Arrivi e partenze

I conti col passato. David Bidussa e l'eredità di Mussolini

Scritti e discorsi. 1904-1945
Scritti e discorsi. 1904-1945 Di Benito Mussolini;

Rileggere Benito Mussolini significa indagare come si sia costruita l'Italia di oggi, per comprendere le origini denostro paese e fare i conti col passato, che non è chiuso, non è sterile e, soprattutto, non è definitivamente alle nostre spalle.

Nel centenario della marcia su Roma, è giusto tornare sul fascismo delle origini, quello che ha informato l'epica mussoliniana e ne ha definito il linguaggio. 
Leggendo il libro curato da David Bidussa, Benito Mussolini. Scritti e discorsi. 1904-1945, ripercorriamo attraverso un lavoro di grande rigore filologico le evoluzioni linguistiche di quello che fu un modello di comunicazione politica e sociale straordinariamente efficace. Ma Bidussa, da storico attento qual è, sa che un lavoro del genere acquista spessore documentaristico soprattutto se il compilatore di un antologia di scritti riesce a non sovrapporvi la propria voce, operando in primo luogo sulla giustapposizione dei materiali cui ha accesso e disponendoli in un disegno che faccia percepire chiaramente l'evolvere, il mutare delle forme di comunicazione analizzate. 

La parola mussoliniana è stata soprattutto una "parola di voce", un tono, verrebbe da dire: la consumata perizia da attore con la quale il duce interpreta sé stesso davanti alle folle radunate sotto i balconi o in favore dell'obbiettivo che riprende la trebbiatura del grano, sono il risultato di una comprensione profonda - per quanto in parte "animale" - dei meccanismi sui quali opera e attraverso i quali funziona la comunicazione di sé, in ambito politico. 

Benito Mussolini non nasce "già fatto" così, ma sta dentro un secolo col quale si confronta e dal quale apprende

David Bidussa

"Mussolini inizia a dialogare con la folla che ha davanti: gli chiede delle cose e da quella folla vuole risposte. Vuole che gli diano ragione, che gli chiedano di più, che si identifichino con lui. Ebbene, quella è una tecnica che noi associamo al Mussolini dittatore compiuto", sostiene Bidussa. Per poi evidenziare l'errore: "No! è il presupposto per diventarlo".
Ecco, da un passaggio come questo si capisce l'importanza del lavoro compiuto da Bidussa, un lavoro di analisi e decostruzione che solo può portare a disinnescare certi meccanismi di comunicazione che sono premessa all'instaurazione, la coltivazione e il mantenimento di un potere autocratico com'è quello che Mussolini ha esercitato per oltre vent'anni.

Ecco: il libro curato da Bidussa è un libro al quale attingere per individuare temi e toni che corrono in filigrana nella retorica populista che informa tanta parte del discorso politico attuale.
E così facendo, scoprire che in quella retorica non c'è alcuna novità: è una canzone già sentita e sono chiarissime le ragioni per cui non ci è piaciuta.
Non c'è alcuna ragione per farla suonare di nuovo. 

Le nostre interviste

La canzone di Maremosso è interpretata da Laura Salvi

Conosci l'autore

 

David Bidussa (Livorno, 1955), storico sociale delle idee, è stato direttore della Biblioteca della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e ne è oggi collaboratore editoriale. Collabora a “Il domenicale – il Sole 24 ore”. Ha pubblicato: La France de Vichy (Feltrinelli, 1997); I have a dream (BUR, 2006); Siamo italiani (Chiarelettere, 2007) Dopo l’ultimo testimone (Einaudi, 2009); Leo Valiani tra politica e storia (Feltrinelli, 2009), I Purissimi. I nuovi vecchi italiani di Beppe Grillo (Feltrinelli Zoom, 2014), La misura del potere. Pio XII e i totalitarismi tra il 1932 e il 1948 (Solferino, 2020). Per Feltrinelli ha curato Il volontariato (con Gloria Pescarolo, Costanzo Ranci e Massimo Campedelli; 1994), per i “Classici” ha curato Fratelli d’Italia (2010) di Goffredo Mameli e ha scritto la postfazione a Il giro del mondo in ottanta giorni di Jules Verne (2014). Ha collaborato al volume Sinistra senza sinistra (Feltrinelli, 2008) con la voce ?Uso pubblico della storia”. Insieme a Giuseppe Vacca ha curato il quarantottesimo volume degli Annali della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Il fascismo in tempo reale. Studi e ricerche di Angelo Tasca sulla genesi e l’evoluzione del regime fascista. 1926-1938 (2014).

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente