Diario di bordo

Il culturame e il camerata Dante Alighieri

Lunedì 16 gennaio 2023

Weekend denso di dibattiti culturali, dominato dal ministro Gennaro Sangiuliano, che ha arruolato nel governo Meloni nientemeno che Dante Alighieri, “fondatore del pensiero di destra”, nello stesso giorno in cui il suo sottosegretario Sgarbi ha liquidato l’altro poeta, Morgan, per il quale fino a ieri andava pazzo. Il ministro Sangiuliano (che Dante assolverebbe di sicuro, riconoscendo in lui solo la ridicolaggine, per cui non si va in alcun girone infernale), nella stessa occasione ha liquidato il lascito egemonico gramsciano come una catena del cervello.
E qui non ha torto, perché Gramsci scrisse soprattutto in catene, nel carcere dove l'aveva confinato Mussolini, erede massimo di quel pensiero di destra che Dante, secondo San Giuliano, aveva fondato.

Coraggio, Sangiuliano, vada avanti! La sua “dante lavoro” (absit iniuria…) la presidente Meloni. perché non accostarla a Beatrice: donna, cristiana, italiana. È chiaro che Giorgia aveva lei come modello.

Nel frattempo Meloni non si risparmia; dopo aver indicato in Almirante e, soprattutto, in Pino Rauti i fondatori della democrazia italiana, ora si è paragonata a Garibaldi, “o si fa l’Italia o si muore”. Meloni ama tutti, anche i benzinai che non sanno di essere vittime tardive dell’egemonia gramsciana. D’altronde… l’amor che move ACCISE e le altre stelle, Paradiso XXXIII; sembra che ceda, ma sa essere dura.

C’è un precedente, in questa storia, il famoso discorso sul “culturame”, del ministro degli Interni Mario Scelba, che nel 1949, appena un anno dopo la vittoria della DC sul Fronte Popolare, si lasciò andare così: «La Dc non avrebbe trionfato se non avesse avuto in sé una forza morale, un’idea motrice, che vale molto di più di tutto il culturame di certuni».
Essendo “certuni” i comunisti, i gramsciani, che imponevano al popolo la mala lezione di un uomo morto in galera appena 12 anni prima.

Scelba poi si scusò (più o meno). Questi qui non si scuseranno, temo….

Però Dante e Gramsci ci hanno sempre invitato a prenderla con filosofia.

Libri e film

Quaderni dal carcere

Di Antonio Gramsci | Einaudi, 2014

La divina trilogia. Vol. 1: Inferno.

Di Dante Alighieri | Mondadori, 2021

La divina trilogia. Vol. 2: Purgatorio.

Di Dante Alighieri | Mondadori, 2021

La divina trilogia. Vol. 3: Paradiso.

Di Dante Alighieri | Mondadori, 2021

Cultura di destra

Di Furio Jesi | Nottetempo, 2011

Potrebbero interessarti anche

Argentina 1985, un film da vedere

La più brutta storia della seconda metà del Novecento, in un film bellissimo

Il re, il principe e il bestseller

Il successo stratosferico dell'autobiografia di Harry e un'incoronazione difficile

Covid, dalla Cina la variante Medioevo

Una previsione terrificante mette a nudo il rapporto fra salute pubblica e politica

La variante brasiliana

Il golpe è ormai endemico, come dimostra quel che è accaduto a Brasilia

 Immagine tratta dal libro "Dopo" di Licia Pinelli, Enciclopedia delle Donne, 2016

Auguri alla donna che ha fatto grande Milano

Il 5 gennaio Licia Rognini Pinelli, vedova di Giuseppe Pinelli, ha compiuto 95 anni.

Quando la destra si rompe

Il Partito Repubblicano è in crisi profonda. Una lezione per la destra italiana?

L’assassino e l’amante del “Migliore”

Antonio Pallante è morto a 99 anni. Nel 1948 sparò a Togliatti

Silenzio su piazza Fontana

In occasione dell'anniversario dei funerali di Stato, un ricordo di Giorgio Bocca

Piazza Fontana, meglio così

Ieri cadeva l'anniversario della strage di Piazza Fontana: non una parola da Meloni e La Russa in merito

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente