Scelti per voi

Yoga di Emmanuel Carrère

“La meditazione è trovare dentro di sé una zona segreta e irradiante, dove stare bene. La meditazione è essere al proprio posto in qualsiasi posto.” Eppure “i praticanti di arti marziali, […] di tutte queste discipline sublimi, fulgide e benefiche […] non sono necessariamente né saggi, né tranquilli.”

Lo sa bene Emmanuel Carrère, che aveva deciso di scrivere un “libricino arguto e accattivante sullo yoga” e le altre discipline orientali, con l’intento di spiegare che “sono, più che una pratica piacevole e salutare, una maniera di rapportarsi al mondo, una via di conoscenza.” Infatti, il romanzo si apre con il seminario di meditazione “Vipassana”, a cui lo scrittore prende parte. Ma ben presto l’esistenza armonica e blindata del conclave di meditanti s’infrange contro la durezza della realtà: la notizia dell’attentato terroristico a “Charlie Hebdo” interrompe bruscamente il ritiro spirituale di Carrère, che lo abbandona per tenere il discorso al funerale dell’amico Bernard Maris.

Yoga
Yoga Di Emmanuel Carrère;

La vita che Emmanuel Carrère racconta, questa volta, è proprio la sua: trascorsa, in gran parte, a combattere contro quella che gli antichi chiamavano melanconia. C’è stato un momento in cui lo scrittore credeva di aver sconfitto i suoi demoni; allora ha deciso di buttare giù un libretto «arguto e accattivante» sulle discipline che pratica da anni: lo yoga, la meditazione, il tai chi.

Poi ci sono i ricoveri in clinica per il disturbo di bipolarismo, dove meditare diventa doloroso perché i pensieri sono erratici, sconnessi, stridenti. Turbinano e feriscono”, l’esperienza d’insegnamento nell’hotspot di Lesbo, dove lo scrittore osserva la disperazione e la speranza vivere nei corpi e nelle storie dei giovani migranti, e poi il vuoto incolmabile lasciato dalla morte di Paul Laurens, suo amorevole e visionario editore, nonché compagno di sbronze per oltre trent’anni.

Di fronte a tutto questo dolore “fin che puoi continui a non morire. Continui a non morire ma non ci metti nessun entusiasmo. Non ci credi più. Sei convinto di non avere più niente da giocarti, che non succederà più niente.” Ma soprattutto ti chiedi: “la meditazione può avere la meglio sull’orrore che serpeggia sotto la superficie della mia vita?”

Insomma, Carrère si rende conto di una cosa:

Con il mio libricino arguto e accattivante sullo yoga ero un po’ nella merda

Quindi più che un libro sullo yoga, questo è un libro attraverso lo yoga, in cui lo scrittore racconta, con la sua penna fluida e geniale, la resistenza quotidiana nel convivere con i propri demoni. E con questo suo narrarsi in modo autentico, passando con disinvoltura da frasi più estatiche e spirituali a toni ironici e fraterni, riesce a parlare di tutti e a tutti, insegnando a non vergognarsi delle proprie miserie.

Scrutando nell’intimo di un “campione di essere umano”, questo libro confronta l’aspirazione alla serenità con l’abisso della disperazione, e l’oscillare tra questi due poli delle nostre esistenze, che è in fondo il moto perpetuo della vita.

In questo libro lo yoga diventa la risorsa per osservare con distacco questi due poli per come sono, senza giudicarli, per avvicinarli e tenerli insieme.

E ognuno di noi viene invitato a trovare la propria personalissima forma di yoga; nel caso di Carrère potrebbe essere, come gli ha suggerito Paul, “imparare a scrivere con tutte e dieci le dita”.

Perché lo yoga insegna anche che ognuno di noi deve lavorare con la vita che ha a disposizione: alla fine la meditazione è “cacare quando si caca, tutto qui. La meditazione è non aggiungere nulla.”

I libri di Emmanuel Carrère

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente