Bassa marea

Il sabbatico matrimoniale

L’importante è accettare che qualche volta possiamo avere voglia di stare da soli, o di fare una cosa da soli, anziché in due

Una giornalista inglese ha rivelato in un articolo che sta per prendersi un “sabbatico matrimoniale”: ovvero sei settimane lontano dal proprio marito. Il Guardian, uno dei migliori quotidiani di Londra, ci ha aperto un dibattito.
Qualcuno nota che sei settimane sono un po’ tante: non sarà un modo di annunciare poco per volta al coniuge l’intenzione di divorziare?
Altri osservano che, per potersi permettere un sabbatico del genere, bisogna essere ricchi: dove le passerà le sei settimane, la giornalista in questione? In vacanza? Dalla madre? Da un’amica? In albergo?
Altri ancora ragionano che, chiunque sia a prendersi un sabbatico nel matrimonio, la moglie o il marito, il concetto vale soltanto se non ci sono figli o non ci sono più figli da accudire: altrimenti è ovvio che uno dei due ci guadagna, quello che si prende una vacanza non tanto dal coniuge quanto dalla prole, e l’altro ci perde.

L’idea di “sabbatico matrimoniale” viene da lontano: un libro del 1999 della psicologa americana Cheryl Jarvis, il cui sottotitolo era “il viaggio che ti riporta a casa”. La sua tesi, chiaramente, era che un breve distacco serviva a rafforzare una coppia anziché spingerla sulla strada di una definitiva separazione. Un motivo che oggi spingerebbe alcuni a fare se non proprio sei settimane di sabbatico dal matrimonio, almeno un periodo, un viaggio, un’esperienza senza la propria metà, è la pandemia, in particolare i lockdown che l’hanno accompagnata: costretti per un paio d’anni a trascorrere insieme più tempo di quanto eravamo abituati, adesso che si torna a una vita per così dire normale abbiamo un surplus di autonomia, indipendenza e perfino solitudine da consumare.

Se una donna o un uomo dicono di voler passare qualche settimana o soltanto qualche giorno da soli, il primo sospetto naturalmente è che desiderino un flirt. Al che la suddetta giornalista replica: “Se voglio un flirt, posso averlo in ufficio, senza bisogno di un sabbatico che susciti sospetti”. E anche questo è vero. E allora, il sabbatico matrimoniale ha senso o no? Dipende.
Il Guardian conclude che la vita di coppia non segue sempre lo stesso ritmo.
L’importante è accettare che qualche volta possiamo avere voglia di stare da soli, o di fare una cosa da soli, anziché in due.    

Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio

Nick Hornby racconta la vita coniugale al tempo della Brexit in un romanzo conversazione ironico, pungente ma anche profondo: la storia di una crisi... o forse di un grande amore.

Altre riflessioni di Enrico Franceschini

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente