Diario di bordo

Peppino, cento passi e quarantacinque anni dopo

Martedì 9 maggio 2023

Siccome quasi mai le coincidenze vengono notate, che il cadavere di Aldo Moro fosse stato ritrovato il 9 maggio a Roma e i resti del “terrorista rosso” Giuseppe (Peppino) Impastato, nello stesso giorno sui binari della ferrovia nello sconosciuto paese di Cinisi, alle porte di Palermo, non destò nessun sospetto. Anzi, la doppia notizia venne interpretata come una conferma della potenza del terrore comunista.

Era il 9 maggio 1978. Quarantacinque anni fa.

La morte di Impastato diventò, in quel terribile giorno, un “dettaglio”, una nota a piè di pagina, di fronte all’enormità del bagagliaio della Renault 4 color amaranto collocata in una via che simbolicamente unisce, o separa, la sede della Democrazia Cristiana da quella del Partito Comunista, due potentissime Chiese politiche italiane, che naturalmente oggi non esistono più.

L’uccisione di Aldo Moro e la spettacolare restituzione del suo cadavere erano la prova della sconfinata potenza delle Brigate Rosse.
La morte di Impastato contribuiva a dimostrare quanto fossero radicate nel paese le BR, tanto da poter mettere bombe sui binari in Sicilia nel giorno della loro massima consacrazione.

Non era così.
Impastato venne ucciso per ordine di Cosa Nostra.
Era un ragazzo, militante della sinistra extraparlamentare, aveva messo su una radio nel suo paese (allora le radio libere dilagavano in Italia ma, nella maggior parte dei casi, in Sicilia trasmettevano solo musica e cavolate) dalla quale prendeva in giro il superboss locale Gaetano Badalamenti, che peraltro era un suo parente. Bisognava farlo tacere, Impastato.
C’erano molti metodi, ma Cosa Nostra scelse quello, piuttosto elaborato, di mettere in scena un attentato terroristico finito male. E scelse anche il giorno giusto, perché – e questa è sempre stata la mia opinione, ma nessuno me l’ha mai smentita – Cosa Nostra sapeva che quel giorno Moro sarebbe stato ritrovato anche lui cadavere, e avrebbe “rubato la scena”.

Il resto della storia di Impastato la conoscete tutti. È una bella storia di come la verità si è imposta; però ancora l’altro giorno il nome “Impastato” per un liceo di Partinico (un paese vicino al suo) è stato rifiutato dalle sempiterne autorità perché “divisivo”.

È un buon giorno per rivedere il film I Cento Passi, un bel giorno per ricordare la vita di Peppino e il coraggio di sua madre.
(qui la nostra intervista con il protagonista del film, Luigi Lo Cascio, a proposito del suo nuovo libro edito da Feltrinelli - NdR)

Per me, è anche un buon giorno per ricordare il mio amico Lillo Venezia, giornalista del quotidiano Lotta Continua, morto di Covid nel 2020.
Fu l’unico a scrivere, in prima pagina, “Peppino Impastato ucciso dalla mafia” e a firmare con il suo nome.

Libri e film per approfondire

I cento passi

Di Marco Tullio GiordanaClaudio FavaMonica Zapelli | Feltrinelli, 2014

Io posso. Due donne sole contro la mafia

Di Pif Marco Lillo | Feltrinelli, 2023

Potrebbero interessarti anche

Le ciotole di Michela

Una scrittrice appassionata rende la sua malattia un momento di riflessione collettiva sulla morte

Quel raid over Moscow

Giochi di guerra nei cieli di Mosca, fra suggestioni da vecchi videogames o nuove fiction di Netflix.

Il pacifista Einstein

O di come le circostanze storiche possano indurre uomini di scienza a prendere posizioni scomode

La fabbrica dei sogni chiude?

A Hollywood, gli sceneggiatori entrano in sciopero. E un sistema miliardario rischia di collassare.

Napule è

Lo scudetto manca da trent'anni. Farà poi molta differenza qualche settimana in più o in meno?

Un abbaglio durato trent'anni

Il processo detto della "trattativa" si è concluso: tra Mafia e Stato non c'è stata nessuna collusione

Basta un poco di zucchero?

Le pillola anticoncezionali e abortive vivono un momento storico agitato. Due storie dall'Italia e dagli USA

Immagine tratta dal libro "Sillabari letto da Nanni Moretti, di Goffredo Parise, Emons Edizioni, 2020"

Sotto il sole di Nanni

Un film sui "fatti d'Ungheria" che parla - forse - di nostalgia, impegno politico e fare i conti col passato

Fox News, fake news

Cifra record versata dal network USA a una società che produce apparecchi per il conteggio dei voti.

Ricordando la rivolta del ghetto di Varsavia

Ottant'anni dall'insurrezione che mostrò al mondo come fosse possibile ribellarsi all'oppressore

I bambini di Bakmuth

L'orrore suscitato dalle confessioni dei mercenari della Wagner riportano alla mente un'altra guerra

Un giudice torna a Erba

La strage per la quale sono stati condannati all'ergastolo Rosa e Olindo torna a far discutere. Ecco perché

Sangue e L'arena

La trasmissione di Giletti è stata arrestata in modo sorprendente. Proprio come Matteo Messina Denaro

La posta della redazione

La posta della redazione

Hai domande, dubbi, proposte? Vuoi uno spiegone?
Scrivi alla redazione!

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente