Diario di bordo

Gli eroici ferrovieri ucraini

Lunedì 21 novembre

Ho davanti a me una magnifica copertina del New York Times magazine: un binario colpito da una bomba, in mezzo a una terra desolata.
Siamo in Ucraina. Il titolo dell’inchiesta dice: “la linea della vita lunga 15.000 miglia”, un’inchiesta sul sistema ferroviario dell’Ucraina e di come ha retto all’invasione russa.
230.000 ferrovieri, il sapere e il mestiere di un secolo, il patriottismo, hanno permesso alle ferrovie ucraine di sfollare ordinatamente diversi milioni di passeggeri, di resistere alle quotidiane bombe sui binari e nelle stazioni, di imbarcare la più grande quantità di armi fornite dall’Occidente e di recapitarle al fronte.
L’inchiesta, firmata da Sarah A. Topol,  le splendide fotografie sono di Adam Ferguson, ci verrà utile alla fine della guerra per sapere chi ringraziare.

A me, però ha anche fatto venire in mente un tumulto di memorie, che riguardano i treni e quella parte d’Europa.

Mi ricordo che Lenin arrivò in Russia in treno nel 1917 - il famoso vagone blindato, che viaggiò dalla Germania alla stazione in Finlandia . Mi ricordo che Trotzky guidò, spietato, l’Armata Rossa dal treno attraverso le sconfinate lande innevate e insanguinate dalla guerra civile.

C’era poi la rete ferroviaria organizzata da Adolf Ecihmann per convogliare da mezza Europa milioni di ebrei verso Auschwitz.
Perché gli Alleati non bombardarono quei binari? E avrebbero potuto farlo, a partire dal 1943?

Ho rivisto, nella memoria, il documentario di Claude Lanzmann sull’Olocausto, anno  1985, in cui l’autore arrivava ad Auschwitz su un treno, accanto a un macchinista allegro e ad una natura straordinariamente verde. E le scene del film di Spielberg, Schindler’s List, con un ragazzino che guarda passare il treno, quotidiano, e si diverte a insultare in anticipo gli occupanti dei carri bestiame, anche se sa che non possono vederlo. Trainspotting e trainmobbing.

Mi ricordo di Macron, Draghi, Boris Johnson che arrivarono a Kiev bombardata, in treno, un secolo dopo Lenin.  Mi ricordo che gli ucraini si sono sempre vantati, anche nei momenti peggiori: “i nostri treni viaggiano in orario”.

E poi c’è anche un libro oggi diventato famoso , La ferrovia sotterranea, di Colson Whitehead, che racconta di quella speranza – o era realtà? – che circolava tra i milioni di schiavi d’America; c’era una ferrovia segreta che – a raggiungerla! – avrebbe portato alla libertà.

Tutto questo per dire che i ferrovieri ucraini sono i miei eroi del momento. E spero che sentiremo parlare molto di loro, e della lezione che hanno dato al mondo.    


Nota della redazione: Per chi volesse approfondire ulteriormente, a questo link c'è la pagina dedicata ai libri che spiegano le ragioni del conflitto Russia - Ucraina

Potrebbero interessarti anche

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente