Scelti per voi

Nessuno scrive al colonnello di Gabriel García Márquez

L’illusione non si mangia, ma alimenta.

L’ampia produzione letteraria di Gabriel García Marquez annovera, oltre ai noti Cent’anni di solitudine e L’amore ai tempi del colera, anche molti altri capolavori. Fra questi spicca Nessuno scrive al colonnello, appartenente ai suoi anni giovanili, che con le sue 77 pagine si trova in bilico fra la novella e il romanzo breve. 

Nessuno scrive al colonnello
Nessuno scrive al colonnello Di Gabriel García Márquez;

Il vecchio militare in attesa di una pensione che non arriva mai, e che sacrifica perfino i magri pasti per allevare un gallo da combattimento da cui si aspetta soddisfazioni e guadagni, appartiene a quella galleria di indimenticabili ritratti di cui è ricco l'universo di Macondo. La sua eroicità semplice e solenne, la sua profonda, dolente verità umana ne fanno uno tra i personaggi più riusciti del grande Gabo.

Il protagonista del libro, Aureliano Buendía, (embrione dell’omonimo colonnello in “Cent’anni di solitudine”) è un colonello che ha partecipato alla guerra civile e che aspetta da quindici anni la pensione per reduci di guerra. Ogni venerdì si reca al porto di Macondo ad attendere il battello con il carico postale, ogni venerdì torna a casa mani vuote. Non c’è mai nessuna notizia per lui, nessuna busta contenente la pensione: nessuno scrive al colonnello.

Eppure, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, Aureliano Buendía non è affatto un personaggio frustrato o privo di speranza: al contrario, la speranza è l’unica cosa che lo tiene in vita. La speranza nella pensione come già detto, ma soprattutto quella nel gallo da combattimento di suo figlio Agustín, ucciso dalla polizia proprio nell’arena dei galli per aver distribuito stampa clandestina.

Il colonnello è pronto a rinunciare al suo cibo pur di sfamare il gallo, non solo perché è l’unico ricordo che gli resta di suo figlio, ma soprattutto perché è convinto che, ai prossimi combattimenti, quel gallo vincerà. Deve vincere. Quindi anche se molti abitanti del paese sarebbero disposti a comprarlo, e a pagarlo bene; anche se questo potrebbe salvare lui e sua moglie dalla miseria, lui rifiuta sempre.

L’animale rappresenta dunque l’emblema della fiducia cieca e incrollabile del colonnello, disposto a vendere persino l’orologio e i mobili della casa per avere di che mangiare, ma non il gallo. La moglie, malata d’asma, bilancia la fede ingenua del marito con grande razionalità e pragmatismo, cercando inutilmente di convincerlo.

“Non hai pensato che il gallo può perdere” disse la donna.
“È un gallo che non può perdere”
“Ma supponi che perda”
“Mancano ancora quarantacinque giorni prima di cominciare a pensarci” disse il colonnello.

L’illusione del colonello unisce una grande amarezza ad un’estrema dignità. Anche se è malato, anche se non ha soldi nemmeno per mangiare, non si lamenta ne chiede mai favori a nessuno, e sua moglie arriva a far bollire dei sassi, per non far capire ai vicini che non c’è niente da mettere in tavola.

Il loro pudore e il loro attaccamento alla vita sono tanto teneri quanto profondamente malinconici, tanto che il lettore non può non sentirsi chiamato in causa, non può esimersi dallo sperare insieme a loro, contro ogni probabilità, che un giorno quella pensione arrivi, che un giorno quel gallo vinca.

Che un giorno, finalmente, finisca quella straziante attesa.

Le recensioni della settimana

I libri di Gabriel García Márquez

Conosci l'autore

Scrittore colombiano Premio Nobel per la Letteratura nel 1982.Come giornalista ha soggiornato in Francia, Messico e Spagna; in Italia è stato allievo del Centro sperimentale di cinematografia. Ha esordito con un breve romanzo, dove più evidente è l’influenza di Faulkner: Foglie morte (La hojarasca, 1955), cui sono seguiti Nessuno scrive al colonnello (El coronel no tiene quién le escriba, 1961); i racconti raccolti ne I funerali della Mamá Grande (Los funerales de la Mamá Grande, 1962), nei quali, soprattutto in quello che dà il titolo al volume, è già tratteggiato il mondo mitico e paradossale del narratore; La mala ora (La mala hora, 1962), altro romanzo, dove si narra una storia spietata di lettere anonime che coinvolge un intero paese, e Cent’anni di solitudine (Cien años de soledad, 1967), considerato il suo capolavoro, centrato sull’immaginaria ed epica comunità di Macondo. Fuori del ciclo macondiano stanno il romanzo L’autunno del patriarca (El otoño del patriarca, 1975), torbida e visionaria vicenda d’un dittatore imprecisato, di segno anch’esso mitico; il racconto lungo L’incredibile e triste storia della candida Eréndira e di sua nonna snaturata (La increíble y triste historia de la candida Eréndira y de su abuela desalmada, 1972); il romanzo breve Cronaca di una morte annunciata (Crónica de una muerte anunciada, 1981), dove un fatto di cronaca, un delitto d’onore, sembra rovesciare ogni logica sotto il segno d’un destino emblematico, tanto spietato quanto capriccioso; il romanzo L’amore ai tempi del colera (El amor en los tiempos del colera, 1985) in cui si racconta la lunga storia ottocentesca di un amore che resiste a trent’anni di separazioni e traversie; Il generale nel suo labirinto (El general en su laberinto, 1989), ispirato alla vita e agli amori di Simón Bolívar; Dell’amore e di altri demoni (Del amor y otros demonios, 1994). Ha inoltre pubblicato la raccolta di articoli Taccuino di cinque anni 1980-1984 (1991) e l’indagine giornalistica Notizia di un sequestro (Notícias de un secuestro, 1996, sul rapimento di dieci persone da parte dei narcotrafficanti). Attraverso disarticolazioni cronologiche e forme fiabesche e leggendarie, spesso lievitate in pagine di gustoso umorismo, G.M. dà nelle sue opere una visione complessa e contrastata della «solitudine» dell’uomo latinoamericano e della condizione alienata e allucinata del mondo tropicale. Nel 2001 è uscita la prima parte della sua autobiografia, Vivere per raccontarla (Vivir para contarla) cui ha fatto seguito il romanzo Memoria delle mie puttane tristi (Memorias de mis putas tristes, 2004). Nel 1982 ha ottenuto il premio Nobel per la letteratura «Per i suoi romanzi e racconti, nei quali il fantastico e il realistico sono combinati in un mondo riccamente composto che riflette la vita e i conflitti di un continente».Parzialmente tratto da: Enciclopedia della Letteratura, Garzanti 2007Perché mai la gente vuol sapere “cose“ sul conto mio? Tutte le mie “cose“, le migliori e anche le peggiori, le ho scritte nei miei libri. lo mi sono divertito a scriverle, il lettore si diverta a leggerle.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente