Arrivi e partenze

L’onda del porto, il viaggio di Emanuele Trevi

Illustrazione di Laura Bornea, 2021 - la sigla delle interviste "Il profumo delle pagine" è cantata da Laura Salvi - compositore Marco Zoppi

Illustrazione di Laura Bornea, 2021 - la sigla delle interviste "Il profumo delle pagine" è cantata da Laura Salvi - compositore Marco Zoppi

L’onda del porto è la storia di un viaggio che Emanuele Trevi intraprende d’istinto, ad appena un anno di distanza dal catastrofico tsunami di Sumatra che nel dicembre 2004 miete oltre 200.000 vittime. A muoverlo è un desiderio: vedere con i propri occhi ciò che resta del disastro.

“Mi affascinava l’idea di scrivere sul tema, perché lo tsunami è l’informe che sovrasta la forma” afferma lo scrittore, che tuttavia – poco dopo aver raggiunto la prima tappa del proprio percorso – desiste. Alza una metaforica bandiera bianca e decidere di fermarsi e dedicarsi a ciò che resta, invece di fare un inventario di ciò che è andato perduto.

L' onda del porto. Un sogno fatto in Asia

L’onda del porto, uscito per la prima volta nel 2005, è un viaggio nel viaggio. È l’India, il rapporto con i bambini, la concretezza di quel mondo, la sua semplicità, e al tempo stesso è già la consapevolezza che per Emanuele Trevi scrivere e raccontare sono una magia misteriosa, elegantissima, beffarda e sfuggente, una sfida alla verità delle cose. Ci invita ad approdare su una terra mentendoci, promettendo di andare altrove, fingendo che sia soltanto una stazione di posta. E invece ci ritroviamo in un universo che contiene come sempre l’autentica consistenza del mondo letterario e poetico, ma anche personale e umano, di Emanuele Trevi.

Nella nostra intervista chiediamo a Emanuele Trevi – Premio Strega 2021 per Due vite – di raccontarci in che modo questo viaggio in India l’abbia cambiato e cosa abbia significato per lui visitare un Paese che all’epoca aveva perso tutti i propri punti di riferimento.

“Abbiamo avuto modo di parlare con alcuni pescatori che non si erano accorti dello tsunami, pur trovandosi a sole due miglia di distanza” racconta lo scrittore “Semplicemente pensavano di aver sbagliato punto di approdo, perché il loro villaggio non esisteva più

E di fronte alla scomparsa di ogni certezza Trevi racconta quanto sia essenziale provare a creare delle condizioni di felicità, che alla fine sono come unica arma di difesa da opporre alla morte e alle sue maschere.

“Perché la vita prima o poi deve riprendere.
Quando si verificò quello tsunami, nel 2004, c’era già stato il crollo delle Torri Gemelle: eravamo già entrati in un mondo diverso. Un mondo in cui la storia sembrava accelerare i suoi shock ed eravamo di fronte a un generale senso di insicurezza, consci che qualcosa di fosco si stesse addensando sul nostro futuro. L’esperienza del viaggio ha cementato in me la certezza sull’importanza di due cose: amore e attenzione, che sono valori universali e aderiscono a degli istinti profondi”.

Le nostre interviste

La canzone di Maremosso è interpretata da Laura Salvi

Altri libri di Emanuele Trevi

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente