Diario di bordo

C’è troppo Hitler in televisione e ho un presagio

Lunedì 2 maggio

Non so se capita solo a me, ma ogni volta che incappo nella televisione italiana, sempre più spesso mi trovo davanti Adolf Hitler.
E non per condannarlo, ma per giustificarlo; prima passo di quello che temo sarà l’esplicito passo successivo: “aveva ragione lui”.

Non credo di esagerare: negli ultimi giorni Google news (implacabile!) mi ha informato che l’ormai famoso professore ha dichiarato che la colpa della seconda guerra mondiale non era certo di Hitler ( ... il poveretto cercava solo di riprendersi qualcosa di quello che gli avevano rubato), ma di Francia e Inghilterra che sono corsi in aiuto alla Polonia. Poco prima avevo visto un vignettista “molto di sinistra” che aveva fatto la caricatura di Zelensky (ebreo, con tre parenti che furono uccisi nell’Olocausto) con il naso adunco come nella iconografia di Boccasile e della “Difesa della Razza”; e se ne vantava! Poi - mi informa sempre Google news - un vecchio opinionista viene ospitato da un giornale per dire – in occasione del 25 aprile! – che i nazisti del generale Kesselring in Italia si comportarono da gentiluomini, mentre gli americani (neri) stupravano le “nostre donne” a man bassa. E quindi, la resistenza l’avremmo dovuta fare contro di loro, non contro i nazisti!
(Era peraltro la stessa cosa che diceva Kesselring: gli italiani mi dovrebbero dare una medaglia). Poi ho visto due star del giornalismo, quelli che la sanno molto lunga, affermare con certezza che Bucha è una messa in scena (... davvero? Lo ripeterebbero?) e che gli americani bombardarono la Serbia sulla base di fake news di fosse comuni in Kosovo (che ovviamente c’erano, come c’era stata Srebrenica). Ma non importa: chi si ricorda più? E infine ieri, sento che il ministro degli Esteri Sergej Lavrov, in un’affabile intervista ha definito Zelensky un razzista antisemita.
E ha spiegato: come fa ad essere antisemita, se è ebreo? Semplice, “è come Hitler che aveva radici ebraiche”.

Naturalmente, io sono anziano e me la prendo troppo; alla maggioranza tutto questo miscuglio di oscenità evidentemente piace.
Quello che veramente temo, ma sento arrivare è un gran dibattito su Auschwitz. È veramente avvenuto? Siamo così sicuri?
Certo, abbiamo la testimonianza di Primo Levi, ma perché non sentire anche l’altra campana?
In studio: Santoro, Bianca Berlinguer, Vauro, Massimo Fini, il prof. Orsini….

Guardate che succederà. 

Le altre notizie del giorno

La revisione

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente