Diario di bordo

Il coraggio e l’enormità delle parole di Francesco (saranno presto dimenticate?)

Giovedì 9 Dicembre

Temendo che il ponte dell’Immacolata si sia portata via la notizia, decisamente eccezionale, delle ultime parole del Papa, le riprendo da Il Foglio (dell’8/12), a firma di Adriano Sofri:

 “Il Papa ha fatto un altro viaggio ammirevole, e ha detto cose preziose sui migranti e sull’Europa. Poi, sull’aereo, dove la gravità si riduce fino ad annullarsi, ha detto cose forti, senza precedenti sull’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, di cui aveva appena accettato le dimissioni. Ha detto: “Le piccole carezze, i massaggi che faceva alla segretaria, così sta la cosa. E questo è un peccato, ma non è un peccato grave. I peccati della carne non sono i più gravi. Così Aupetit è un peccatore come lo sono io, come è stato Pietro il vescovo su cui Gesù ha fondato la Chiesa e che lo aveva rinnegato. Come mai la comunità del tempo aveva accettato un vescovo peccatore? Era una chiesa normale, nella quale si era abituati a sentirci tutti peccatori, umili. Si vede che la nostra Chiesa non è abituata a dire vescovo peccatore, siamo abituati a dire che è un santo, il vescovo. Il chiacchiericcio cresce e toglie la fama di una persona. Il suo peccato è peccato, come quello di Pietro, il mio, il tuo. Ma per il chiacchiericcio, un uomo al quale hanno tolto la fama così non può governare. Questa è una ingiustizia. Per questo ho accettato la rinuncia di Aupetit: non sull’altare della verità, sull’altare dell’ipocrisia”. 

Citando un’agenzia di stampa cattolica che ha immediatamente stravolto le parole di Francesco (per esempio: i peccati della carne non sono i più gravi, che diventa i peccati della carne sono i più gravi)“, l’articolo di Sofri conclude:

“Suscitano pensieri contrastanti le parole di Francesco. A me sembra che li superi e li riscatti tutti la conclusione: “Per questo ho accettato la rinuncia di Aupetit: non sull’altare della verità, sull’altare dell’ipocrisia”. Il Papa, sia pure da un corridoio d’aereo, lontano dalla cattedra, dichiara di aver ceduto al chiacchiericcio e alla sua ingiustizia, e di averlo fatto sull’altare dell’ipocrisia. Chissà se ci sono ancora orecchie capaci di sentire la coraggiosa enormità di queste parole”.

Tutti speriamo, immagino, che – nell’avvicinarsi del Natale - si tornerà su questa questione

Le altre notizie del giorno

Parole che contano

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente