La redazione segnala

Un futuro oltre l’acciaio: il lavoro possibile di Taranto

L’altro problema, finora, è stata la mancanza di un’alternativa valida all’acciaio: per decenni i tarantini hanno scelto il rischio, la probabilità di ammalarsi per evitare la certezza matematica della fame

«Sono i progetti che cambiano il volto di una città», dice Nicola Sammarco, fumettista della Disney che oggi sta girando una serie animata a Taranto, la città dell’acciaio, la città dei due mari. Lunedì 28 novembre si è tenuto l’ultimo incontro della rassegna Giovani senza mercato, mercato senza giovani, la ricerca di Fondazione Feltrinelli e Adecco sul lavoro giovanile in Italia. Le due inchieste precedenti, Quote rosa, lavoro nero e Di ruolo precario, si erano concentrate sulle città di Napoli e Roma, mentre l’ultima riguarda la città di Taranto: Un futuro oltre l’acciaio. E un futuro diverso, a quanto pare, esiste. Pur tra i più insormontabili problemi e una politica incapace di gestirli, sembra che chi abita tra le vie tarantine abbia trovato un proprio modo per far fronte – da solo – all’emergenza del lavoro.

Gli uomini e le donne di Taranto dismettono le tute blu dell’Ilva, smettono di vedere l’acciaieria come l’unica possibilità di non patire la fame. «Con la buona volontà di tutti, amministrazioni e politica, si potrà cominciare a vivere di tanto altro che non è fabbrica e sudore», e se fino a pochi anni fa le uniche opzioni erano la carriera sul mare o i call center, oggi le cose sembrano cambiare. Gradualmente, ma in modo costante. Certo è difficile oltrepassare un passato che è diventato più un modo di vivere e di pensare la città. Ne è testimonianza la paura di chi lavora in fabbrica e, nonostante i rischi per la salute e le condizioni inumane, non vuole vederla chiudere. Perché la miseria è una certezza, la malattia sembra ancora una sfortuna.

Ne è testimonianza anche chi perde il lavoro a quarant’anni e non riesce a trovarne un altro, e si arrangia come può, tra call center con stipendi da fame e lavori occasionali. La soluzione più semplice sarebbe andarsene. Quella più difficile e bella, invece, è restare e rimboccarsi le maniche.

Per la città la fabbrica sta andando a chiudersi. I giovani non vogliono più fare i metalmeccanici o i siderurgici. Io ho scoperto tanti giovani fonici, macchinisti, runner che puntano sull’arte. Prima chi amava l’arte non aveva la possibilità di esprimersi qui: ora possono farlo nel cinema, nella musica, nella fotografia

Un’arte difficile, che deve redimere, e che è ancora tutta da costruire. Dal cinema al teatro, dalla letteratura alla musica: tutto da fare, perché mancano i mezzi ma, soprattutto, manca una cultura. Si guarda sempre con diffidenza al nuovo, e questo è un modo nuovo di intendere il lavoro, per Taranto. Perché chi è rimasto non vuole che le cose restino come sono, pericolose, ma non vuole neppure assumersi il rischio di cambiarle. Chi è rimasto sa che la sua salute, intorno alle ciminiere della fabbrica, è appesa a un filo, sempre, e tra quel fumo è difficile vedere altra soluzione che non sia andare via.

Gli stessi che oggi sono terrorizzati dall’ipotesi che la fabbrica chiuda: per loro, a differenza dei giovani, non c’è entusiasmo né salti audaci o slanci del cuore

Non c’è entusiasmo perché i numeri fanno davvero spavento: il 35% degli abitanti nella provincia di Taranto è disoccupato, il che equivale a circa 98mila persone. Un numero enorme che farebbe desistere chiunque dal rinunciare al proprio salario fisso. E allora sono proprio i giovani – devono essere loro – a trainare verso una città nuova, che ospiti tra le sue strade arte e cinema. Una Taranto rinata dall’acciaio, centro finalmente vivo e aperto al nuovo, al rischio e alla bellezza.

Ti potrebbero interessare

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente