La redazione segnala

Aldous Huxley: la lungimirante penna del distopico

Illustrazione digitale di Cecilia Viganò, 2023

Illustrazione digitale di Cecilia Viganò, 2023

Un autore poliedrico, un convinto pacifista e un appassionato di misticismo. Il 22 novembre 1963 moriva Aldous Huxley, nello stesso giorno del presidente Kennedy e dello scrittore Clive Staples Lewis.

Huxley nacque nel 1894 a Godalming, in Inghilterra, in una famiglia che annoverava tra i suoi membri biologi, scrittori e giornalisti. Studiò ad Oxford, laureandosi in letteratura inglese al Balliol College.

Insegnò ad Eton, dove fu suo allievo George Orwell.

Huxley viaggiò molto nel corso della sua vita, visitando anche l’Italia, dove visse tra il 1923 e il 1930. In gioventù contrasse la cheratite, malattia della cornea che gli impedì di arruolarsi per la Prima Guerra Mondiale, e per la quale solo nel 1937 riuscì a trovare una terapia adeguata.

Trasferitosi in California, negli anni ’50 iniziò a sperimentare gli effetti della mescalina e di altri psichedelici, che ispirarono alcuni dei suoi saggi. Morì per un cancro alla lingua.

Huxley scrisse il suo primo romanzo a solo diciassette anni. La sua vastissima produzione dimostra la versatilità dello scrittore, che fu autore di romanzi, racconti e saggi. Il suo talento gli valse ben nove candidature al Premio Nobel tra il 1938 e il 1963.

Huxley fu anche sceneggiatore per il cinema. Nel 1945 Walt Disney gli affidò persino l’incarico di scrivere una sceneggiatura – poi rimasta inutilizzata - per il film d’animazione Alice nel Paese delle Meraviglie.

Il mondo nuovo-Ritorno al mondo nuovo

Un libro visionario, dall'inesausta forza profetica, sul destino dell'umanità. E sulla forza di cambiarlo. Al romanzo, qui per la prima volta accompagnato dalla fondamentale Prefazione che lo stesso autore scrisse nel 1946, segue la raccolta di saggi Ritorno al mondo nuovo (1958) nella quale Huxley tornò a esaminare le proprie intuizioni alla luce degli avvenimenti dei decenni centrali del Novecento.

Il romanzo più celebre di Huxley è Il mondo nuovo (in originale Brave New World), una distopia pubblicata nel 1932. Il libro immagina un futuro in cui la riproduzione della specie umana avviene artificialmente e la popolazione è suddivisa in rigide gerarchie. Huxley offre il ritratto di una società crudele, dominata dalla disumanità, e in cui il controllo che lo Stato esercita sui cittadini è assoluto. Fin dall’infanzia, gli abitanti del mondo nuovo sono educati secondo i dettami del governo e assumono un farmaco che garantisce la loro felicità.

Nella Prefazione al libro, Huxley scrive:

I maggiori trionfi della propaganda sono stati compiuti non facendo qualcosa, ma astenendosi dal farlo. Importante è la verità, ma ancor più importante, da un punto di vista pratico, è il silenzio sulla verità

Alle tematiche di Brave New World Huxley tornerà nel 1958 con Ritorno al mondo nuovo, un saggio che esamina argomenti come la sovrappopolazione e la propaganda.

Noi, vivi nel secondo quarto del ventesimo secolo d.C. abitavamo, certo, in un mondo piuttosto raccapricciante; ma l'incubo di quegli anni di depressione era radicalmente diverso dall'incubo del futuro descritto nel Mondo nuovo. Il nostro era l'incubo del disordine; il loro, l'incubo dell'ordine eccessivo. Nella transizione dall'uno all'altro estremo doveva esserci - immaginavo io – un lungo intervallo (…). Ventisette anni più tardi (…), io son molto meno ottimista di quel che non fossi quando scrivevo Il mondo nuovo.

La spietata lucidità nell’analisi dell’esperienza umana e la lungimiranza che dimostra in Brave New World rendono Huxley un autore d’avanguardia, le cui provocazioni sono ancora attuali, a sessant’anni dalla sua morte.

I libri di Aldous Huxley

Il mondo nuovo-Ritorno al mondo nuovo

Di Aldous Huxley | Mondadori, 2021

Le porte della percezione-Paradiso e inferno

Di Aldous Huxley | Mondadori, 2016

L'isola

Di Aldous Huxley | Mondadori, 2017

La filosofia perenne

Di Aldous Huxley | Adelphi, 1995

L' arte di vedere

Di Aldous Huxley | Adelphi, 1989

Punto contro punto

Di Aldous Huxley | Adelphi, 2011

Limbo

Di Aldous Huxley | Piano B, 2013

Foglie secche

Di Aldous Huxley | Ortica Editrice, 2022

Gli altri approfondimenti

La posta della redazione

La posta della redazione

Hai domande, dubbi, proposte? Vuoi uno spiegone?
Scrivi alla redazione!

Conosci l'autore

Aldous Huxley nacque in una famiglia di grandi tradizioni culturali: il nonno era il biologo T. H. Huxley e suo zio lo scrittore M. Arnold. Studiò a Eton e a Oxford e in una serie di romanzi brillanti ("Giallo cromo", 1921; "Passo di danza", 1923) espresse la crisi dei valori seguita al primo conflitto mondiale. Nel suo romanzo più noto, "Il mondo nuovo" (1932) svolge l'allarmata profezia di una società interamente dominata dagli apparati tecnologici.Tra le opere successive: "La catena del passato" (1936), "Dopo molte estati" (1939), "Filosofia perenne" (1945), "Le porte della percezione" (1954), "Paradiso e inferno" (1956) e "Ritorno dal mondo nuovo" (1956).Da: "Enciclopedia della Letteratura", Garzanti, 2003

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente