Diario di bordo

Le condizioni di salute di Matteo Messina Denaro

Immagine tratta dal libro "Il male non è qui. Matteo Messina Denaro. Il romanzo", Sperling & Kupfer, 2022"

Immagine tratta dal libro "Il male non è qui. Matteo Messina Denaro. Il romanzo", Sperling & Kupfer, 2022"

Martedì 17 gennaio 2023

Ho assistito ieri, come spero molti, alla conferenza stampa dei carabinieri e del procuratore di Palermo sull’evento mondiale, ovvero la cattura di Matteo Messina Denaro.
Mi è sembrata civile, diplomatica e decisamente sorniona.

Civile perché gli ufficiali e i magistrati hanno tenuto i toni bassi e hanno ricordato che a Messina Denaro non hanno nemmeno messo le manette. 
Diplomatica perché hanno glissato sul fatto che l’arresto, nei suoi particolari, era stato addirittura annunciato in televisione due mesi fa, comprese le conseguenze politiche che avrebbe avuto, e che nessun giornalista abbia alluso alla straordinaria coincidenza.
Sorniona, per non dire peggio, quando si è discettato sulle condizioni di salute del novello detenuto.

E qui, però, si entra in un brutto terreno. I magistrati hanno assicurato che Messina Denaro è in buona salute e che può essere curato al 41 bis, il totem dei giustizialisti.
Hanno anche assicurato che senza intercettazioni il latitante non sarebbe stato preso.
E questa, come loro stessi sanno, è una balla.

Per quanto riguarda le condizioni di salute di Messina Denaro si è appreso – non dalla conferenza stampa, però - che è affetto da tumore al colon (operato due volte) e che gli sono state diagnosticate metastasi epatiche. Secondo Wikipedia un paziente in condizioni simili ha tra i 6 mesi e un anno di vita.

Ovviamente sarebbe del tutto incivile tenere un paziente in queste condizioni al 41 bis.
Si spera fortemente che questo non avverrà. Ci sono però precedenti: Provenzano, Riina, Vittorio Mangano

Altri dettagli, purtroppo spiacevoli. Sembra di capire che non ci sarà un effetto a cascata dell’arresto – non si hanno notizie di perquisizioni, ritrovamento di documenti, eccetera - proprio com’era successo con l’arresto di Riina. Per quanto riguarda l’autista, Giovanni Luppino, è passato inosservato che era già noto ai CC da vent’anni, proprio come protettore del Nostro.
E che nessuno ha citato il suo più grande protettore, il senatore di Forza Italia, già sottosegretario agli Interni in due governi Berlusconi, Antonio D’Alì, che appena ieri ha varcato le porte del carcere come suo favoreggiatore. Ha dato una mano anche lui? Hanno dato una mano – come ormai sembra certo – i fratelli Graviano? Passeranno ora all’incasso? Sarebbe logico.

Così come parrebbe logico che Messina Denaro, malato terminale di cancro, abbia messo a posto, prima di entrare in carcere, i suoi affari.
Che sono cospicui, se si pensa che, finora, ai suoi affiliati, sono stati sequestrati o confiscati più di cinque miliardi di euro.
Ma forse mi sbaglio per difetto, perché ci sono catene di supermercati, i resti della Valtur, centinaia di attività commerciali, oltre a fette importanti dell’industria eolica e del sistema bancario. Praticamente, la provincia di Trapani era nelle mani di Matteo, che l’aveva ereditata dal padre, il campiere del barone D’Alì che, al culmine del suo potere ordinò l’uccisione del giornalista, e mio amico, Mauro Rostagno.

Se Matteo Messina denaro collaborerà, una domanda in proposito sarebbe opportuna.

Potrebbero interessarti anche

Immagine tratta dal libro "U siccu. Matteo Messina Denaro: l'ultimo capo dei capi" di Lirio Abbate, Rizzoli, 2022

L'arresto di Matteo Messina Denaro

Il boss di Cosa Nostra, latitante dal 1993, è stato catturato oggi in una clinica di Palermo

Il senatore e il boss

Si aprono le porte del carcere per un senatore dalle amicizie particolari

Enrico Deaglio racconta i fratelli Graviano

Una intervista unica, una testimone eccezionale. La giornalista racconta il giudice Falcone, trent'anni dopo.

Marcelle Padovani racconta Giovanni Falcone

Una intervista unica, una testimone eccezionale. La giornalista racconta il giudice Falcone, trent'anni dopo.

Le verità indicibili di Via D'Amelio. Piero Melati racconta Paolo Borsellino

Fare luce sulla strage. Dare la parola alla famiglia. Rompere un silenzio durato tre decenni.

Giovanni Falcone: 30 anni dalla Strage di Capaci

Una una selezione di libri che ricordano il coraggio e l'impegno del giudice Falcone nella lotta alla mafia

La solitudine del Generale

Attilio Bolzoni racconta dalla Chiesa, a quarant'anni dalla morte

L’assassino e l’amante del “Migliore”

Antonio Pallante è morto a 99 anni. Nel 1948 sparò a Togliatti

Silenzio su piazza Fontana

In occasione dell'anniversario dei funerali di Stato, un ricordo di Giorgio Bocca

Piazza Fontana, meglio così

Ieri cadeva l'anniversario della strage di Piazza Fontana: non una parola da Meloni e La Russa in merito

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente