Diario di bordo

Tre passi nella democrazia

Mercoledì 20 dicembre 2022

Giornata piena, per definire quello che si intende per democrazia.
Con tre casi destinati a durare, di sicuro nelle nostre discussioni.

Primo caso: Il comitato della Camera americana che conduce i lavori d’inchiesta sugli “avvenimenti” del 6 gennaio 2021, ha concluso la sua monumentale missione definendo quello che è successo: si è trattato di una insurrezione tesa a sovvertire un regolare esito elettorale; è stata organizzata e finanziata dal presidente sconfitto; lo stesso ha cercato in diversi modi di ostacolare il corso della giustizia.
Per queste ragioni il comitato raccomanda al ministro della giustizia di indagare Donald Trump e la sua corte per cospirazione, insurrezione e ostruzione della giustizia. Se la domanda verrà presa in considerazione – lo sarà? Questo è il problema – Trump potrebbe essere imputato di reati che prevedono l’ergastolo.

Il caso non ha precedenti alla storia occidentale moderna.

Secondo caso. Il signor Elon Musk, sudafricano-americano inventore visionario e uomo più ricco del mondo, è in seri guai finanziari. In un impeto di megalomania due mesi fa ha acquistato la piattaforma Twitter - 44 miliardi di dollari, una cifra che allieverebbe i principali mali del mondo -  per farne un veicolo politico orientato verso le peggiori intenzioni; Twitter, nella sua idea, dovrebbe dare spazio legittimo a Trump, al suprematismo bianco, all’antisemitismo, al razzismo. Non ha funzionato, Twitter gli è crollata nelle mani
Ieri ha chiesto ai suoi milioni di follower: “pensate che debba lasciare la guida dell’azienda? Rispetterò il verdetto”.
Il verdetto è arrivato, con il 57 per cento dei 13 milioni di votanti che hanno cliccato “yes”. Adesso tocca a lui.

È un bel caso a proposito delle insidie della democrazia diretta – una cosa che rimanda a Ponzio Pilato con Gesù e Barabba – e che gli italiani ben conoscono, essendo passati per Grillo, Casaleggio e piattaforma Rousseau. 
Tutte cose, fortunatamente, dimenticate.

Terzo caso.  Dopo la conclusione dei mondiali in Qatar, con tutto ciò che ha comportato – corruzione per l’assegnazione, meraviglia per la realizzazione, trionfo del cattivo gusto con la vestaglia d’oro imposta a Messi - si può ancora pensare che il gioco del pallone sia l’unica isola in cui vale il talento, la fatica, l’intelligenza, l’amicizia?

Ma sì. Tutto sommato sì.       

... è la democrazia, bellezza!

Libri per approfondire

Potrebbero interessarti anche

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto al carrello devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Per poter aggiungere un prodotto alla lista dei desideri devi essere loggato con un profilo Feltrinelli.

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto al carrello correttamente

Chiudi

Il Prodotto è stato aggiunto alla WishList correttamente