Arrivi e partenze

Aldo Serena, fra notti magiche e colpi di testa

La sigla delle interviste "Il profumo delle pagine" è cantata da Laura Salvi - compositore Marco Zoppi

La sigla delle interviste "Il profumo delle pagine" è cantata da Laura Salvi - compositore Marco Zoppi

Credo di avere una patina semplice, ma mi rendo conto di essere una persona complessa e sfaccettata

Aldo Serena

Aldo Serena è un uomo di contraddizioni.
C'è innanzitutto quel cognome, che sembra evocare comportamenti sempre improntati a grande tranquillità. E il sorriso, gentile, aperto e cordiale, ma...
E quale grande racconto non comincia con un "ma..", che ci faccia comprendere sin da subito come "le cose non sono sempre quelle che sembrano"?
Ecco, Serena è un cielo terso attraversato da occasionali nubi, che non fanno che rendere più bello e vero il racconto della sua straordinaria carriera calcistica. 
Così, quando questo formidabile attaccante - famoso soprattutto per il gioco aereo e abile finalizzatore - rievoca nell'apertura del suo libro (scritto a quattro mani con Franco Vanni) l'attacco di panico di cui fu vittima durante la semifinale di Italia 90, al momento di calciare contro l'Argentina un rigore che sarebbe stato decisivo, non si può non provare un po' di affetto e ripensare a quella canzone di Francesco De Gregori, magari parafrasandone il refrain.

I miei colpi di testa. Le scelte, i derby e gli scudetti di un centravanti con la valigia

In questa biografia, genuina, schietta e venata di malinconica tenerezza, Aldo Serena si racconta per la prima volta.

"Ma Aldo non aver paura di tirare un calcio di rigore ...".
Perché ormai lo sappiamo tutti: non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore.
Quanto al coraggio, all'altruismo e alla fantasia, Serena non prende insegnamenti da nessuno.
Se ne accorse anche un grande giornalista sportivo, nel tracciarne il ritratto che potete ascoltare in apertura della nostra intervista.
Ma in questa conversazione a cuore aperto con Serena, impareremo anche ad apprezzare le sue doti di conversatore, che l'hanno reso celebre nella seconda parte della sua parabola sportiva. Serena è stato infatti a lungo un apprezzatissimo commentatore sportivo, noto per la competenza e per il tono informato e mai sopra le righe con il quale commentava le partite.
Ascoltate ad esempio la sua riflessione a proposito del modo in cui il calcio è cambiato, a partire dalla pressione che i genitori scaricano sui giovanissimi figli che vanno a giocare sui campi, magari dotati di un qualche talento ma animati soprattutto dalla voglia di stare insieme e divertirsi: ecco, quello è un momento in cui il bel sorriso disteso di Serena lascia trasparire quell'inquietudine che rende il suo racconto tanto più affascinante e vero. 

Insomma, un uomo da scoprire, Aldo Serena. Venite a fare la sua conoscenza nella nostra intervista, e se poi vi va di fare un colpo di testa, qui trovate il suo libro, con tutta la storia di quelle notti magiche e di una carriera unica. 

Le nostre interviste

La canzone di Maremosso è interpretata da Laura Salvi
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente