Anniversari e Ricorrenze

Tutti i sogni di John Fante

Illustrazione tratta da "Lettere 1932-1981" di John Fante, Einaudi 2014

Illustrazione tratta da "Lettere 1932-1981" di John Fante, Einaudi 2014

John Fante era un greaser. Certo, è stato sicuramente uno scrittore e uno sceneggiatore, ma nell’arco della sua vita ha interpretato con soddisfazione e fierezza il ruolo del greaser. Il termine “greaser” nasce come modo dispregiativo di appellare i figli di italiani emigrati negli Stati Uniti, mutuato dalla tendenza degli individui appartenenti a questi gruppi di riempirsi di gel i capelli. Ma non solo: il greaser era anche una particolare manovalanza svolta nelle officine metalmeccaniche e sulle navi, il cui scopo era quello di mantenere sempre oliati a dovere i motori, in modo che nulla si inceppasse.

Ecco, John Fante è stato questo: un ingelato esuberante e pacchiano che scriveva storie dove tutto fila senza intoppi e gli ingranaggi ruotano come dovrebbero. Era un italoamericano – quindi rinnegato sia dall’Italia sia dall’America – che ha costruito libri pieni di sogni e speranze, un’epica esagerata ma sincera. Come è stato Fante.

I figli erano i chiodi che lo tenevano crocefisso a mia madre

Il padre era un muratore abruzzese immigrato e la madre figlia di immigrati lucani. Ma nella poetica di Fante queste figure si confondono e assumono sembianze bibliche che diventano una costante in tutte le opere dello scrittore italoamericano.

Da una parte la madre si eleva a Madonna, purezza assoluta, simbolo di una genesi genuina e integra – dalla madre di Chiedi alla Polvere fino alla scrofa di A ovest di Roma – che si porta dietro i lasciti di generazioni legate alla terra e prive di ambizioni peccaminose; dall’altra parte il padre, figura ingombrante che macchia con la propria leggerezza e la propria meschinità non solo la famiglia ma anche gli ideali del sogno americano, sogno americano che trova in John Fante un testimone scettico.

Il padre è quasi sempre incastrato in un vortice di corruzione, dipendenze e adulterio che sono però causate da una disillusione e una rassegnazione spaventose. Una madre che rassicura con il ricordo di un passato sano e bucolico che si scontra con un diavolo che però suscita pena e compassione.

C’era miseria anche in Abruzzo, ma era più dolce, condivisa da tutti come pane che ci si passa di mano in mano

Nell’attesa di ritagliarsi uno spazio nel panorama editoriale americano John Fante si ritrova a lavorare come sceneggiatore in numerose produzioni cinematografiche. Si racconta che, trovatosi a collaborare con Dino de Laurentiis, intraprese un viaggio che lo avrebbe dovuto portare da Roma – luogo delle riprese – fino a Torricella Peligna – città natale del padre – ma che, arrivato a metà strada, ordinò all’autista di tornare indietro, così da non rischiare che le storie raccontategli da bambino potessero essere rovinate da un paese non all’altezza di tali immagini.

John Fante è stato legato tutta la vita a una sorta di epica originaria. La propria terra di origine non era solo l’oggetto dei racconti paterni ma un vero e proprio eden, una terra dei sogni e delle rassicurazioni che funge da paracadute per tutti i momenti bui dello scrittore ma anche di Arturo Bandini, suo alter ego. Il Fante americano, che sgomita per accaparrarsi anche lui una fetta di sogno, brama un ritorno a quella terra perduta, a quel paradiso in terra che esiste solo nei racconti e nei sogni.

Ero steso in quella notte bianca e guardavo il mio respiro che formava piume di vapore. Sognatori, eravamo una casa di sognatori

La vita di John Fante è stata una vita attraversata da sogni: il sogno americano, il sogno di vivere in Italia e il sogno di diventare uno scrittore. E come se si sentisse in debito con questi sogni, Fante costruisce un’epica del sognatore italoamericano. Il giovane Dominic Molise di Un anno terribile aspetta che torni la primavera per poter tornare a giocare a baseball; Arturo Bandini in Chiedi alla polvere vede la propria speranza di diventare uno scrittore incombere più che rassicurare; Frank Zappa in A Ovest di Roma spera solo di potersi ricostruire una vita in Italia, lontano dalla moglie e dai figli.

John Fante, che vedrà soddisfatto il proprio desiderio di conoscere la fama solo negli ultimi anni della sua vita, regala a ciascuno di questi personaggi la parabola di speranza che ciascuno desidera. La speranza di un greaser che non può tornare indietro ma a cui il futuro sembra troppo lontano. John Fante è lo scrittore dei sogni pronti a essere infranti o a realizzarsi, ma immortalati nel loro momento più fertile: quello appena prima dell’esito.

E poi rivela a ciascuno di noi sognatori, a ciascuno dei suoi personaggi il vero olio segreto che il greaser della narrazione americana usa per far girare tutte le sue storie, la formula che gli ha permesso di continuare a credere nella possibilità di diventare famoso con la scrittura anche a tarda età e che anche adesso – a quarant’anni dalla sua morte – si scopre attuale:

Vivete la vita fino in fondo, prendetela di petto, non lasciatevi sfuggire nulla

I libri di John Fante da non perdere

Chiedi alla polvere

Di John Fante | Einaudi, 2016

Full of life

Di John Fante | Einaudi, 2016

Aspetta primavera, Bandini

Di John Fante | Einaudi, 2016

Bravo, burro!

Di John FanteRudolph Borchert | Einaudi, 2016

A ovest di Roma

Di John Fante | Einaudi, 2019

1933. Un anno terribile

Di John Fante | Einaudi, 2018

La strada per Los Angeles

Di John Fante | Einaudi, 2016

Dago red

Di John Fante | Einaudi, 2019

Sogni di Bunker Hill

Di John Fante | Einaudi, 2016

Lettere 1932-1981

Di John Fante | Einaudi, 2014

Gli altri approfondimenti

La posta della redazione

La posta della redazione

Hai domande, dubbi, proposte? Vuoi uno spiegone?
Scrivi alla redazione!

Conosci l'autore

John Fante è nato in Colorado all'inizio del Novecento, figlio di un abruzzese emigrato in America nel 1901. Dopo un'infanzia turbolenta, si diploma e inizia a fare lavoretti precari, tra cui il tuttofare per uno studio professionale, lo sguattero in bar e ristoranti e l'operaio in una fabbrica di pesce in scatola. Stanco della provincialità di Boulder, si trasferisce a cercar fortuna a Los Angeles, nel 1930. Qui inizia a frequentare l'Università: non è uno studente brillantissimo, ma si avvicina alla scrittura e alla sceneggiatura (prende i primi contatti con Hollywood: sarà poi sceneggiatore anche per Dino De Laurentiis). Del 1936 è il suo primo romanzo, La strada per Los Angeles, che però sarà pubblicato postumo (nel 1985 in America, mentre in Italia uscirà nel 1996 per Marcos y Marcos e nel 2005 per Einaudi). L'anno successivo si sposa con Joyce Smart, dalla quale avrà ben quattro figli. Ciò non gli impedisce di dedicarsi alla scrittura: il vero romanzo d'esordio è Aspetta primavera, Bandini (Marcos y Marcos, 1996 ed Einaudi, 2006) uscito nel 1938 e subito foriero di grandi consensi; seguito l'anno successivo da Chiedi alla polvere (Marcos Y Marcos, 1996 ed Einaudi, 2004). Intanto collabora con i servizi d'informazione statunitensi, e nel 1952 vede la luce il suo quarto romanzo Full of life (Marcos y Marcos, 1999 ed Einaudi, 2009). Tra gli altri suoi romanzi ricordiamo Bravo, Burro! (1970, Einaudi, 2010), La confraternita dell'uva (1977, Marcos y Marcos, 1996 ed Einaudi, 2004), Sogni di Bunker Hill (1982, Marcos y Marcos, 1996 ed Einaudi, 2010). Del 1940 è invece il racconto Dago Red (Marcos y Marcos, 1997 ed Einaudi, 2006). Nel 1978 John Fante incontra per la prima volta Charles Bukowski, che addirittura lo apostroferà come «il migliore scrittore che abbia mai letto» e «il mio Dio», e insisterà per far ripubblicare Chiedi alla polvere, scrivendo per l'occasione un'ispirata prefazione. Malato di diabete dal 1977, Fante diventerà cieco e dovrà necessariamente sottoporsi all'amputazione di entrambe le gambe: il suo ultimo romanzo Sogni di Bunker Hill lo detterà alla moglie, e morirà nel 1983, lasciando numerosi inediti. Infatti alcuni suoi racconti come Il Dio di mio padre, Una moglie per Dino Rossi, A ovest di Roma e La grande fame saranno pubblicati nel 1985 in America, e successivamente in Italia, da Marcos y Marcos ed Einaudi. Del 1999 sono invece le Lettere, 1932-1981, (Fazi, poi Einaudi nel 2014), una selezione della corrispondenza di Fante alla madre, alla moglie, agli amici scrittori e agli editori. L'opera letteraria di Fante ha ispirato il mondo cinematografico: da citare almeno i due film Aspetta primavera, Bandini (1989, per la regia di francis Ford Coppola) e Chiedi alla polvere (2006, prodotto da Tom Cruise). Il primo editore di riferimento in Italia è stato Mondadori (del 1948 il romanzo Aspettiamo primavera, Bandini). Chiedi alla polvere è stato pubblicato per la prima volta da Mondadori nel 1941 con il titolo Il cammino nella polvere, nella traduzione di Elio Vittorini per la "Medusa". A "riscoprirlo" per il pubblico italiano sono poi SugarCo (1980), Sellerio (dal 1988), Leonardo (dal 1989) e Marcos y Marcos (dal 1994).  Da segnalare che nel 2003, a vent'anni dalla morte dello scrittore, per la collana "I Meridiani" della Mondadori è stato pubblicato Romanzi e racconti, un volume che raccoglie quattro romanzi e una serie di racconti, curato da Francesco Durante, uno dei maggiori conoscitori italiani di Fante.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente