La redazione segnala

Come comunicare la crisi climatica

Nel corso del 2022 Greenpeace, in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia, ha monitorato articoli, programmi tv e telegiornali italiani per analizzare quanto e come si parla di clima sui nostri mass media.
Hanno poi raccolto e analizzato i dati che hanno ricavato nel report L’informazione sulla crisi climatica in Italia. L’importanza di questo tipo di studi per affrontare la crisi climatica non è da sottovalutare: i livelli di cambiamento e di coinvolgimento della popolazione necessari in questa sfida esigono che le persone sappiano davvero di cosa si stia parlando.

Non bastano infatti racconti sulle catastrofi ambientali o riassunti delle conferenze internazionali sul clima. Bisogna sottolineare le cause e individuare i responsabili per fare in modo che la cittadinanza sappia che i cambiamenti di cui abbiamo bisogno sono sistemici e hanno poco a che fare con le piccole abitudini quotidiane.
Basti pensare che secondo una ricerca del Carbon Majors Database solo 100 compagnie causano il 71% delle emissioni responsabili della crisi climatica.

Secondo il report di Greenpeace però le cause della crisi sono messe in luce in poco più del 20% degli articoli che la citano e in meno dell’8% dei servizi dei telegiornali in cui si parla di clima.
Tra queste cause, i combustibili fossili (che sono la maggiore fonte di emissioni di gas serra) sono citati nel 25% dei casi. Tra i soggetti nominati negli articoli, solo poco più del 4% di essi viene annoverato tra i responsabili della crisi climatica, quota che scende a 2.6% per i servizi nei TG. Questo significa che le persone non connettono la crisi climatica all’industria fossile e non sanno da chi pretendere risposte e cambiamento. Anzi, molto spesso il messaggio che traspare è che la colpa è di tutti e che siamo sicuramente destinati a morire come specie.

Teoricamente, attivare i cittadini sul tema non è un dovere dei giornalisti. Ma dire la verità fa sicuramente parte dell’etica del mestiere e, nel momento in cui si tralasciano determinati elementi chiave del discorso (come, appunto, i responsabili e i combustibili fossili) si restituisce al lettore una visione distorta del fenomeno e se ne influenza l’interpretazione e la reazione.
La verità da sola è già l’elemento base per mobilitare tramite l’informazione. Ad essa vanno aggiunte sicuramente la spinta emotiva e le proposte d’azione.

Questi elementi sono parte della teoria dell’elefante e del cavaliere elaborata dallo psicologo sociale Jonathan Haidt. Per ottenere cambiamenti comportamentali dalle persone, Haidt invita a considerare la mente umana divisa come un cavaliere su un elefante.
Il cavaliere è la parte razionale della nostra mente e guida l’elefante, la parte più emotiva, che deve però ricevere la giusta spinta, altrimenti va nella direzione opposta, si impunta, si ferma.
Per facilitare il viaggio dell’elefante e del cavaliere è anche utile un percorso chiaro e ben tracciato. Difficilmente la motivazione (l’elefante) e i suggerimenti d’azione (il percorso) spettano ai mass media, ma senza informazioni chiare, veritiere e trasparenti, anche la nostra razionalità (il cavaliere) non sa dove andare a parare.

Di conseguenza, come si dovrebbe parlare di crisi climatica nei mass media? Innanzitutto attivamente, deve essere considerata una notizia a prescindere dai click e dallo share. Secondo l’analisi di Greenpeace e dell’Osservatorio di Pavia, quasi il 70% degli articoli che nominano la crisi climatica la citano soltanto, non la trattano in modo specifico.
È inoltre fondamentale evitare il disfattismo e il focus sulle azioni individuali. Scoraggiano la lettura, allontanano le persone e non sono approcci basati sulla scienza del clima.

Creare urgenza è fondamentale, ma dire che siamo già sconfitti è errato e fa il gioco di coloro che guadagnano grazie alla mancanza di azione. Queste persone e aziende vanno individuate chiaramente: stanno mettendo a rischio la vita umana sul pianeta e molto spesso lo fanno alla luce del sole, pubblicando dati sui loro investimenti. Una buona fonte di informazione ha il dovere di evidenziare le connessioni tra questi dati e ciò che sta succedendo all’ambiente.

Infine, come parlare dell’attivismo per il clima? Sottolineando ciò che gli attivisti chiedono e il discorso in cui si inseriscono. Non sono eroi, non sono martiri, non sono criminali: sono persone che compiono determinate azioni per mandare dei messaggi chiari.
Che piacciano o no, distogliere l’attenzione dal messaggio mettendola sull’attivista in sé rischia di trasformare l’informazione in pettegolezzo. Credo che sia abbastanza condiviso che il giornalismo sia e debba essere molto di più.

Ti potrebbero interessare

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente