letto almeno un libro al mese negli ultimi tre anni, non ho mai venduto un libro e non ne brucerò mai uno, anche se qualche testo che ho provato a scrivere l’ho gettato via. E tu?

Invita l'autore a scuola

Prima Effe. Feltrinelli per la scuola propone l’incontro con gli scrittori per trasformare la lettura in un’esperienza indimenticabile, per avvicinare gli studenti ai grandi temi dell’attualità offrendo la possibilità di confrontarsi con chi quelle storie le ha scritte. Un viaggio straordinario e a portata di mano, nel mondo e in se stessi. Per organizzare un incontro scrivi a mailto:info@primaeffe.it

Le recensioni della settimana

Conosci l'autore

(Napoli 1958) scrittore italiano. Ha esordito nel 1992 con la raccolta Camerati.Quattro novelle sul diventare grandi. Appassionato e praticante di arti marziali, nel 1996 ha pubblicato Quando vi ucciderete maestro?, racconto-meditazione in parte autobiografico. Sempre lo sport è il filo conduttore dei racconti di Acqua, sudore, ghiaccio (1998) e della galleria di ritratti Gladiatori (2005), dove la sfida diventa pretesto per un’indagine dell’animo umano. È anche autore del saggio Quando scriviamo da giovani (1996).

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente