Arrivi e partenze

Lombardia: elezioni nella "Regione straniera"

Incontra Michele Sasso

Milano 31 gennaio ore 18.30

Alla Feltrinelli di Milano piazza Duomo, Michele Sasso presenta Assalto alla Lombardia (Laterza). Interviene Pierfrancesco Majorino

La Lombardia? È la Regione straniera.
Straniera al diritto a una sanità pubblica adeguata, straniera a una mobilità sostenibile ed efficiente, straniera alla tutela ambientale.

Assalto alla Lombardia. Sanità, trasporti, ambiente: tutti i disastri di una classe politica

Dal 1995 a oggi il ciellino Formigoni prima e i leghisti Maroni e Fontana poi hanno governato in Lombardia attuando misure scellerate in tema di sanità, mobilità e cura del territorio. Scelte inadeguate di fronte all'impatto delle crisi globali, delle sfide del cambiamento ambientale e della pandemia da Covid-19, in seguito a cui il velo è stato sollevato.

In breve, una Regione straniera a sé stessa: ecco la Lombardia del 2023, mentre si appresta ad eleggere i propri amministratori e governatori in una tornata elettorale che si preannuncia come la più combattuta degli ultimi anni, all’ombra del Pirellone… anzi, non possiamo nemmeno più consolarci guardando la mole modernissima ed elegante del grattacielo disegnato da Giò Ponti, per decenni sineddoche dell’intero quadro dirigente lombardo, perché la nuova sede della Regione, fortemente voluta da Roberto Formigoni e costata più di seicento milioni di euro (!) è “Palazzo Lombardia”, un moloch che ha preso il posto di uno dei pochi spazi verdi pubblici di cui quella parte della città potesse beneficiare.  
Chi era solito frequentare il “bosco di Via Melchiorre Gioia” sa dello scempio ambientale che è stato commesso per costruire una nuova sede della Regione incongruamente grande, inutilmente costosa e – last but not least – storicamente meno connotata del grattacielo Pirelli. Che disastro, ragazzi!
Se non altro, però, “Palazzo Lombardia” esemplifica plasticamente il tronfio cesarismo e le inefficienze di un modello che continua a proporsi come vincente, ma del quale l’inchiesta che vi presentiamo denuncia tutte le contraddizioni.
Come nasce “Assalto alla Lombardia”? Beh, l’abbiamo chiesto all’autore, il giornalista della Stampa Michele Sasso, il quale ci ha raccontato le circostanze in cui, da cittadino residente in Lombardia, ha toccato con mano quanto la narrazione trionfalistica che da anni viene ammannita dai media su tutto quel che riguarda la Regione più ricca d'Italia sia percorsa da innumerevoli crepe. 

Mi sono ammalato di long Covid, e sono andato in una delle tante strutture pubbliche per fare un tampone. Il medico che avrebbe dovuto darmi la certificazione di avvenuta guarigione ha alzato le braccia sconsolato e mi ha detto "noi ne abbiamo appena quindici, voi siete cinquanta e non possiamo inserire i vostri dati nel sistema ARIA". Questo nome, ARIA, mi diceva qualcosa, e ho cominciato a indagare

Michele Sasso

Assalto alla Lombardia è un libro ben documentato, ricchissimo di informazioni, spunti e aneddoti che aiutano a ricostruire quel che è accaduto negli ultimi venticinque anni in Lombardia.
A partire dalla gestione del governatore Roberto Formigoni, si è andato consolidando un sistema che vedeva il privato infilarsi surrettiziamente negli spazi cui era destinato denaro pubblico: la tempesta perfetta è stata ovviamente quella che ha investito il sistema sanitario, di cui la pandemia ha impietosamente messo a nudo tutti i limiti.
Ma nel libro di Sasso, non è solo la sanità ad essere messa sotto osservazione. Si parla anche di trasporti, di ambiente e di tutto ciò che un'istituzione come la Regione avrebbe il dovere di considerare patrimonio inalienabile dei cittadini, mentre troppo spesso è accaduto che diventasse oggetto di interessi privati.
Alle elezioni manca oggi meno di un mese. È tempo per tutti di informarsi, prima di andare a votare, così da non poter dire, dopo, "Non potevo sapere".


Non perdetevi la recensione del libro!

Le nostre interviste

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente