La redazione segnala

Salone di Torino: ecco il programma 

Illustrazione di Emiliano Ponzi, illustratore e autore italiano. Lavora per l’editoria, la pubblicità e la moda

Illustrazione di Emiliano Ponzi, illustratore e autore italiano. Lavora per l’editoria, la pubblicità e la moda

Presentato il programma della XXXIV edizione del Salone del Libro al Serming – Arsenale della pace di Torino. A illustrarlo Silvio Viale, Presidente dell’Associazione Torino, la Città del Libro, Giulio Biino, Presidente della Fondazione Circolo dei lettori e Nicola Lagioia, Direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Sarà un Salone popolato dai grandi. Joe Lansdale, Camilla Läckerberg, Toshikazu Kawaguchi, il premio Pulitzer Jennifer Egan. Ma ad essere grandi non solo scrittori, anche fumettisti come Altan, Manara, Zerocalcare.

Com’è già noto, il tema sarà "Cuori selvaggi", confermato anche nell’ottica di interpretare un presente in cui è l’emergenza, purtroppo, ancora a fare da padrona. Il Covid, la guerra e il cambiamento climatico: sono queste le minacce che l’umanità sta combattendo. I tre cigni, come li chiama Nicola Lagioia, sono anche i nuclei forti del Salone che inizierà il 19 maggio.

Tre filoni quindi che andranno a intessere un programma di 1.500 appuntamenti. Per rispondere alla domanda “Che fare?” di fronte al mondo che viviamo, dice il Direttore, servono i libri, sono loro la soluzione. È così che il Salone si presenta come laboratorio di idee e di confronto tra menti brillanti. Oltre alle personalità prima citate saranno presenti il premio Nobel per l’Economia Joseph Stiglitz, il dissidente russo Mikhail Shishkin, Annie Ernaux.

Menti brillanti, quindi, le protagoniste del Salone, necessarie a spiegare il titolo della XXXIV edizione: “Pensieri audaci per provare a immaginare un mondo migliore”. L’incertezza sul futuro non sa dirci in che condizione saremo a maggio, durante il Salone, ma sicuramente il mondo sarà molto diverso. Dentro al Lingotto, per questo motivo, è stata allestita la Casa della pace, spazio fisico dove far convergere iniziative umanitarie, testimonianze di reporter di guerra e l’interesse per la letteratura ucraina.

Illustrazione di Emiliano Ponzi, illustratore e autore italiano. Lavora per l’editoria, la pubblicità e la moda

Salone del LIbro

il più grande di sempre

La fiera del libro torna in primavera con un nuovo tema "Cuori selvaggi". I cuori selvaggi sono quelli di chi, quando il mare è in tempesta, riesce a trovare la rotta e a spingersi verso un futuro migliore. Scopriamo insieme il tema della XXXIV edizione del Salone del Libro!

L’inaugurazione del 19 maggio affidata allo scrittore indiano Amitav Ghosh, sarà anticipata la sera prima dai versi di Mariangela Gualtieri, la musica di Paolo Fresu e il piano di Uri Caine all’auditorium Rai. La prima giornata inizierà con una lectio su ambiente e sostenibilità: il cambiamento climatico, infatti, determinerà nella sua gestione anche pace o guerra tra popoli e persino la pandemia. I tre cigni neri ancora una volta presenti, protagonisti e legati tra loro.

L’edizione di quest’anno ha stretto una collaborazione con i Fridays For Future, per evidenziare l’importanza della crisi climatica che stiamo vivendo. Parlare di ambiente, dargli attenzione. È questo lo scopo del “Bosco degli scrittori”, un vero giardino con mille alberi e arbusti realizzato dagli organizzatori.

Un’attenzione particolare sarà rivolta anche ai ragazzi, le cui attività saranno presentate da Maria Falcone, sorella del magistrato Giovanni Falcone. E proprio nelle date del Salone ricorreranno i trent’anni dalla strage di Capaci. Il 23 maggio, giorno di chiusura, sarà presente Marcelle Padovani, scrittrice di Cose di Cosa nostra.

Tra i cigni neri anche il Covid 19 e tra gli eventi del programma numerosi incontri dedicati alla scienza. Da Telmo Pievani a Roberto Burioni, si spiegherà come si è arrivati al vaccino anti-Covid. Sarà presente anche il generale Figliuolo con il suo Un italiano

Da sempre incrocio di arti e saperi, il Salone ospiterà anche il danzatore Roberto Bolle, Marcell Jacobs, Jovanotti, Dacia Maraini che ricorda Pier Paolo Pasolini e un dj set tributo al musicista Marco Mathieu. Ampio spazio sarà dedicato anche al cinema, con un ospite d’eccezione: il regista Werner Herzog.

Già preannunciato come un Salone di impegno, rinascita e grandi temi, la XXXIV edizione non ha deluso le aspettative sul suo programma. Il tempo stringe e dopo aver letto i diversi incontri non vediamo l’ora di andare a Torino!

Le altre news

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente