MaliDizioni

La musica delle città. A spasso per Parigi con Malika

La prima volta che sono stata a Parigi ho mentito.

Ho detto di esserci stata da piccola e di aver dimenticato, ma la verità è che durante la mia infanzia ho visto Nizza, Cannes, Montpellier, Antibes, Perpignan, Sète e Marsiglia. Ricordo quei luoghi come può farlo una bambina ma... no, non sono mai stata a Parigi, da piccola.

Una solitudine troppo rumorosa
Una solitudine troppo rumorosa Di Bohumil Hrabal;

A Praga, nelle viscere di un vecchio palazzo, un uomo, Hanta, lavora da anni a una pressa meccanica trasformando libri destinati al macero in parallelepipedi sigillati e armoniosi, morti e vivi a un tempo, perché in ciascuno di essi pulsa un libro che egli vi ha imprigionato, aperto su una frase, un pensiero: sono frammenti di Erasmo e Laozi, di Hölderlin e Kant, del Talmud, di Nietzsche, di Goethe. Professionista per necessità della distruzione dei libri, Hanta li ricrea incessantemente sotto forma di messaggi simbolici, rinnovando a ogni istante il prodigio del pensiero creativo che sgorga spontaneo al di là e nonostante i modelli canonici della società e della cultura.

Sfere. Vol. 1: Bolle. Microsferologia.

La trilogia "Sfere", opera maggiore di Peter Sloterdijk, propone una storia filosofica delle culture umane attraverso una figura, la sfera, che rappresenta il cuore del progetto di razionalizzazione dell'immagine del mondo e dell'uomo nella filosofia classica. Le sfere al centro del progetto indicano più di semplici figure geometriche. La capacità di creare forme sferiche implica sin dalle origini della civiltà umana la possibilità di accedere a costruzioni di senso capaci di orientare l'intera esperienza dell'uomo, nella dimensione dell'intimità e in quella definita dagli orizzonti della civilizzazione

Uno splendido isolamento
Uno splendido isolamento Di Edna O'Brien;

Una terra ferita e bellissima. Una donna che mette in discussione il suo passato e il suo presente. Un uomo che combatte per un sogno di giustizia e libertà.

Malika: "Sindi, questo fa di me un impostore indipendentemente da te, corretto?"

Sindi: "Non lo so. Cosa ti ha detto Serge quella volta?"

Malika: "Come sai che ho parlato con Serge?"

Sindi: "La prima volta a Parigi, è impossibile tu non abbia parlato con Serge."

Malika: "In effetti, quel giorno - penso fosse martedì - Serge mi ha detto che un suo album in vinile costa circa 500 euro."

Sindi: "E tu cosa hai imparato da quell’esperienza?"

Malika: "Che la musica migliore di Serge la ascoltiamo in pochi ma il suo mito ne giustifica il costo, sia per gli appassionati che per le memorie limitate."

Sindi: "... e Parigi? cosa hai imparato, su Parigi?"

Malika: "Che posso svuotare una carta di credito in due ore per senso di colpa, scherzo o miracolo tra dischi, vestiti e un paio di scarpe verdi che non ho idea di dove siano finite."

Sindi: "Oggi come va?"

Malika: "Oggi non mi ricordo quante volte sono stata a Parigi da allora ma mi ci sento a casa."

 

Appetite for Destruction (Deluxe Edition)

DELUXE EDITION 2CD 30° Anniversario di un capolavoro imprescindibile. Edizioni multiformato rimasterizzate e ampliate. Confezioni esclusive stampate in tiratura limitata ricche di brani indimenticabili, tracce inedite e memorabilia. Per i fan dei Guns 'n' Roses è la realizzazione di un sogno!

Ok Computer Oknotok 1997-2017

Ecco la ristampa rimasterizzata ed in versione Deluxe di OK Computer, intitolata OKNOTOK, per celebrare il 20esimo anniversario della sua pubblicazione che avvenne nel maggio 1997. Oltre ai 12 brani rimasterizzati dell'album originale, il disco contiene tre tracce inedite (I Promise, Man Of War e Lift) e otto B-sides.

Flying Away
Flying Away Di Smoke City

Flying Away è l'album di debutto del gruppo musicale trip hop britannico Smoke City, pubblicato il 23 giugno 1997 dall'etichetta discografica Jive. Dall'album è stato estratto il singolo Underwater Love, di successo in tutta Europa.

Nel mio girare confuso tra Belleville, Republic, Ourcq, St. Germain, ho visto che uomini, donne, ragazzi e bambini girano con le cuffie in testa. Gente a piedi, gente in metro, gente in bici, in taxi: tutti dentro la propria bolla invisibile.

Nelle auto non saprei, non ho notato la gente alla guida.
Perché il traffico a Parigi ha una forma che mi ricorda quei giochi per bambini in cui le palline scendono lungo una sorta di labirinto verticale per poi finire sempre con l’ingolfarsi nella stessa fessura.

La mia auto non è una bolla, piuttosto un’isola: può sbarcare solo chi voglio io e deve rispettare delle regole precise (come, ad esempio, non pensare nemmeno di poter scegliere la musica che ascolteremo durante il viaggio).

La mia stanza d’hotel invece sì, è una bolla. E nella mia bolla sto con le cuffie in testa spostandomi di bolla in bolla, viaggiando su una bolla.

Come nascosta nel fondo di una caverna, però al caldo, sotto le coperte o rimbalzando tra letto, finestra e bagno.
Mi sento nel tuorlo di un uovo à la coque appena prima di essere tolto dall’acqua bollente.

Dilili a Parigi (DVD)
Dilili a Parigi (DVD) Di Michel Ocelot

Con l’aiuto del suo amico, il ragazzo delle consegne, Dilili una ragazzina di etnia Canachi investiga sulla serie di misteriosi rapimenti di giovani fanciulle che affligge la Parigi della Belle Époque. Nel corso delle sue indagini incontra una serie di personaggi straordinari, ciascuno dei quali le fornirà indizi per risolvere il mistero.

Mi chiedo se stare in una bolla, nella propria bolla, se avere le cuffie grandi attorno alla testa o quelle piccole nelle orecchie serva a isolarsi dall’esterno, a difendersi da minacce aliene o a guardare più da vicino, focalizzandosi su dettagli che altrimenti risulterebbero impercettibili.

Per le stelle esistono i telescopi, per le cose piccolissime i microscopi. Per i suoni le cuffie.

Mi perdonino i signori monoteisti dell’hi-fi ma quando guardo un DJ smanettare su un mixer mentre nelle orecchie ha già il disegno che sarà la bolla successiva in cui infilare tutte le persone che ha davanti, mi emoziono e mi lascio portare come solo posso fare alle giostre perché sono legata, perché so che non può succedermi nulla.

Mi chiedo se le bolle possano fondersi e integrarsi, come gli insiemi.

Perché quella volta sulla 91 ascoltavo i Guns a un volume troppo alto per le mie cuffiette da diecimila lire e la ragazza di fronte a me si è messa a cantare il ritornello di Anything goes. Un po' mi sono vergognata, un po' mi sono sentita figa, un po' mi sentivo disturbata nella mia bolla.

Ieri sera, invece, ascoltando il risultato del lavoro in studio mi sono accorta che dal balcone di fronte un uomo mi guardava ballare.
Gli ho sorriso. Mi ha sorriso a sua volta. Abbiamo dato un senso al mio buco di soffitta a Belleville.

La stessa canzone l’ho ascoltata poi per tutto il volo di ritorno. A destra, un tramonto da togliere il fiato, a sinistra le alpi innevate.
In mezzo io, comoda, nella mia bolla.

The best is yet to come.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente