Passato di letture

Storie da un tempo senza storia

Illustrazione digitale di Yousf Bouchkara, 2021, studente del Triennio in Graphic Design e Art Direction, NABA, Nuova Accademia di Belle Arti

Illustrazione digitale di Yousf Bouchkara, 2021, studente del Triennio in Graphic Design e Art Direction, NABA, Nuova Accademia di Belle Arti

Vi avverto: stavolta pascoliamo fuori dal campo della saggistica, e anche dalle praterie del non fiction narrativo, perché Storia aperta è un romanzo vero e proprio, seppure atipico, intessuto com’è di lacerti di storia e frammenti documentali. Scelgo di parlarne qui perché l’autore, come e più che nel precedente Mio padre la rivoluzione, usa la scrittura narrativa per trascinarci nel fiume lutulento delle memorie, per interrogarsi, e interrogarci sul rapporto che possiamo avere con la grande parabola della sinistra comunista, col Novecento e, più in generale, con la storia - nel nostro “tempo senza storia”.  

Storia aperta
Storia aperta Di Davide Orecchio;

L'educazione fascista, l'amore con Michela, l'Etiopia, il fronte greco-albanese; la consapevolezza, l'adesione al comunismo, la Resistenza; la militanza politica che assorbe ogni altra vocazione, anche quella di padre, di scrittore; il terrorismo, poi il destino del partito, le verità, la perdita di identità; la vecchiaia come un «brodo sugli occhi» attraverso cui cercare di credere ancora.

Pietro Migliorisi, il protagonista, è un alter ego costruito come un mosaico: nella sua vita immaginaria confluiscono pezzi di esistenza e scrittura di tanti veri militanti del Pci, da Franco Calamandrei a Ruggero Zangrandi, ma soprattutto rivive, reinventato, Alfredo Orecchio, il padre dell’autore, che attinge a piene mani dai suoi scritti, editi e soprattutto inediti (manoscritti, raccolti di poesie, diari), per rimetterlo al mondo impastando le sue parole alle proprie, in scrittura sovrabbondante, barocca, a tratti ipnotica nel martellare delle ripetizioni (con qualche eccesso sperimentale negli inserti dedicati alle vite “anelastiche” di alcuni comprimari).
È la scrittura che serve per raccontare il labirinto di Migliorisi, il “bambino diacronico”, un uomo incerto, irresoluto, sballottato tra rabbia e paralisi, la sua frammentazione interiore e le fratture della sua vita. Fascista aggressivo ma di scarsa convinzione, nel fuoco della guerra arriva a tramare contro Ciano e dopo la prigione e la Resistenza diventa “rosso”. In cerca di un padre più accogliente di quello che l’aveva spedito a combattere nel Corno d’Africa si affida a Togliatti e Stalin (buona fortuna!), ma il partito diffida di lui e della sua vocazione di scrittore, lo sottopone a prove e umiliazioni, mentre la moglie lo abbandona (perché lui ha scelto il partito, dice, ma il vero motivo - colpo di scena – è svelato solo alla fine).
Nella redazione del “giornale nuovo” sembra riscattarsi, tra le cronache sul caso Montesi e le inchieste sui golpe, ma le tempeste della storia, dal ’56 Ungherese al terrorismo e al crollo finale, non gli danno requie. In
Storia aperta il corpo a corpo con un padre assente si mescola al complesso dell’abitante di un presente fatto di pixel, capace solo di raccattare e catalogare il passato, verso tutti i “bambini diacronici” che nella storia si gettavano a corpo morto, la facevano e ne erano distrutti, fino alla domanda sgomenta dell’ultima riga, riproposta in copertina: “Ma adesso la verità chi la racconta?”. 

Abbinamento per buongustai: ottimo con il pamphlet di Adriano Prosperi, Tempo senza storia. Per chi desidera sapori più ricercati, le riflessioni di Yerushalmi sulla necessità di una storia che sia “memorabile” – per il suo legame profondo con la vita – in Zakhor. Storia ebraica e memoria ebraica (Giuntina).

Gli altri passati di letture

Libri per approfondire

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente