Scelti per voi

Una stanza tutta per sé di Virginia Woolf

Una donna deve avere soldi, e una stanza tutta per sé, se vuole scrivere romanzi

A parlare delle donne -e a scriverne- sono sempre stati gli uomini. Tutti i grandi scrittori, fino all’Ottocento, sono stati uomini. Le donne che volevano scrivere, fingevano di essere uomini: le sorelle Brontë pubblicavano sotto gli pseudonimi maschili di Currier, Acton e Ellis Bell, mentre Marion Evans ancora oggi viene riportata dagli editori come George Eliot.

Nel 1928 fu chiesto a Virginia Woolf di tenere due conferenze per le studentesse di Cambridge a tema: “Le donne e il romanzo”. Nel 1929 venne pubblicato “Una stanza tutta per sé”, un saggio fondamentale per il movimento femminista, che dal tema iniziale sfocia lentamente verso una riflessione più ampia e profonda sulla condizione della donna degli anni ’20.

Una stanza tutta per sé
Una stanza tutta per sé Di Virginia Woolf;

Come poteva una donna, si chiede la scrittrice inglese, dedicarsi alla letteratura se non possedeva "denaro e una stanza tutta per sé"? Si snoda così un percorso attraverso la letteratura degli ultimi secoli che, seguendo la simbolica giornata di una scrittrice del nostro tempo, si fa lucida e asciutta riflessione sulla condizione femminile.

Woolf afferma che una donna che vuole scrivere può farlo, ma necessita di due cose: abbastanza soldi per poter sovvenzionare la sua aspirazione letteraria, e una stanza tutta per sé. La stanza non serve solo per non correre il rischio costante di essere disturbata –come Jane Austen, che lavorava nel soggiorno con tutta la famiglia-, ma soprattutto per affermare e mantenere un’individualità solida, che altrimenti rischia di perdersi in una società maschile e maschilista. A partire da questa affermazione iniziale, il pensiero di Woolf si articola seguendo un excursus storico-temporale sulla condizione della donna, sul divario tra i due sessi, sui personaggi femminili, sul privilegio e sul desiderio di emancipazione.

Per tutti questi secoli le donne hanno svolto la funzione di specchi, dotati della magica e deliziosa proprietà di riflettere la figura dell’uomo a grandezza doppia del naturale

Usando la sua voce tagliente, carica di astuzia ed eleganza, Woolf apre uno scorcio -da un punto di vista femminile- su una questione universale ma accessibile solo all’uomo, da cui la donna è sempre stata –paradossalmente- esclusa.

Chi mai potrà misurare il fervore e la violenza del cuore di un poeta quando rimane preso e intrappolato nel corpo di una donna?

Con intelligenza, ironia e tesi a supporto, i tasselli di un mondo costruito dagli uomini per gli uomini vengono smontati da Woolf uno ad uno, e lasciano il posto ad una visione di parità che deve cessare di essere, almeno per le giovani donne, solamente un’utopia.

Le recensioni della settimana

I libri di Virginia Woolf

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente