Arrivi e partenze

Il Flashback di Cristina Comencini 

La sigla delle interviste "Il profumo delle pagine" è cantata da Laura Salvi - compositore Marco Zoppi

La sigla delle interviste "Il profumo delle pagine" è cantata da Laura Salvi - compositore Marco Zoppi

Come vi sentireste se, di punto in bianco, non riconosceste più voi stessi e il mondo che vi sta attorno?
Come reagireste se, invece di vedere ciò che fino ad un istante prima era un luogo a voi noto, vi apparissero di fronte vividi dettagli di posti e persone mai viste?

Le alternative sono due: potreste temere di essere impazziti e lasciarvi sprofondare nella paura, oppure potreste cominciare a scavare in quegli sprazzi di vite tanto diverse dalla vostra, dando vita a un romanzo appassionante.

Cristina Comencini ha percorso la seconda via. Il risultato è il libro che abbiamo fra le mani e del quale parliamo con l'autrice. 

Flashback
Flashback Di Cristina Comencini;

Donne comuni, per questo straordinarie, e diversissime fra loro, ma con lo sguardo laterale sulla complessità degli eventi che sono chiamate a vivere. La Comune di Parigi, la Rivoluzione bolscevica, la Resistenza, la rivoluzione sessuale: quattro epoche di ribellione narrate attraverso quattro donne come tante, per questo straordinarie.

Più di 4 anni fa, periodo della mia vita complicato, ho avuto queste amnesie temporanee totali che durano poco, circa 1 minuto. Io non lo so, perché non ero presente, non ero me. Ho cominciato a pensare alla prima, così come è apparsa, ed è diventata narrazione: quei dettagli si sono incarnati in personaggi

Flashback, come ci spiega la scrittrice, sceneggiatrice e regista, è frutto di un evento di per sé traumatico: non riconoscere più nulla, nemmeno sé stessi, e intravedere particolari completamente sconosciuti, non dev'essere facile per nessuno.

Dopo esserci assicurati di non avere alcun problema fisico, in una situazione del genere, potremmo addentrarci ed interrogarci a lungo sulla scomposizione dell’Io, ma difficilmente otterremmo delle risposte certe e incontrovertibili.
Perché non affidarsi, quindi, all’arte e alla letteratura, facendone strumenti d'indagine per arrivare a una più piena comprensione di ciò che sta fuori di noi e nel contempo ci definisce come appartenenti a una medesima storia?

Cristina Comencini ha colto lo spunto datole da quesa esperienza per accogliere e approfondire quella frammentazione dell'Io che sembrava suggerirle, con uno slancio e un respiro narrativo che forse lo stesso Pirandello avrebbe avallato.

Quando riemergi capisci che cosa ti è capitato, e credo che nel libro ci sia quella sensazione: uno strano benessere, perché finalmente non sei obbligato ad essere sempre e solo te stesso. Hai questa sensazione di vita piena, ma che non è riferita solo a te. Dopo un’amnesia ero molto stanca, però allo stesso tempo mi sembrava che ci fosse una cosa da capire lì

Nella nostra intervista, lautrice ci porta più da vicino nella fitta tessitura storica ordita attorno a quelle che considera alla stregua di «quattro antenate», le protagoniste di Flashback.

Eloisa è una cocotte del gran mondo di fine ‘800, figlia illegittima e dall’infanzia difficile, prostituta d’alto bordo che vive con un’amica fotografa la quale è tutto il contrario di lei: due lati dell’identità femminile, tra corpo dato e corpo sottratto.
La ragazza vivrà l'esperienza irripetibile e seminale della Comune di Parigi, avvicinandosi a donne di diversa estrazione e formazione, senza però sentirsi completamente accettata per quello che è e quello che è stata.

Con Sofia ci spostiamo nella Russia del 1917, durante la Rivoluzione Bolscevica. A San Pietroburgo la donna si innamorerà di due uomini e rimarrà incinta nel pieno di una fase storica d'impatto tellurico, offrendoci su di essa un punto di vista nuovo, più ad altezza degli occhi e intriso di umanissime incertezze di quelli che hanno spesso dato forma ad un racconto collettivo la cui eco arriva fino ai giorni nostri.

Elda è invece, per certi versi, la figura più affascinante delle quattro, perché al carattere romanzesco aggiunge un elemento di verità biografica: è l’unica donna, fra quelle raccontate da Comencini, ad aver veramente vissuto

Mi è apparsa e l'ho cercata. In Friuli ho trovato anche la sua fotografia, che è struggente perché racconta la storia di una ragazza poverissima che a 15 anni va a lavorare in fabbrica, sola con una madre e un fratellino

Attraverso la sua voce, l’autrice rilegge per noi gli eventi che muovono dall’8 settembre e arrivano all'esperienza delle Brigate Rosse, filtrandone il portato storico col racconto di una donna che cerca ostinatamente e orgogliosamente il proprio posto nell’Italia a cavallo di tre decenni.

L’ultima eroina, infine, sarà al centro della rivoluzione dei corpi. L'emancipazione sessuale nella Londra degli anni ’60 sarà il terreno sul quale Sheila si innamorerà di un cantante rock al punta di annullarsi. Scopriremo, con lei, una femminilità diversa, quella post-guerra.
Una femminilità di ribellione.

È come se fossero legate, progrediscono una dietro l’altra ma rimangono legate. C’è l’Europa perché è il posto del mondo in cui la libertà delle donne è non completamente realizzata, ma lo è più che da altre parti e sicuramente le rivoluzioni di cui racconto, nella parte minima della vita, sono importanti per tutti noi


Flashback è una narrazione collettiva e individuale al tempo stesso: una polifonia di voci che attraversano la storia d'Europa degli ultimi due secoli, riuscendo a rimanere singolarmente leggibili e intense. Cristina Comencini ha scritto il suo romanzo più forte e maturo, una storia calata in un eterno presente che scorre impetuosa verso una foce ancora di là dall'orizzonte.

Le nostre interviste

La canzone di Maremosso è interpretata da Laura Salvi

Conosci l'autrice

Cristina Comencini nasce a Roma nel 1956. Figlia del regista Luigi Comencini e madre di Carlo, Giulia e Luigi, esordisce al cinema come attrice nel 1969, diretta dal padre in Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano, accanto a Tina Aumont e Maria Grazia Buccella. Laureata in Economia e Commercio con Federico Caffè, lavora per alcuni anni come giornalista economica e ricercatrice. Inizia la carriera di scrittrice nel cinema sceneggiando insieme al padre il film TV Il matrimonio di Caterina (1982) e il lungometraggio Buon Natale... Buon anno del 1989; è co-sceneggiatrice di Ennio De Concini in Quattro storie di donne (1986) e autrice insieme a Suso Cecchi D’Amico dei televisivi Cuore e La Storia, entrambi diretti dal padre.Nel 1988 esordisce alla regia con una fiaba lieve e aggraziata, Zoo, cui fanno seguito l’ambizioso ed elegante I divertimenti della vita privata (1990), il criptico e sinuoso La fine è nota (1992, tratto dal romanzo omonimo di Geoffrey Holliday Hall), il fortunato Matrimoni (1998) e successivamente Liberate i pesci con Michele Placido e Laura Morante, passando nel 1995 per la trascrizione in immagini del celebrato bestseller di Susanna Tamaro Va’ dove ti porta il cuore. Del 2005 è La bestia nel cuore, pellicola nominata all’Oscar come miglior film straniero e premiata al Festival del Cinema di Venezia con la Coppa Volpi per l’interprete femminile protagonista, Giovanna Mezzogiorno. Nel gennaio 2008 Cristina Comencini è tornata al cinema con Bianco e nero, commedia e storia d’amore appassionato tra un giovane uomo italiano senza grandi idee sul tema dell’Africa e una donna senegalese che vive in Italia da dieci anni. Sceneggiatrice de La donna della mia vita, ha partecipato alla 68. edizione della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia con il lungometraggio Quando la Notte. Latin Lover con un cast quasi tutto al femminile del 2015. Qualcosa di nuovo, adattamento cinematografico dello spettacolo teatrale La scena, è uscito nel 2017. Successivamente realizza il documentario Sex Story e il film Tornare, presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma nel 2019.Cristina Comencini è anche autrice e regista di pièces teatrali (Due Partite, 2006; Est Ovest, 2009; il dialogo Libere, 2010, La scena 2013; Tempi Nuovi 2017) e di numerosi romanzi editi da Einaudi (Essere vivi, 2016, Da soli, 2018, L'altra donna, 2021) e da Feltrinelli (Pagine strappate, 1991; Passione di famiglia, 1994; Matrioska, 2002; La bestia nel cuore, 2004; Due partite, 2006; L’illusione del bene, 2007, finalista al Premio Strega; Quando la Notte, 2009; La nave più bella 2012; Lucy, 2014; Voi non la conoscete, 2014; Flashback, 2022).

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente