Diario di bordo

La guerra prossima e quella appena finita

Giovedì 3 febbraio

La prima sta per arrivare (a meno di un accordo in extremis) in Ucraina; la seconda sembrava finita il 15 agosto in Afghanistan, ma i suoi effetti sono appena cominciati.

La prima clessidra macina sabbia sotto gli occhi dei satelliti e dei droni: la Russia ha già ammassato più di 130.000 soldati ai confini con l’Ucraina.
Le immagini, estremamente nitide e dettagliate sono pubblicate oggi sul New York Times. Colonne di camion nella neve, accampamenti e trincee preparate, le prove di addestramento dell’artiglieria; tutto appare un’allerta generale nella Crimea russificata; a nord, al confine con la Bielorussia, sono stati posizionati missili a corto raggio; correggendo le posizioni di una settimana fa, il presidente americano Biden ha autorizzato lo spiegamento di tremila soldati ai confini della Polonia e della Romania. Gli inviati dei giornali e delle televisioni in Ucraina testimoniano diversi stati d’animo della popolazione ucraina: dal fatalismo, alla disperazione, alla promessa di resistenza civile. Ci sono, poi da una settimana, voci di un possibile colpo di stato a Kiev.

Così si presenta la guerra prossima, sperando che possa essere ancora evitata, o perlomeno rimandata.

La guerra finita sei mesi fa (dopo vent’anni) è quella in Afghanistan, che prende giorno dopo giorno le sembianze della stranezza di un passato remoto.
Ma a ricordarci che purtroppo le guerre hanno sempre un futuro sono i dati, riportati con grande evidenza, di nuovo sul New York Times, sotto il titolo: “Un milione di profughi in fuga”. Nel paese governato dai talebani, metà della popolazione è a rischio di morire di fame, e di non superare l’inverno. Per questo chi ha le forze cerca di fuggire verso il Pakistan o verso l’Iran.
Sono marce della disperazione, con qualsiasi mezzo disponibile, in mezzo al gelo. Verso l’Iran (la città santa di Mashad è il centro più vicino) gli osservatori calcolano un afflusso di 5.000 rifugiati al giorno. Ma tutti prevedono che con il miglioramento del clima queste cifre siano destinate a crescere esponenzialmente, e che questo “diluvio” sia pronto ad abbattersi sull’Europa, come era successo alcuni anni fa con un milione e mezzo di profughi siriani.

A quel punto, ci ricorderemo che l’Afghanistan esisteva davvero; nel frattempo ci saremo già dimenticati l’Ucraina, come già abbiamo dimenticato la Bielorussia e il Kazakistan.  

 

Le altre notizie del giorno

Ucraina, confine caldo

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente